L'ombra dello scorpione (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ombra dello scorpione
Titolo originale The Stand
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1994
Formato miniserie TV
Genere horror
Stagioni 1
Puntate 4
Durata 366 min totali
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Ideatore Stephen King
Regia Mick Garris
Soggetto Stephen King (romanzo)
Sceneggiatura Stephen King
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Data 8 maggio 1994
Rete televisiva ABC
« La gente da queste parti mi chiama Mamma Abigail. Ho 106 anni e continuo a fare il pane con le mie mani »
(Mamma Abigail)

L'ombra dello scorpione (The Stand) è una miniserie televisiva del 1994 diretta da Mick Garris, tratta dall'omonimo romanzo di Stephen King. La sigla d'apertura della serie è Don't fear the reaper dei Blue Öyster Cult.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un potentissimo virus simile a quello dell'influenza creato in laboratorio e scappato al controllo dell'esercito si espande un bel giorno nell'aria estiva di una piccola cittadina del Maine. Non c'è una cura per questo virus e sembra che l'umanità sia sul punto di estinguersi. Ma un piccolo gruppo di persone risulta immune al virus. Il primo a dare segni di sopravvivenza è Stu, un texano, che sente il richiamo di un'anziana veggente di colore, Abigail Freemantle, detta Mother Abigail. Durante il suo cammino verso la casa di Mother Abigail, Stu incontrerà altri sopravvissuti che, come lui, hanno sentito il richiamo della veggente e vanno da lei per capire il significato del messaggio. Insieme, i sopravvissuti si uniranno per sconfiggere le forze del male guidate da Randall Flagg, un'incarnazione del Diavolo.

Cast[modifica | modifica sorgente]

Com'è consuetudine nei film di Stephen King, lo stesso autore appare in vari camei, questa volta nel ruolo di uno dei sopravvissuti che hanno sentito il richiamo di Mamma Abigail. Oltre a King, molte altre celebrità hanno partecipato al film, chi facendo un ruolo maggiore e chi uno minore. Si possono vedere camei di John Landis, Sam Raimi, Kathy Bates e persino l'ex giocatore di basket Kareem Abdul-Jabbar, già visto in L'aereo più pazzo del mondo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione