L'amore è più freddo della morte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'amore è più freddo della morte
L'amore è più freddo della mortе.png
una scena del film
Titolo originale Liebe ist kälter als der Tod
Paese di produzione Germania Ovest
Anno 1969
Durata 88 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, noir
Regia Rainer Werner Fassbinder
Soggetto Rainer Werner Fassbinder
Sceneggiatura Rainer Werner Fassbinder
Produttore Rainer Werner Fassbinder
Fotografia Dietrich Lohmann
Montaggio Rainer Werner Fassbinder (con lo pseudonimo di Franz Walsch)
Musiche Peer Raben, Holger Münzer
Scenografia Rainer Werner Fassbinder
Interpreti e personaggi

L'amore è più freddo della morte è un film del 1969 diretto da Rainer Werner Fassbinder.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Franz è un magnaccia da quattro soldi che convive con Joanna e la sfrutta. Attratto fisicamente da Bruno (Ulli Lommel), il gangster messo alle sue calcagna dal racket al quale rifiuta di sottomettersi, diventa amico di quest'ultimo al punto che accetta di dividere con lui persino la propria ragazza. Joanna però rifiuta e informa la polizia di un loro piano per una rapina in banca.

Bruno dà ordine di ucciderla, ma muore durante una sparatoria con la polizia, mentre Franz e Joanna riescono a fuggire.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

L'amore è più freddo della morte è il primo lungometraggio del regista bavarese dopo due corti girati nel 1965 e nel 1967. E già presente, insieme con la struttura triangolare di base (due uomini e una donna), il rapporto di padrone e vittima, tipico di Fassbinder che ritroviamo anche in Come gocce su pietre roventi sua prima produzione teatrale del 1965.

Girato a basso costo in 24 giorni nei dintorni di Monaco, il film fu presentato in anteprima al Festival di Berlino il 26 giugno 1969.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Enrico Magrelli, Giovanni Spagnoletti: Tutti i film di Fassbinder. Ubulibri, 1983