L'arbitro (film 1974)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'arbitro
Bruno Pizzul - L'arbitro.jpg
Bruno Pizzul in una scena del film
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 112 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Luigi Filippo D'Amico
Soggetto Luigi Filippo D'Amico
Sceneggiatura Raimondo Vianello, Sandro Continenza, Giulio Scarnicci, Luigi Filippo D'Amico
Produttore Gianni Hecht Lucari
Casa di produzione Documento Film
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Sergio D'Offizi
Montaggio Marisa Mengoli
Musiche Guido e Maurizio De Angelis
Tema musicale Football Crazy cantata da Giorgio Chinaglia
Scenografia Walter Patriarca
Costumi Walter Patriarca
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'arbitro è un film di Luigi Filippo D'Amico del 1974 con Lando Buzzanca e Joan Collins.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'arbitro di calcio Carmelo Lo Cascio di Acireale, vive per raggiungere il successo e diventare un arbitro internazionale. Deve però anche accontentare gli appetiti sessuali della legittima consorte e di un'amante molto esigente. Lo Cascio, per migliorare le sue performance professionali e non, inizierà ad assumere anfetamine in modo sempre più massiccio, fino al punto di impazzire: durante una partita di calcio internazionale rifiuta di fischiare la fine dell'incontro e viene portato via dalla Polizia.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film recitano, nella parte di loro stessi, molti personaggi del mondo del calcio, tra cui Bruno Pizzul e Nicolò Carosio.
  • La figura dell'arbitro interpretato da Lando Buzzanca è ispirata, anche per l'assonanza del nome, a Concetto Lo Bello.
  • La canzone dei titoli di testa, "Football Crazy", è cantata da Giorgio Chinaglia.
  • Girato quasi per intero ad Acireale, ad eccezione di alcuni esterni girati allo stadio di Terni ed in uno stadio in Kenia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]