L'avamposto degli uomini perduti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'avamposto degli uomini perduti
Titolo originale Only the Valiant
Paese di produzione USA
Anno 1951
Durata 105 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Gordon Douglas
Soggetto Charles Marquis Warren (romanzo)
Sceneggiatura Edmund H. North
Harry Brown
Produttore William Cagney
Fotografia Lionel Lindon
Montaggio Walter Hannemann, Robert S. Seiter
Musiche Franz Waxman
Scenografia Wiard Ihnen
Armor Marlowe (set decorator)
Trucco Gordon Bau
Interpreti e personaggi

L'avamposto degli uomini perduti (Only the Valiant) è un film del 1951 diretto da Gordon Douglas, con Gregory Peck e Barbara Payton.

Prodotto da William Cagney (fratello di James Cagney), è basato sull'omonimo romanzo del 1943 di Charles Marquis Warren.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il capitano Richard Lance è ritenuto ingiustamente responsabile, dai suoi uomini e dalla sua fidanzata, del massacro e della morte di una giovane da parte degli indiani. Il tenente Holloway viene ucciso mentre scorta un capo indiano pericoloso alla prigione di un altro forte. Il capo scappa.

Sapendo che il loro forte è in pericolo di attacco indiano, Lance porta un piccolo gruppo di uomini ad un fortino abbandonato per difendere il passaggio sulle montagne contro l'imminente assalto indiano. La loro missione è fermarli per un certo tempo fino a che arrivino i rinforzi. Gli uomini in questo piccolo gruppo di disertori, e psicopatici, odiano Lance e sperano che muoia. Ma l'ammirazione per la sua determinazione e il suo coraggio, la sua capacità militare e di comando, sono l'unica opportunità che il gruppo ha di sopravvivere e si convincono alla fine a collaborare alla difesa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema