L'imperatore di Capri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'imperatore di Capri
L'imperatore di capri - totò - comencini.png
Il sogno di Totò
Titolo originale L'imperatore di Capri
Paese di produzione Italia
Anno 1949
Durata 85 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere comico, commedia
Regia Luigi Comencini
Soggetto Teresa Ricci Bartolini, Gino De Santis
Sceneggiatura Vittorio Metz, Marcello Marchesi, Luigi Comencini
Produttore Carlo Ponti
Fotografia Giuseppe Caracciolo
Montaggio Otello Colangeli
Musiche Felice Montagnini
Scenografia Carlo Egidi
Costumi Anna Maria Fea
Interpreti e personaggi

L'imperatore di Capri è un film del 1949, diretto da Luigi Comencini.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Antonio De Fazio lavora come cameriere in un albergo napoletano. Un'ospite dell'hotel, Sonia Bulgarov, scambiandolo per il Bey Khan di Agapur, l'uomo più ricco del mondo, gli dà un appuntamento. Viene così invitato, insieme a un suo amico anche lui residente dell'hotel, a Capri, dove, creduto anche qui il Bey, riceve le attenzioni della gente più chic dell'isola che fa di tutto per imitarlo e "aggiudicarselo": oltre a Sonia, le cui scelte sono decise dal suo losco marito Osvaldo che la ipnotizza, ci sono la baronessa tedesca necrofila Von Krapfen e la sensuale chitarrista Emanuela. Totò dovrà affrontare varie peripezie sull'isola e a minacciare di rovinare ogni cosa sarà l'arrivo di sua moglie e sua suocera, ma il lieto fine è assicurato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]