Léon Cogniet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Léon Cogniet (Parigi, 29 agosto 1794Parigi, 20 novembre 1880) è stato un pittore francese, romantico e neoclassico.

Autoritratto (1818)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cogniet entrò all'École Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi nel 1812. Fu allievo di Pierre-Narcisse Guérin a fianco di Géricault e di Delacroix. Contemporaneamente frequentò anche l'atelier di Jean-Victor Bertin. Dopo un fallimento nel 1816 con il quadro "Edone rifiuta di soccorrere Paride", la sua tela "Elena liberata da Castore e Polluce" gli fece vincere il Prix de Rome nel 1817; lo stesso anno debuttò al Salon. Fu quindi ospite dell'Accademia di Francia a Roma dal 1817 al 1822.

Nel 1827 realizzò una serie di quadri sulla vita di Santo Stefano per la chiesa di Saint-Nicolas-des-Champs a Parigi, quindi, dal 1833 al 1835, dipinse "La spedizione in Egitto" su uno dei soffitti del palazzo del Louvre. Il suo maggior successo lo ottenne nel 1843 con il quadro "Tintoretto ritrae la figlia morta". Dopo quest'opera si dedicò solo ai ritratti e all'insegnamento. Fu infatti professore di disegno nel Liceo Louis-le-Grand e al Politecnico. Inoltre, insegnò pittura alla Scuola di Belle arti a numerose generazioni di artisti.

Morì ottantaseienne, e fu sepolto nel cimitero del Père Lachaise.

È ricordato sia come ritrattista che come pittore di soggetti storici, ma anche per le sue splendide litografie.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Allievi[modifica | modifica wikitesto]

Tetti e colline

Léon Cogniet ha avuto come allievi, fra gli altri,:

Léon Cogniet, ca.1865

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dictionnaire Bénézit
  • Dictionnaire Artprice
  • Michaël Vottero, Le cri de la conscience, Léon Cogniet et ses ateliers in Image de l'artiste, direzione di Éric Darragon & Bertrand Tillier. Testo on-line dal 2012.
  • Paul Mantz, Léon Cogniet in Gazette des Beaux-Arts, 1881, pag. 33-34.
  • Anatole de la Forge, La peinture contemporaine en France, ediz. Amyot, Parigi, 1856, p. 315-316.
  • Ernest Vinet, Léon Cogniet in Revue nationale et étrangère, politique, scientifique et littéraire, ediz. Charpentier, Parigi, 1862, p.273.
  • Henri Delaborde, Notice sur la vie et les ouvrages de Mr Léon Cogniet, ediz. Firmin-Didot, Parigi, 1881, p. 16-17.
  • Alfred Busquet, Salon de 1857, Le portefeuille de l'amateur, n°7, novembre 1857, p.27.
  • Henry Jouin, Léon Cogniet, in Maîtres contemporains, ediz. Perrin et Cie, Parigi, 1887, p.143-144-149.
  • AA.VV., Autour de Léon Cogniet et Charles Chaplin, la formation des femmes peintres sous le Second-Empire in Histoire de l'Art, nº63, ottobre 2008, p. 57-66.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37718676 LCCN: nr91017852