L'incredibile Hulk (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'incredibile Hulk
The Incredible Hulk.jpg
Titolo originale The Incredible Hulk
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1977-1982
Formato serie TV
Genere azione, supereroi
Stagioni 5
Episodi 83
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio
Crediti
Ideatore Kenneth Johnson
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche Joe Harnell
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 7 novembre 1977
Al 12 maggio 1982
Rete televisiva CBS
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal
Al
Rete televisiva Televisioni locali
Italia 1 (repliche)
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal
Al
Rete televisiva Duel TV
« Dentro ognuno di noi, inaspettatamente, dimora una furia potente e rabbiosa. »
(frase di apertura dell'episodio pilota)

L'incredibile Hulk è una serie televisiva trasmessa negli Stati Uniti d'America dal 1978 al 1982, per un totale di 83 episodi. Liberamente ispirata al personaggio dei fumetti Marvel Comics Hulk, si discosta dalle atmosfere fantasiose del fumetto, abbracciando per lo più tematiche sociali e il tema del fuggitivo per la persona di David Bruce Banner.

La serie televisiva, trasmessa con successo anche in Italia a partire dagli anni ottanta, è stata interpretata da Bill Bixby nella parte di David Bruce Banner e da Lou Ferrigno, noto culturista, nella parte di Hulk.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La serie racconta la storia di uno scienziato geniale, il dottor David Bruce Banner, un ricercatore di fama mondiale, specializzato in radiazioni, biologia molecolare e scienze genetiche, che lavora al Culver Insititute in California. Rimasto vedovo in seguito a un terribile incidente d'auto, Banner, sconvolto nel proprio animo per non essere riuscito a salvare la moglie, si tuffa a capofitto nelle ricerche genetiche e radiologiche per sfruttare appieno la forza fisica nascosta in ciascun essere umano.

Trovata una connessione con i raggi gamma, lo scienziato ne utilizza una dose massiccia per bombardare segretamente il proprio corpo. Il suo sistema nervoso e le sue cellule ne risultano pesantemente colpiti, e da allora succede che ad ogni scatto d'ira, o ad ogni sensazione di paura o agitazione, egli reagisce assumendo le sembianze di un gigantesco e terrificante mostro verde, privo di intelligenza e incapace di parlare, ma dotato di una forza imparagonabile, mosso completamente dalla rabbia e dal bisogno di distruggere tutto ciò che vede, per sfogare le proprie pulsioni. Hulk è alto quasi due metri, è di colore verde e dispone di istantanee capacità di guarigione e di rigenerazione dalle ferite, grazie al suo metabolismo, che lavora a una velocità sei volte maggiore del normale.

Quando lo stato di rabbia svanisce, la metamorfosi si inverte. Durante le febbrili ricerche, David scopre come l'essere che porta dentro si risvegli grazie a un ormone che il suo cervello rilascia come reazione contro l'adrenalina, in momenti in cui è preda da forti emozioni quali la paura o la collera, e che la forza fisica di Hulk aumenta o diminuisce a seconda dell'intensità di queste emozioni primarie.

I primi ad avvistare la creatura sono un pescatore e la sua figlioletta, che lo denunciano alla polizia. Subito dopo, il giornalista Jack McGee, che le dà il nome di Hulk (che in inglese significa carcassa, persona grande e goffa). Fornita una sua descrizione alla polizia, questo reporter senza scrupoli giura di dare la caccia al colossale mostro furente, intento a realizzare l'articolo del secolo.

Quando McGee si reca al laboratorio di David e della collega Elaina Marks, e inavvertitamente lo distrugge causando la morte di Elaina, Banner si trasforma in Hulk, e McKee viene conseguentemente creduto ucciso da lui. Approfittando di questo alibi, lo scienziato lascia immediatamente la propria città alla ricerca di una cura alla propria sofferenza.

In ogni paese o città in cui approda sotto falso nome per trovare qualcuno che possa aiutarlo, incappa in qualche brutta faccenda che porta agli scatti d'ira che causano ogni volta la metamorfosi nel mostruoso Hulk, seguita da una visita dell'implacabile McGee, dal quale deve scappare per evitare un colossale scoop giornalistico. Hulk ha in sé tutte le memorie e sensazioni di Banner, da cui è condizionato essendo una sua parte fisica e mentale, e ogni volta che si risveglia si limita a salvare gli amici dello scienziato dai guai, e a scappare per evitare la cattura. Ma ogni volta che il procedimento si inverte, Banner non è in grado di ricordare le azioni compiute dal suo alter ego.

David Bruce Banner intende sopprimere Hulk, e sotto falso nome vaga per gli Stati Uniti d'America alla ricerca di una cura al suo problema, ma senza successo. Con il tempo scopre che il mostro che porta dentro di sé non è il primo, ma l'ultimo di una lunga serie: nella preistoria, con l'intervento delle supernove, il sole ha più e più volte scatenato superdosi di raggi gamma investendo gli uomini della pietra, i quali avevano identificato una cura in una pianta ora estinta.

Particolarmente significativo è l'episodio in due parti L'altro (The First), facente parte della quarta stagione (4.12-4.13). In esso Banner, con il nome di David Burr, fa il suo arrivo in una città in cui aveva vissuto un ricercatore, il dottor Clive, che una ventina di anni prima aveva condotto i suoi stessi esperimenti, i quali avevano a loro volta portato il soggetto dell'esperimento bombardato dalle radiazioni gamma all'identica metamorfosi che ora affligge lui. Questo primo Hulk artificiale è dimorante nella mente e nel corpo di un manovale di pessime condizioni di salute di nome Dell Frye.

Hulk è stato la speranza di guarigione della dottoressa Caroline Fields, una rinomata psicoterapeuta affetta da una forma di degenerazione cellulare con convulsioni simili all'epilessia, e che per breve tempo è stata la moglie di Banner. Un campione di tessuto di Hulk, prelevato dalla sua pelle, sarebbe bastato per salvare la vita della moglie del suo alter ego umano, ma la donna perde la vita durante il viaggio all'ospedale.

Dopo dodici anni di peregrinazioni, periodo in cui il mostro verde è stato visto qua e là per l'America, David Banner entra in contatto con il dottor Ronald Pratt, lo scienziato che ha ispirato influenti scienziati come Clive e Banner nel campo radiologico e genetico.

Pratt si rivela notevolmente interessato a Hulk, ritenendolo, per complessità ed efficienza biologica, in grado di curare molte malattie che al momento affliggono la specie umana. Prima di somministrare a Banner una cura, ne studia con precisione la creatura, considerandola come l'approdo naturale di tutte le loro decennali ricerche.

A questo punto, però, si intromette un'organizzazione terroristica interessata al lavoro di Pratt, con l'intenzione di venderlo al migliore offerente. In un disperato tentativo di salvare l'amico scienziato dalle grinfie di questi criminali, sia il dottor Banner che Hulk muoiono al termine di una caduta da un aeroplano esploso, sfracellandosi sull'asfalto di una pista di decollo.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Precedentemente alla messa in onda della serie televisiva, furono realizzati, nel 1977, due film per la televisione: L'incredibile Hulk (The Incredible Hulk, 4 novembre 1977 -Durata 94min-[1]), Morte in famiglia (Death in the Family, 28 novembre 1977 -Durata 95 min-[2]), cui fece seguito le serie TV alcuni mesi più tardi.

La serie è durata dal 1978 al 1982 raggiungendo le cinque stagioni complessive, composte da 81 episodi in totale.

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 12 4 novembre 1977-31 maggio 1978
Seconda stagione 23 22 settembre 1978-25 maggio 1979
Terza stagione 23 21 settembre 1979-11 aprile 1980
Quarta stagione 18 7 novembre 1980-22 maggio 1981
Quinta stagione 7 2 ottobre 1981-12 maggio 1982

Film per la televisione e conclusione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi La rivincita dell'incredibile Hulk, Processo all'incredibile Hulk e La morte dell'incredibile Hulk.

Alla serie televisiva sono seguiti tre film per la televisione:

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Per la parte del dottor David Bruce Banner si considerò fin dal principio Bill Bixby, mentre per la parte di Hulk Lou Ferrigno fu scelto solo in un secondo momento, dopo Arnold Schwarzenegger e Richard Kiel.
  • Il personaggio del reporter Jack McGee fu creato appositamente per la serie televisiva, interpretato da Jack Colvin, in sostituzione del generale Ross, che nei fumetti dà la caccia a Hulk ritenendolo una minaccia per la sicurezza nazionale.
  • Frank Orsatti, produttore e regista di numerosi episodi della serie, è stato anche la controfigura di Bill Bixby, mentre Manuel Perry fu lo stuntmen per Lou Ferrigno.
  • Ci sono vari riferimenti alla serie nella serie I Griffin. Come nella puntata 2x20 "Talento Sprecato" dove Stewie imita la scena triste di Bruce che chiede il passaggio e Peter suona con il pianoforte il singolo "Lonely Man". E in un'altra puntata si imita la sigla della serie.
  • Era prevista la produzione di un quarto film di Hulk, in cui David sarebbe resuscitato dalla morte insieme al suo demone verde. Nel film sarebbero apparsi i personaggi di She-Hulk e Iron Man, dei quali sarebbe stata per ciascuno successivamente prodotta una seria televisiva, ma Bill Bixby morì nel 1993 di cancro alla prostata, e il progetto naufragò.[senza fonte]
  • Kenneth Johnson viene descritto come il "padre televisivo" di Hulk.
  • Nel film Hulk del 2003, Lou Ferrigno, l'unico membro del cast ancora in vita (Bixby e Colvin sono morti) compare in un breve cameo nella parte di un agente di sicurezza del laboratorio. È presente anche in una scena tagliata, in cui il giovane Bruce Banner lo avverte della presenza di un barboncino sospetto al piano di sopra. Ha inoltre doppiato Hulk nei cartoni animati prodotti sul personaggio. Ferrigno ritorna in un altro cameo (sempre come guardia giurata) nel film del 2008 "L'incredibile Hulk", con Edward Norton nella parte di Bruce Banner.Nello stesso film è anche il doppiatore di Hulk.
  • Lou Ferrigno è il doppiatore di Hulk nel film The Avengers (2012).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Watch The Incredible Hulk 1977 Movie Free
  2. ^ Amazon.com: The Death of the Incredible Hulk: Lindsay Bourne, Chilton Crane, Justin DiPego, Carla Ferrigno, Lou Ferrigno, Duncan Fraser (II), Elizabeth Gracen, Fred Henderson,...

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z