L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione
Le Débarquement du congrès de photographie à Lyon (1895).jpg
L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione
Titolo originale Le Débarquement du congrès de photographie à Lyon o L'arrivée des congressistes à Neville-sur-Saone (o altri titoli alternativi)
Paese di produzione Francia
Anno 1895
Durata 43 sec
Colore B/N
Audio muto
Genere documentario
Regia Louis Lumière
Produttore Auguste e Louis Lumière
Fotografia Auguste e Louis Lumière
Interpreti e personaggi

Attori non professionisti

L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione è un cortometraggio dei fratelli Auguste e Louis Lumière, compreso tra i dieci film che vennero proiettati al primo spettacolo pubblico di cinematografo del 28 dicembre 1895 al Salon indien du Grand Café di Boulevard des Capucines a Parigi. [1]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Targa a Neuville che ricorda il luogo dove venne girato il film

Il film era stato girato nel giugno 1895 a Neuville-sur-Saône e raffigurava lo sbarco di alcuni partecipanti al congresso fotografico di Lione, alcuni accompagnati dalle signore. Molti di essi hanno sottobraccio strumenti fotografici come treppiedi, soffietti e apparecchi vari.

Questo film è particolarmente interessante per il fatto che alcuni congressisti conoscono l'operatore (sicuramente uno dei due Lumière stesso) e, conoscendolo, lo salutano con gesti, cenni o togliendosi il cappello. A differenza quindi delle regole del cinema "classico" codificate in seguito, l'operatore non è invisibile, ma anzi la sua presenza influenza l'azione stessa.


Critica[modifica | modifica wikitesto]

Georges Sadoul:

« Louis Lumière fu il primo operatore di avvenimenti di attualità allorché, nel giugno del 1895, filmò lo sbarco dei partecipanti al congresso della fotografia a Neuville-sur-Saône. Le Débarquement des congressistes fu proiettato loro ventiquattr'ore più tardi, seguito dal colloquio tra l'astronomo Janssen e il signor Lagrange, dindaco di Neuville. Durante la proiezione, Lagrange, nascosto dietro lo schermo ripeté le parole pronunciate durante il colloquio. Primo e ingenuo tentativo di cinema parlato. »
(Georges Sadoul, Storia del cinema mondiale, p. 33.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.institut-lumiere.org/francais/films/1seance/accueil.html

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Bernardi, L'avventura del cinematografo, Marsilio Editori, Venezia 2007. ISBN 978-88-317-9297-4
  • Gianni Rondolino, Manuale di storia del cinema, UTET, Torino 2010. ISBN 978-88-6008-299-2
  • Georges Sadoul, Storia del cinema mondiale, Feltrinelli, Milano 1964.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) L'arrivo dei fotografi al congresso di Lione in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema