Léon Poliakov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Poliakov nel 1952

Lev Poljakov, francesizzato in Léon Poliakov (in russo: Лев Поляков?;; San Pietroburgo, 25 novembre 1910Orsay, 8 dicembre 1997), è stato uno storico e filosofo francese di origine russa, primariamente noto per i suoi lavori sul genocidio ebraico e sull’antisemitismo.

Nato da una famiglia ebrea a San Pietroburgo nell'impero Russo, visse in Italia, Germania e Francia.

Durante la seconda guerra mondiale fu, nel 1943 fondatore del Centro di documentazione ebraica di Parigi. Dopo la guerra assistette Edgar Faure durante il processo di Norimberga.


Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Il nazismo e lo sterminio degli ebrei (1955)
  • Gli ebrei sotto l'occupazione italiana coautore Jacques Sabille (1956 Edizioni di comunità)
  • Dall’antisionismo all’antisemitismo (1971) (De l'antisionisme à l'antisémitisme 1969)
  • Il mito ariano: saggio sulle origini del nazismo e dei nazionalismi (1999 Editori riuniti)
  • I Samaritani (1994).
  • Il nazismo e lo sterminio degli Ebrei (2003 Einaudi ISBN 8806164236)
  • Storia dell'antisemitismo. Da Cristo agli ebrei di corte (2004 Sansoni editore)
  • Storia dell'antisemitismo. Da Maometto ai Marrani (2004 Sansoni editore)
  • L'étoile jaune - La situation des Juifs en France sous l'Occupation - Les législations nazie et vichyssoise
  • Harvest of Hate: The Nazi Program for the Destruction of Jews in Europe
  • The History of Anti-Semitism: From Voltaire to Wagner
  • The History of Anti-Semitism: Suicidal Europe. 1870-1933
  • The Aryan Myth: A History of Racist and Nationalistic Ideas In Europe
  • Moscou, troisième Rome (en: Moscow, The third Rome)
  • L'Auberge des musiciens (memoir)
  • L'envers du Destin (autobiography)

Controllo di autorità VIAF: 9852041 LCCN: n50020456