L'affittacamere (film 1976)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'affittacamere
Paese di produzione Italia
Anno 1976
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, erotico
Regia Mariano Laurenti
Soggetto Bruno Corbucci, Paolo Brigenti
Sceneggiatura Bruno Corbucci, Paolo Brigenti
Produttore Galliano Juso
Casa di produzione Cinemaster
Fotografia Federico Zanni
Montaggio Alberto Moriani
Musiche Ubaldo Continiello
Scenografia Claudio Cinini
Costumi Claudio Cinini
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'affittacamere è un film del 1976 diretto da Mariano Laurenti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due sorelle, una magra e molto bella, Giorgia Mainardi, e una grassa, brutta e con dei problemi di sonnambulismo, Angela Mainardi, ricevono in eredità dalla loro zia, una contessa piena di debiti, un casale nella campagna bolognese e decidono di trasformalo in una pensione. Durante il film, molti uomini verranno invitati (tra cui l'avvocato Mandelli, l'onorevole Vincenzi e il dottore Settebeni) da Giorgia, credendo che andando a dormire in quella pensione e pagando ben 50.000 Lire a notte, essi verranno "ripagati" molto bene dalla stessa ragazza. Passato un po' di tempo su quella stessa pensione cominciano a girare delle cattive voci le quali dicono che essa sia una "bettola dove si chiava". Preoccupato per queste voci, il fidanzato di Angela, Lillino, decide di andare a dormire lì.

In città sente queste voci anche un giudice accanito difensore della moralità, Giudice Damiani, che decide di andare a visitare quella pensione, ma ci andrà la stessa sera che sua moglie e l'amante di lei, Anselmo Bresci, si daranno appuntamento lì. Quella stessa sera, un dottore, il Professor Settebeni, dice alla moglie di uscire per acquistare una nuova clinica, mentre andrà alla pensione. La moglie viene informata da un suo nipote che suo marito sta andando in quella pensione malfamata e così decide di andare a scovarlo. Il giudice dopo aver perlustrato per bene tutto l'albergo ritroverà tutte le persone nascoste dentro il letto di una stanza, inclusa sua moglie con l'amante. La moglie del Professor Settebeni, Adele Bazziconi, non riuscirà a trovare il marito e gli altri nel letto visto che Giorgia riuscirà a trovare un piano che rallenterà la moglie del dottore (il piano riuscirà anche grazie all'aiuto del maresciallo Pasquale Esposito che alloggiava lì). Tutti riusciranno in tempo a vestirsi e a simulare la vendita della pensione che il professor Settebeni dovrà trasformare in clinica.

La vendita non sarà però più una simulazione visto che il Professore comprerà davvero l'immobile e darà a Giorgia 50.000.000 di lire. Dopo questo incidente si vedono Angela e il suo fidanzato Lillino che si sono sposati e che si sono trasferiti in Puglia insieme a Giorgia, nella casa di lui, che è un casale molto grande. Da qui rinasce l'idea di trasformare anche questo casale in una pensione e Giorgia userà sempre la stessa modalità per attirare i clienti. Nella scena finale si vede lei che fa l'autostop con la gonna alzata per attirare dei clienti e il Professor Settebeni che vedendola, sbanda con l'automobile.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]