L'affondamento della Valiant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'affondamento della Valiant
L'affondamento della Valiant.png
Ettore Manni, Robert Shaw e John Mills in una scena del film
Titolo originale The Valiant
Paese di produzione Italia, Gran Bretagna
Anno 1962
Durata 90 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, guerra
Regia Roy Ward Baker
Soggetto Robert Mallet
Sceneggiatura Giorgio Capitani, Franca Caprino, Willis Hall, Robert Mallet, Keith Waterhouse
Produttore BHP Film Limited (Londra) e Euro International Film (Roma)
Distribuzione (Italia) Euro International Film
Fotografia Wilkie Cooper, Amerigo Gengarelli
Montaggio Lea Pardo John Pomeroy
Effetti speciali Wally Weevers
Musiche Christopher Whelen
Scenografia Arthur Lawson
Interpreti e personaggi

L'affondamento della Valiant è un film di guerra del 1962 diretto dal regista Roy Ward Baker che racconta le vicende legate all'affondamento della corazzata inglese Valiant nel porto di Alessandria d'Egitto ad opera di Luigi Durand de la Penne ed Emilio Bianchi.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Coprodotto dalla BHP Film Limited e dalla Euro International Film, il film venne girato negli studi della INCIR De Paolis sulla Via Tiburtina a Roma, per uscire nelle sale italiane il 7 febbraio 1962. Il regista della seconda unità era Giorgio Capitani.

Trama[modifica | modifica sorgente]

È la rievocazione dell'attacco di alcuni sommozzatori italiani nel porto di Alessandria d'Egitto nel dicembre del 1941, quando il tenente Luigi Durand de la Penne e il sottocapo di I^ classe Emilio Bianchi, dopo essere stati portati in prossimità del bersaglio con un sommergibile, minarono con la testata esplosiva del loro "maiale", la nave da battaglia Valiant, scoperti mentre tentavano di allontanarsi vengono imprigionati a bordo della nave inglese e non parlano della loro missione se non all'ultimo momento, questo permette a tutti i marinai della nave di mettersi in salvo. L'esplosione danneggia gravemente la nave ma i due italiani riescono a salvarsi e a guerra finita il comandante inglese vorrà decorare personalmente i due marinai.

Incassi[modifica | modifica sorgente]

Incasso accertato sino a tutto il 31 marzo 1964 £ 159.763.806

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Catalogo Bolaffi del cinema italiano 1956/1965 a cura di Gianni Rondolino.
  • AA.VV. La città del cinema, Napoleone editore Roma 1979.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]