L'armata a cavallo (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'armata a cavallo
Titolo originale Csillagosok, katonák
Lingua originale ungherese
Paese di produzione Ungheria, URSS
Anno 1968
Durata 94 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere guerra
Regia Miklós Jancsó
Soggetto Gyula Hernádi, Miklós Jancsó, Giorgi Mdivani
Sceneggiatura Gyula Hernádi, Miklós Jancsó, Giorgi Mdivani, Luca Karall, Valeri Karen
Produttore Jenoe Goetz, András Németh Kirill Sirjajev
Casa di produzione Mafilm, Budapest - Mosfil'm, Mosca
Distribuzione (Italia) Italnoleggio Cinematografico
Fotografia Tamás Somló
Montaggio Zoltán Farkas
Scenografia Anatoli Burdo, Boris Chebotaryov, Ferenc Kopp
Costumi Maya Abar-Baranovskaya, Gyula Várdai
Interpreti e personaggi

L'armata a cavallo (Csillagosok, katonák) è un film ungherese diretto nel 1968 da Miklós Jancsó e tratto dall'omonima opera letteraria scritta da Isaak Babel' nel 1926.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Russia, 1918. Un gruppo di rivoluzionari viene fatto prigioniero da una formazione appartenente all'Armata Bianca. Alcuni di essi, sfuggiti alla sommaria fucilazione, si nascondono nei boschi e raggiungono un campo zarista, in alcune baracche che sono state adibite a ospedale. Nascosti dalle stesse infermiere, vengono scoperti e uccisi.

Un altro gruppo di ribelli riesce intanto a occupare la zona e a fare prigionieri i bianchi: questi vengono costretti a cambiare divisa e a combattere per loro. Ma sull'altra sponda del fiume c'è un'intera armata dell'esercito bianco, che sgomina i rivoluzionari in un bagno totale di sangue. Solo un rivoluzionario sopravvive al massacro e non gli rimane che vagare nel campo cosparso di cadaveri.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema