L'amante (film 1970)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'amante
L'amante (Sautet) in auto.jpg
Romy Schneider e Michel Piccoli
Titolo originale Les Choses de la vie
Paese di produzione Francia, Italia, Svizzera
Anno 1970
Durata 83 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Claude Sautet
Soggetto Paul Guimard
Sceneggiatura Paul Guimard, Claude Sautet, Jean-Loup Dabadie
Fotografia Jean Boffety
Montaggio Jacqueline Thiédot
Musiche Philippe Sarde
Interpreti e personaggi
Premi

L'amante è un film del 1970 diretto da Claude Sautet, basato sul romanzo Trappola d'amore di Paul Guimard.

Selezionato per il concorso del 23º Festival di Cannes, fu squalificato in quanto già distribuito nelle sale.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Pierre è un professionista affermato e da tempo convive a Parigi con una giovane e bellissima amante, Hélène. Un viaggio di affari a Tunisi può essere l'opportunità per consolidare il loro rapporto. Ma Pierre quando va a trovare suo figlio adolescente, non riesce a negargli la promessa di una vacanza insieme e rimanda nuovamente il viaggio in Africa. Il legame con la sua famiglia è ancora forte ma poi non se la sente di rompere con quella ragazza che gli ha cambiato la vita.

Hélène però è insofferente e non sopporta più questa situazione irrisolta. Dopo una freddissima serata, ospiti dei genitori di lei, i due litigano e Pierre, che aveva un impegno a Rennes la mattina dopo, non si ferma per niente a casa, è scombussolato e nervoso e decide di viaggiare tutta la notte. Scrive una lettera d'addio ad Hélène ma quando si decide a spedirla ci ripensa. Riprende l'auto e in un terribile incidente perde la vita, non dopo aver avuto la possibilità di ripercorrere col pensiero tutte le emozioni vissute e quelle perdute.

Nell'inutile corsa all'ospedale, Catherine, la moglie di Pierre, arriva prima. Trova la lettera d'addio indirizzata alla sua amante, la legge e la distrugge prima che la ragazza, scossa quanto e più di lei, la possa leggere.

Commento[modifica | modifica sorgente]

L'incidente è il centro del film. Smontato e rimontato accompagna a brandelli tutta la pellicola. È il momento fatale nel quale si spezza la vita di Pierre senza che questi abbia capito ancora bene cosa fare dei suoi sentimenti. Le certezze sono il figlio e la vacanza in barca a vela che si propone di fare con lui. Poi ci sono l'amore per la moglie e quello per la sua amante ma qui mettere ordine è complicato e saranno "le cose della vita" a sistemare tutto.

La scena finale nella quale la moglie, da sempre gelosa e immaginiamo tutt'altro che amorevole con la giovane amante, preferisce evitare a questa un inutile ulteriore dolore facendole leggere la lettera con la quale Pierre le diceva addio, è di quelle che colpiscono profondamente e ha contribuito sostanzialmente alla fama di questo film che a distanza di tanti anni desta ancora molto interesse.

La qualità migliore di Sautet sta proprio nella narrazione, capace di coinvolgere con un tocco delicato che affonda nella psicologia dei personaggi e sa farsi strada nella sensibilità dello spettatore.

Il successo di questo film, la più grande affermazione internazionale di Sautet, lo si deve senza dubbio anche alle ottime interpretazioni dei tre protagonisti: Piccoli, Schneider e Massari.

Al di là del valore artistico dell'opera, ma solo come annotazione tecnica, si può notare come in questo film, come tanti prodotti in quel periodo, risalta la costante presenza di scene in cui i protagonisti fumano sigarette (nella scena della "carta da parati" anche sigari) praticamente per tutta la durata del film, e senza che la cosa sia anche solo minimamente giustificata da esigenze narrative. Addirittura nelle scene finali si vede un personaggio fumare all'interno di un ospedale, cosa forse irrealistica anche per il 1970. La presenza massiccia e insistente dell'elemento "fumo" fa venire quasi il sospetto che la produzione di quest'opera cinematografica sia stata generosamente sponsorizzata da qualche industria del tabacco in maniera non ufficiale (in molte scene del film s'intravedono le famose, per l'epoca, sigarette Gitanes "blue" papier maïs, riconoscibili per l'inconfondibile colore giallo-paglia della cartina e, in qualche scena, per il tipico pacchetto quadrato di colore blu.)

Remake[modifica | modifica sorgente]

Nel 1994 Mark Rydell dirige Richard Gere, Sharon Stone e Lolita Davidovich in un rifacimento in chiave americana dal titolo Trappola d'amore, assolutamente non riuscito sotto ogni punto di vista.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) http://www.cannes-fest.com/. URL consultato il 13-7-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema