L'orca assassina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(EN)

« You revengeful son-of-a-bitch... you win! You want revenge? You'll have it! I'm coming to get you... I'll fight you! You revengeful son-of-a-bitch...... you win! Do you hear me? You win! »

(IT)

« Brutto figlio di puttana, ti vuoi vendicare... hai vinto tu! Vuoi la vendetta? L'avrai! Vengo dove vuoi tu... io ti ammazzo! Ti accontenterò brutto figlio di puttana... hai vinto tu! Mi senti? Hai vinto tu! »

(Nolan rivolgendosi all'orca dopo l'attacco alla gamba di Annie)
L'orca assassina
L'orca assassina.png
Scena finale, in cui l'orca rivolta la lastra di ghiaccio facendo cadere Nolan in mare.
Titolo originale Orca
Paese di produzione USA
Anno 1977
Durata 105 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller, avventura
Regia Michael Anderson
Soggetto Luciano Vincenzoni, Sergio Donati, Robert Towne, Arthur Herzog (romanzo)
Sceneggiatura Luciano Vincenzoni, Sergio Donati, Robert Towne
Produttore Dino De Laurentiis
Fotografia J. Barry Herron, Ted Moore
Montaggio John Bloom, Marion Rothman, Ralph E. Winters
Musiche Ennio Morricone
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'orca assassina (noto all'estero come Orca o Orca: The Killer Whale) è un film drammatico horror del 1977, parzialmente ispirato all'omonimo romanzo di Arthur Herzog, diretto da Michael Anderson e prodotto da Dino De Laurentiis, con protagonisti gli attori Richard Harris e Charlotte Rampling. Il film inizialmente fu scarsamente accolto da critica e pubblico, ed ebbe poco successo nei cinema, a causa anche della somiglianza con il film Lo squalo di Steven Spielberg, uscito solo due anni prima. Tuttavia, negli anni successivi, il film è stato rivalutato positivamente dalla critica ed è divenuto un fenomeno di culto attraverso la nicchia del sottogenere della categoria horror.[1] Richard Harris apprezzò molto la sua esperienza durante le riprese, e difese il film da ogni paragone fatto con Lo squalo.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il capitano Nolan è un pescatore di origini irlandesi che cattura e rivende fauna acquatica agli acquari per poter pagare il mutuo della barca e, un giorno, tornare in Irlanda. Durante una caccia ad uno squalo bianco, uno degli uomini del suo equipaggio, Ken, viene preso di mira dal pesce ma l'intervento di una grossa orca impedisce la tragedia uccidendo lo squalo. Quest'evento vede Nolan disinteressarsi dal catturare un semplice squalo e concentrarsi sulla cattura di un'orca. Durante la caccia ad un esemplare maschio, Nolan arpiona erroneamente un esemplare femmina che, una volta issata a bordo, abortisce mentre il suo compagno maschio, la vittima predesignata dal capitano, letteralmente urla per l'accaduto.

Il maschio cerca subito vendetta cercando di affondare l'imbarcazione ma Novak taglia la cima a cui è appesa la femmina che ricade in acqua calmando, apparentemente, le ire del maschio. Il mattino seguente, l'orca riporta il corpo senza vita della sua compagna sulla riva del mare ed Alan Swain, una volta ritrovato il cadavere, rimprovera Nolan per la sua azione imperdonabile. Il capitano, dapprima noncurante, accetta le sue responsabilità poco dopo.

Il problema è ben lungi dall'essere risolto, in quanto gli abitanti del luogo sostengono che l'orca stia perlustrando le acque del porto alla ricerca di Nolan e che ciò stia comportando un inusuale flusso migratorio dei pesci verso altre acque. In un palese gesto di sfida, l'orca affonda tutte le barche del porto in pieno giorno e, la notte seguente, taglia le riserve di carburante distruggendo le cisterne vicine al molo.

La dottoressa Rachel Bedford, esperta di orche, va a trovare Nolan spiegandogli che le orche sono molto simili all'uomo e di mettersi nei panni del cetaceo. In effetti, Nolan è legato all'orca da un destino comune; anch'egli perse sua moglie incinta per colpa di un incidente stradale causato da un ubriaco. Detto ciò, Nolan giura che non avrebbe cercato di combattere l'orca ma un improvviso attacco alla casa da parte del cetaceo cambia tutto. Nell'attacco, Annie, un membro dell'equipaggio costretta ad utilizzare le stampelle per una gamba rotta, viene mutilata dall'orca che le amputa una gamba con un morso. La risposta di Nolan è inequivocabile: "Hai vinto tu! Vuoi la vendetta? L'avrai!"

Il giorno dopo, Nolan, il suo equipaggio e la dottoressa Bedford inseguono l'orca dopo che lei stessa fa segnale al capitano di seguirla. Il mammifero intende liberarsi di tutti e comincia con Ken, ucciso mentre si trova sulla passerella esterna dell'imbarcazione. Giunti allo Stretto di Belle Isle, l'orca si libera di un altro membro dell'equipaggio, Paul, che morirà annegato. Gli attacchi si fermano fino all'alba del giorno seguente, quando il maschio spinge un iceberg contro la fiancata della barca che adesso inizia ad affondare. Poco dopo aver lanciato l'SOS di soccorso, Umilak, l'ultimo uomo dell'equipaggio, viene schiacciato sotto un enorme quantità di ghiaccio.

Nolan riesce ad arpionare l'orca ma non riesce a replicare l'attacco in quanto la barca è ormai affondata. Saltato su un iceberg insieme alla dottoressa Bedford, Nolan cerca di fermare l'orca a colpi di fucile ma la creatura lo fa scivolare in acqua per poi farlo ricadere rovinosamente su un iceberg con un colpo di coda violentissimo, uccidendolo. La dottoressa Bedford, impietrita dall'accaduto, viene risparmiata e aspetta i soccorsi richiesti pochi minuti prima. Durante i titoli di coda, la telecamera segue il tragitto dell'orca sotto le lastre di ghiaccio mentre cerca di spaccare il ghiaccio nel tentativo di riemergere. Ogni tentativo risulta vano quindi, probabilmente, morirà anche lei.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Allo sceneggiatore Luciano Vincenzoni fu chiesto da De Laurentiis un soggetto per un film. Dopo il grande successo del Lo squalo, De Laurentiis lo incaricò di "trovare un pesce più duro e terribile dello squalo bianco". Avendo poca conoscenza della fauna marina, Vincenzoni fu indirizzato alle orche marine da suo fratello Adriano, appassionato di zoologia.

Le riprese si svolsero in gran parte nella provincia di Newfoundland e nelle coste del Labrador durante la stagione di pesca. La maggior parte delle riprese si svolsero nella città di Petty Harbor, a circa 15 chilometri a sud della capitale di St. John. L'orca usata per le riprese era un esemplare addestrato, proveniente dall'acquario di San Francisco. Furono usate anche orche artificiali di gomma. Lo squalo usato all'inizio del film fu catturato dal noto pescatore di squali Ron Taylor.[3] Richard Harris instistette nel fare da sé le scene acrobatiche nelle sequenze ambientate nei ghiacci, senza l'ausilio di un vero stuntman, rischiando di morire diverse volte.[2] Per il film fu stimato un budget di 6 milioni di dollari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Remembering the Horror of Orca, The Killer Whale!, BloodyDisgusting.
  2. ^ a b (EN) Callan, Michael Feeney Richard Harris: Sex, Death & the Movies, Robson, 2004 ISBN 1-86105-766-0]
  3. ^ Luciano Vincenzoni, Pane e cinema: il racconto di una vita straordinaria consacrata al mondo del cinema, Gremese Editore, 2005, ISBN 88-8440-391-X

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema