L'operaio e la Kolkhoznitsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 55°49′42″N 37°38′44″E / 55.828333°N 37.645556°E55.828333; 37.645556

L'operaio e la Kolkhoznitsa
Рабо́чий и колхо́зница
L'operaio e la KolkhoznitsaРабо́чий и колхо́зница
Autore Vera Mukhina
Data 1937
Materiale acciaio inossidabile
Dimensioni 2400 cm 
Ubicazione Centro Panrusso delle Esposizioni, Mosca

L'operaio e la Kolkhoznitsa (in russo: Рабо́чий и колхо́зница, Rabočij i Kolchoznica) è una statua alta 24.5 metri in acciaio inossidabile eseguita da Vera Muchina per l'Esposizione Internazionale «Arts et Techniques dans la Vie moderne » (1937) tenutasi a Parigi, e successivamente trasferita a Mosca. Questa scultura è un esempio dello stile del realismo socialista, così come dello stile art déco. L'operaio tiene in alto un martello e la donna del kolchoz una falce, ricreando il simbolo della falce e martello.

La scultura venne originalmente eretta per coronare il padiglione sovietico, progettato da Boris Iofan, dell'esposizione internazionale. Gli organizzatori collocarono i padiglioni tedesco e sovietico l'uno di fronte all'altro lungo il boulevard principale del Trocadéro, lungo l'argine settentrionale della Senna. Albert Speer, incaricato di progettare il padiglione tedesco, ebbe modo di vedere alcuni disegni segreti inerenti al padiglione russo durante un giro d'ispezione del sito dell'Expo. Rimase colpito da «una coppia di figure scolpite.. incedenti trionfalmente verso il padiglione tedesco»[1] e progettò una risposta architettonica all'imponente gruppo scultoreo.[2]

Esposizione artistica a Parigi, 1937. I padiglioni dell'Unione Sovietica, tra cui la statua dell'operaio e la Kolkhoznitsa, sono posti di fronte a quelli della Germania nazista, storica rivale (prima degli Stati Uniti).

La Mukhina fu ispirata dallo studio di opere classiche, quali Armodio e Aristogitone, la Nike di Samotracia e La Marsigliese - gruppo scultoreo eseguito da François Rude per l'Arco di Trionfo[2] - per portare nel cuore di Parigi una composizione monumentale sulla fiducia nel socialismo. Il simbolismo delle due figure che avanzano da Est verso Ovest, determinato dalla disposizione del padiglione, non passò inossevato agli occhi degli spettatori.[3]

Sebbene, come la stessa Mukhina disse, la sua scultura avrebbe dovuto «continuare l'idea propria dell'edificio, e dunque la statua fosse intesa come una porzione inseparabile dell'intera struttura»,[4] al termine della fiera L'operaio e la Kolkhoznitsa venne ricollocata a Mosca, posta giusto al di fuori dell'Esposizione delle conquiste dell'economia nazionale.

Nel 1941, l'opera permise alla sua autrice di ottenere uno dei primi premi Stalin.[3]

La scultura è stata rimossa per restauro durante l'autunno del 2003, in preparazione per l'Expo 2010. Era programmato un ritorno al pubblico dell'opera nel corso del 2005, ma poiché l'Esposizione Internazionale non è stata assegnata a Mosca, ma a Shanghai, il processo di restauro è stato ostacolato da problemi di natura finanziaria. La scultura è tornata visibile al pubblico il 4 dicembre 2009, ora usa un nuovo padiglione come piedistallo, aumentando la sua altezza totale da 34.5 metri (il vecchio piedistallo era alto 10 metri) a 60 metri (il nuovo padiglione è alto 34.5 metri)

L'operaio e la Kolkhoznitsa fu scelta nel 1947 come logo per la casa di produzione cinematografica Mosfil'm. Può essere riconosciuta nei titoli di testa di molti film Russi prodotti dalla Mosfil'm stessa.

Una sua riproduzione in movimento (con falce e martello sospesi sopra l'arena) è stata protagonista della cerimonia di apertura dei Giochi olimpici invernali di Sochi 2014[5][6], a simboleggiare il periodo di grande industrializzazione seguito alla Rivoluzione Bolscevica.

La statua nei francobolli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inside the Third Reich, Speer
  2. ^ a b Art and Power: Europe under the dictators, 1995, ISBN 1853321486
  3. ^ a b Totalitarian Art, Golomstock, 1990 ISBN 0002721694
  4. ^ Arkhitekturnaya gazeta, 28 febbraio 1938
  5. ^ Olympics Opening Ceremony Offers Fanfare for a Reinvented Russia in The New York Times, 7 febbraio 2014. URL consultato il 9 febbraio 2009.
  6. ^ Sochi 2014 in five pictures in beranger.org, 7 febbraio 2014. URL consultato il 9 febbraio 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]