L'isola di Arturo (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'isola di Arturo
Autore Elsa Morante
1ª ed. originale 1957
Genere Romanzo
Sottogenere Romanzo di formazione
Lingua originale italiano

L'isola di Arturo è un romanzo di Elsa Morante, vincitrice con tale libro del Premio Strega nel 1957. Dal romanzo venne tratto un omonimo film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato intorno al 1938. Arturo Gerace è nato sull'isola di Procida e vive lì tutta l’infanzia e l’adolescenza. L'isola racchiude tutto il suo mondo, e tutti gli altri posti esistono per lui solo nella dimensione della leggenda. Passa il suo tempo a leggere storie sugli “eccellenti condottieri”, a studiare l’atlante per progettare i suoi viaggi futuri e a fare fantasie sulla figura del padre che crede il più grande eroe della storia. Tutto ciò che è legato al padre Wilhelm per lui è sacro. Anche gli amici del padre sono per lui delle figure mitiche: il solo fatto di essere stati degni di amicizia li rende ai suoi occhi delle persone straordinarie.

Arturo è orfano della madre, morta nel darlo alla luce, e non ha mai conosciuto una donna: nei momenti di assenza del padre vive esclusivamente in compagnia della sua bianca cagna Immacolatella a cui è molto legato. Quando il padre porta a casa Nunziata, una nuova sposa, Arturo ne è inconsapevolmente attratto e prova sentimenti contrastanti che non riesce a spiegarsi; non riesce nemmeno a chiamarla per nome reputandola, almeno all'inizio, un essere brutto e inferiore e non tollerando che ella possa sostituirsi alla madre defunta. Nelle lunghe assenze del padre sono loro soli a vivere nella grande casa. Nunziata cerca di instaurare un rapporto con Arturo, ma lui, geloso delle attenzioni che Wilhelm le riserva nei primi mesi di matrimonio, oppone un muro impenetrabile.

Tutto cambia quando a loro si aggiunge il piccolo Carmine Gerace, il figlio di Nunziatella e del padre. Durante la notte del travaglio, Arturo sente Nunziata urlare e disperarsi, ha il terrore che, come sua madre, anche la matrigna possa morire di parto. Dopo la nascita del bambino, Nunziatella si dedica completamente a Carmine e Arturo ne diventa terribilmente geloso. Soprattutto invidia al fratellastro il fatto di avere una madre affettuosa, che vive per lui e lo riempe di baci, cosa che in particolare colpisce Arturo, che una madre non l'ha avuta e crede di non essere mai stato baciato. La sua gelosia per la maternità di Nunziata è tale che, per attirare l'attenzione della matrigna, decide di inscenare un suicidio ingurgitando delle pastiglie di sonnifero lasciate incustodite dal padre. La dose ingerita, che Arturo sapeva con certezza non essere sufficiente a uccidere un uomo, si rivela però abbastanza forte per un ragazzo, e il giovane si salva in virtù della sua ottima forma fisica. Così Arturo trascorre circa una settimana a letto, in un torpore surreale durante il quale gode della attenzioni di Nunziatella, sempre al suo capezzale, preoccupata per il figliastro. Appena guarito, Arturo per la gioia le corre incontro e la bacia sulla bocca, chiamandola per la prima volta per nome. Rimane stupito nell'essere rifiutato dalla matrigna e dalla paura che la donna dimostra nei suoi confronti. Arturo nota una sorta di conflitto in Nunziata: la donna è divisa dalla lotta tra la sua volontà, il suo dovere di moglie e cristiana e l'affetto/amore che sicuramente prova per il ragazzo. Nunziata comincia a evitare il figliastro. Inizialmente Arturo si risente per l'allontanamento, non comprendendo nemmeno i propri sentimenti verso Nunziatella.

Ormai evitato dalla matrigna, Arturo fa conoscenza di un'amica di Nunziatella, Assunta, una giovanissima vedova che lo inizia al sesso. In occasione della sua prima esperienza sessuale si rende conto che i sentimenti contrastanti che prova verso Nunziata nascondono anche l'attrazione di un uomo per una donna: infatti, Arturo si morde a sangue il labbro inferiore per impedirsi di gridare il nome della matrigna. Pur non amando Assuntina, Arturo intreccia con lei una relazione, per sfogare l'amore represso verso Nunziatella; quando scopre di non essere l'unico amante della donna,deluso, la abbandona ingiuriandola.

Al ritorno di Wilhelm Gerace a Procida, Arturo, che ha preso l'abitudine di aspettare suo padre ogni giorno al molo come da bambino, vede il padre, che, agitato, gli dice di precederlo a casa. Arturo invece aspetta, stupendosi dell'agitazione e dell'inquietudine di Wilhelm, e scopre che il padre stava aspettando lo sbarco di un carcerato, un giovane bruno, dall'aria strafottente che immediatamente desta l'antipatia e l'odio di Arturo. Wilhelm conduce una vita schiva, ignorando la moglie e i figli; nei suoi disperati vagabondaggi estivi rifiuta perfino la compagnia di Arturo. Un pomeriggio Arturo si imbatte per caso in Wilhelm e lo segue di nascosto, arrivando fino al Penitenziario dell'isola, dove il padre si mette a cantare rivolto a una delle finestre. Non ricevendo risposta, Wilhelm si mette a fischiare in un codice che Arturo pensava essere un segreto tra lui e suo padre. Finalmente, il carcerato si mostra alla finestrella e fischia in risposta, in codice, un insulto: "parodia". Alla vigilia del compleanno di Arturo, rincasando a casa a tarda sera il ragazzo trova il carcerato, Tonino Stella, rilasciato per amnistia e ospite di Wilhelm. Da lui scopre che il padre, ch'egli ha sempre creduto un grande viaggiatore e un eroe, non si allontana mai di molto durante i suoi viaggi. Si intuisce una relazione omosessuale tra Wilhelm Gerace e Tonino Stella, che per un viaggio di 15 giorni verrà ricompensato con un capitale sufficiente da permettergli, al suo ritorno a Roma, di aprire un garage e di sposare la sua ragazza. All'arrivo di Wilhelm, Arturo litiga col padre. L'indomani mattina, Arturo rifiuta anche l'ultimo tentativo conciliante del padre, diretto al porto di Procida.

Il giorno successivo confessa il suo amore a Nunziata e tenta di baciarla, ma, respinto, lotta con lei, ferendole il lobo dell'orecchio. Fugge allora, con l'intenzione di andarsene per sempre dall'isola e si nasconde in una grotta per non essere trovato. Incontra Silvestro, il garzone che gli aveva fatto da "balio" e si era preso cura di lui nei primi anni di vita, allattandolo con latte di capra e decide di prendere il piroscafo insieme a lui, il giorno seguente e anche di arruolarsi come volontario nella seconda guerra mondiale, per mettersi alla prova in combattimento, come ha sempre sognato durante l'infanzia. Silvestro va alla casa dei Gerace e riferisce a Nunziata il messaggio affidatogli da Arturo: che il ragazzo è già partito e gli ha chiesto di preparargli una valigia con tutti i suoi scritti e le sue cose. Nunziata consegna a Silvestro l'orecchino d'oro che Arturo le ha strappato nella baruffa della mattina e un pezzo di pizza dolce, che aveva cucinato apposta per il compleanno del figliastro, perché li porti ad Arturo.

Arturo, insieme a Silvestro, lascia Procida, e non guarda l'isola allontanarsi e confondersi all'orizzonte, ma riapre gli occhi solo quando ormai è sparita allo sguardo.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Elsa Morante, L'isola di Arturo, collana Einaudi tascabili, Einaudi, 1957, pp. 379.
  • Elsa Morante, L'isola di Arturo in Supercoralli, Torino, Einaudi, 1957.
  • Elsa Morante, L'isola di Arturo in Gli struzzi, Introduzione di Cesare Garboli, Torino, Einaudi, 1975.
  • Elsa Morante, L'isola di Arturo in ET Scrittori, Torino, Einaudi, 1995.
  • Elsa Morante, L'isola di Arturo. Premio Strega 1957 in Collezione Premio Strega, Introduzione di Cesare Garboli, Torino, UTET, 1995.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • trad. finlandese di Alli Holma, Arturon saari, 1958
  • trad. svedese di Karin Alin, Arturos ö, 1959
  • trad. norvegese di Hans Braarvig, Arturos øy, 1959
  • trad. tedesca di Susanne Hurni-Maehler, Arturos Insel, 1959
  • trad. inglese di Isabel Quigly, Arturo's Island, 1960
  • trad. spagnola di Eugenio Guasta, La Isla de Arturo, 1960
  • trad. polacca di Barbara Sieroszewska, Wyspa Artura, 1960
  • trad. olandese di J.H. Klinkert-Pötters Vos, Het eiland van Arturo, 1960
  • trad. francese di Michel Arnaud, L'Île d'Arturo, 1963
  • trad. giapponese di Teruo Ōkubo, 禁じられた恋の島 (Kinjirareta koi no shima), 1964
  • trad. catalana di Joan Oliver, La Meva illa, 1965
  • trad. ungherese di Éva Dankó, Arturo szigete, 1966
  • trad. slovena di Cvetka Žužek-Granata, Arturov otok, 1976
  • trad. danese di Jytte Lollesgaard, Arturos ø, 1984
  • trad. islandese di Troels Møller, Arturos ø, 1985
  • trad. danese di Jørgen Weel, Arturos ø, 1986
  • trad. serba di Jasmina Livada, Arturovo ostrvo, 1987
  • trad. coreana di Kim Ŭn-ch'ŏn omgim, 금지된사랑의섬 (Kŭmji toen sarang ŭi sŏm), 1989
  • trad. greca di Thanasē Metsimenidē, To nēsi tou Artouro, 1992
  • trad. ebraica di Miryam Shusṭerman-Padovano, ha-I shel Arturo, 1997
  • trad. portoghese di Loredana de Stauber Caprara e Regina Célia Silva, A ilha de Arturo, 2003
  • trad. turca di Şadan Karadeniz e Pınar Savaş, Arturo'nun adası, 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura