Kurgan (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kurgan
Kurgan
Kurgan
Universo Highlander
Saga Highlander
Alter ego Vitor (vero nome nei fumetti)
Soprannome Victor Kruger (alias)
1ª app. in Highlander - L'ultimo immortale
Interpretato da Clancy Brown
Voce italiana Alessandro Rossi
Sesso maschio
Luogo di nascita Russia
Data di nascita 1005 a.C.
Professione Soldato
Abilità
  • immortalità (può morire solo se viene decapitato)
  • invecchiamento bloccato (da quando è diventato immortale)
  • abile spadaccino
  • respirazione subacquea
  • non può procreare
  • è il più forte degli immortali
Parenti
  • genitori biologici (deceduti)
  • Grig (padre adottivo nei fumetti, deceduto)
  • Ura (madre adottiva nei fumetti, deceduta)
« È meglio bruciare subito, che spegnersi lentamente. »
(Kurgan a Connor MacLeod nella scena in chiesa)

Kurgan, chiamato anche Victor Kruger, è un personaggio immaginario e antagonista del film Highlander - L'ultimo immortale, in cui viene interpretato da Clancy Brown, con la voce italiana di Alessandro Rossi. Kurgan è l'antagonista principale del protagonista Connor MacLeod e compare, oltre al primo film, anche nei romanzi e nei fumetti tratti dalla serie cinematografica dove viene ampliata la sua giovinezza.

Creazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nella sceneggiatura originale di Gregory Widen, Kurgan non era un assassino a sangue freddo, ma un cavaliere letale noto semplicemente con il nome di the Knight, mentre il suo alias era Carl William Smith.[1] Dopo la morte di Kurgan per mano di Connor alla fine del primo film, gli autori avevano pensato ad una nuova sequenza: dal corpo del decapitato Kurgan sarebbe emerso un drago, il quale avrebbe ingaggiato un nuovo combattimento con MacLeod. Solo dopo la sconfitta di questo ultimo nemico, Connor avrebbe potuto vincere finalmente la Ricompensa.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Fisicità e personalità[modifica | modifica wikitesto]

Kurgan è un uomo dall'aria sinistra, dal fisico imponente e statuario e dall'altezza elevata. Il suo corpo, scolpito dagli anni passati in guerre di ogni genere, è costellato di cicatrici, una della quali presente intorno al collo procuratagli da Ramírez nel loro ultimo scontro. La caratteristica principale dell'aspetto di Kurgan è tuttavia il volto dai lineamenti marcati e duri, contraddistinto dall'espressione generalmente accigliata e dallo sguardo freddo, ma soprattutto dal suo sorrisetto sarcastico perennemente stampato sulle labbra e da una espressione tranquilla e sicura di sé. Altra caratteristica del personaggio è la sua voce profonda che incute terrore agli avversari.

« Padre, perdonatemi, io sono un verme. »
(Kurgan al prete nella scena in chiesa)

Kurgan non ha alcun senso dell'onore e, inoltre, è sadico, malvagio e senza scrupoli ed uccide per il puro gusto di farlo. Egli è dotato di un senso dell'umorismo spiccato, sebbene cinico e quasi nero, tende a sottolineare con sarcasmo le situazioni e prende spesso in giro Connor per la sua bontà e non esita a provocare il protagonista in numerose occasioni, citando ad esempio di come abbia ucciso Ramirez e di come abbia violentato Heather MacLeod. Kurgan è stato anche in grado di uccidere a sangue freddo il suo maestro, The Bedouin,[2] probabilmente la sua prima vittima tra gli immortali. Kurgan è un personaggio totalmente malvagio e, durante le sue apparizioni a New York, riesce a combinare disastri di ogni genere: si scontra con la polizia, ruba delle macchine prendendo in ostaggio dei civili a caso, e non si fa scrupoli a mettere in luce i suoi poteri, cosa vietata nel regolamento degli immortali.

Inoltre è completamente estraneo al concetto di rispetto, di pietà e alla compassione del prossimo. Infine non ha il minimo rispetto nei confronti della religione: spegne le candele in chiesa, lecca la mano al prete, fa le linguacce alla suore e in tutto ciò urla e ridacchia con tono malvagio e sadico; tuttavia la legge riserbata agli immortali non gli permette di combattere in chiesa o in terra consacrata.

Abilità[modifica | modifica wikitesto]

Ramírez definisce Kurgan come «il più forte di tutti gli immortali e il più crudele dei guerrieri». Come tutti gli immortali non può invecchiare, ha la capacità di respirare sott'acqua e non può procreare. L'unica possibilità di ucciderlo e tagliargli la testa. È dotato di un'enorme forza fisica, con la quale riesce a sollevare la sua pesantissima lama senza risentire sforzi, ed è, come tutti della sua specie, un abilissimo spadaccino, capacità acquisita nel romanzo tratto dal film dal suo maestro, The Bedouin.

Le varie apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il primo film[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Highlander - L'ultimo immortale.

Compare per la prima volta quando, nel 1536, si unisce al Clan Frase, rivale del clan MacLeod, per incontrare Connor e ferirlo mortalmente, così da risvegliare in lui il potere dell'immortalità, per poi decapitarlo ed ottenere la Ricompensa. Tuttavia viene ostacolato dai compagni di Connor, i quali riescono a portarlo in salvo nel villaggio dei MacLeod. In seguito, Kurgan trova la casa di Connor e qui, dopo un duro scontro, uccide Ramirez e violenta la moglie di MacLeod, Heather.

Nel 1985, Kurgan raggiunge New York (luogo dell'adunanza) per uccidere gli ultimi immortali rimasti, tra cui Connor. Dopo aver ucciso l'immortale Osta Vazilek e Yung Dol Kim (quest'ultimo solo in una scena tagliata del primo film), Kurgan riesce a localizzare quest'ultimo, ma prima di riuscire a decapitarlo viene ostacolato dall'intervento della polizia. Connor approfitta, così, della situazione per scappare. Kurgan, successivamente, incomincia a combinare disastri in città e, negli scontri che seguiranno, riesce ad uccidere l'immortale Kastagir; dopodiché rapisce Brenda J. Wyatt, fidanzata di Connor, per attirare in trappola quest'ultimo. Alla fine viene sconfitto e decapitato da Connor che ottiene così la Ricompensa e la capacità di condizionare positivamente gli avvenimenti sulla Terra, potere che Kurgan ambiva molto.

Il secondo film[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Highlander II - Il ritorno.

Nel secondo film il personaggio di Kurgan non compare mai. Nella sceneggiatura originale del film, Kurgan sarebbe dovuto comparire, impersonato nuovamente da Clancy Brown, che però rifiutò di ritornare nel sequel. Questo costrinse gli sceneggiatori ad eliminarlo dal film. Nella sceneggiatura iniziale Kurgan era al servizio del generale Katana e, come tutti gli immortali, era un alieno e abitante del pianeta Zeits. Il personaggio sarebbe ricomparso in un flashback nel quale Kurgan veniva inviato sulla Terra dal pianeta Zeist per ordine di Katana per impedire sia a Connor e sia a Ramírez di ottenere la Ricompensa[3].

Il terzo film[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Highlander III.

Kurgan compare in alcuni flashback del protagonista Connor nel terzo film.

La serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Highlander (serie televisiva).

La serie televisiva è un ulteriore seguito alternativo al secondo e al terzo film, poiché si colloca dopo la sconfitta di Kurgan per mano di Connor; a seguito della sconfitta del nemico, Connor non è rimasto l'ultimo immortale e perciò continua i suoi viaggi per il mondo alla ricerca dei suoi simili e, contemporaneamente, attendendo il giorno dell'Adunanza. Kurgan è citato nell'episodio Gli Osservatori della serie televisiva Highlander da Joe Dawson, membro degli Osservatori. Quest'ultimo svela a Duncan MacLeod alcune informazioni su Kurgan: cita alcune fra le vittime dell'uomo come Ivan Trotski e Flavio Maria Parocchi, ed afferma che Kurgan è diventato immortale nel 1453[4], differentemente dal romanzo e dai fumetti. Infine Dawson rivela che Connor, uccidendo Kurgan, ha fatto "un grosso favore al mondo"[4].

Romanzo di Garry Kilworth[modifica | modifica wikitesto]

Nel romanzo di Garry Kilworth, viene raccontata una parte della sua infanzia e le sue avventure prima di combattere Connor MacLeod. Kurgan venne ucciso da suo padre ubriaco nel 970 a.C. il quale gli schiacciò la testa con una pietra. Kurgan si risvegliò immortale e, dopo aver ucciso il genitore,[5] si unì ad una banda di briganti. Successivamente, dopo aver conosciuto "The Bedouin" (il Beduino letteralmente), scopre la sua vera natura, i suoi poteri e il suo scopo: andare alla ricerca degli altri immortali ed ucciderli, in modo tale da ottenere la Ricompensa, il premio finale per l'ultimo immortale. A seguito di queste rivelazioni, Kurgan comincia ad andare alla ricerca dei vari immortali sparsi per il mondo, riuscendo ad ucciderne molti, tra cui anche lo stesso The Bedouin[2]. Dal 410 d.C. in poi Kurgan si unisce a vari popoli, tra cui i Goti, i Vandali, i Visigoti per l'assedio di Roma e infine anche nell'esercito degli Unni, combattendo al fianco di Attila intorno all'anno 453[6]. Kurgan fece ritorno, nel XIX secolo, nella sua madrepatria, la Russia, dove si alleò con i Cosacchi[7].

Il fumetto Highlander[modifica | modifica wikitesto]

Nella collana a fumetti Highlander, Connor scoprirà che, dopo aver ucciso Kurgan nel primo film, ha ereditato da quest'ultimo la Dark Quickening (la Ricompensa oscura); tale ricompensa farà in modo che Connor uccida delle persone innocenti, ma alla fine verrà aiutato da Duncan che riuscirà a cancellare l'influenza di Kurgan dalle psiche dell'amico[8][9][10][11].

Il fumetto Highlander Origins: The Kurgan[modifica | modifica wikitesto]

L'infanzia di Kurgan e le sue avventure sono raccontate in Highlander Origins: The Kurgan, una collana a fumetti dedicata completamente alle origini del personaggio. Kurgan nasce in Russia nel 1005 a.C. con il nome di Vitor. Da bambino venne spazzato via da una potente alluvione e, allontanato dalla sua famiglia, venne adottato dal Kurgan Grig e sua moglie Ura. Come era usanza per tutti i Kurgan, i ragazzi venivano gettati in un fosso dove combattevano per la vita contro dei cani affamati; anche Vitor venne costretto a subire lo stesso trattamento e riuscì, alla fine, ad uccidere il pericoloso animale. Infine, dopo essere uscito dalla fossa, uccise anche Grig per vendicarsi[12]. Nel 615 a.C. Kurgan incontrò Kronos, Silas e Caspian i quali erano conosciuti come i Quattro Cavalieri prima del licenziamento del loro quarto membro. Questi offrirono a Kurgan di diventare il loro nuovo compagno, ma l'uomo rifiutò ed cominciò uno scontro con i tre, venendo tuttavia sconfitto. Kronos, nonostante ebbe la possibilità di uccidere Kurgan, decise infine di risparmiarlo[13]. Prima del suo primo confronto con Connor, Kurgan uccise un immortale mongolo[2] e affrontò Ramirez affinché l'uomo gli rivelasse la posizione di MacLeod, ma questi non gli rivelerà nulla[13].

Il fumetto Highlander: Way of the Sword[modifica | modifica wikitesto]

Altre avventure di Kurgan sono narrate nel fumetto Highlander: Way of the Sword. Tali avventure cominciano nel 476 a.C., anno in cui Kurgan si alleò con i Persiani per la battaglia di Platea nell'antica Grecia. Durante questo scontro fece la conoscenza di Ramírez il quale lo sconfisse in combattimento frantumandogli la spada[14]. I due si incontreranno successivamente anche in Babilonia e nell'antica Cina prima del loro confronto finale in Scozia[15]. Nel 1804, mentre era al servizio di Napoleone Bonaparte su una delle sue navi, Kurgan affrontò Connor, il quale era invece a bordo della H.M.S. Victory e al servizio dell'ammiraglio Horatio Nelson. Lo scontro vidde Connor vincitore, ma tuttavia il protagonista non riuscì a decapitare Kurgan a causa della caduta dell'albero maestro e così Kurgan ne approfittò per scappare con la katana di MacLeod, la Masamune[16]. Successivamente nel corso della prima guerra mondiale, Kurgan si avvalse della collaborazione di due zingare, Natasha e Stasya, per attirare Francesco, un monaco immortale. Dopo averlo sconfitto ed ottenuto il suo potere, tuttavia, una delle zingare, Stasya, si impossessò della spada della Masamume[17]. Durante gli anni della guerra fredda, Kurgan si alleò con l'Unione Sovietica per reclutare un esercito di uomini geneticamente dotati. Lo scopo di Kurgan era quello di sfruttare questo esercito per trovare i "The Prize", degli uomini dotati di poteri straordinari che possiedono un invecchiamento rallentato e un'eccellente abilità nel combattimento e nella scherma[18]. Con tali guerrieri Kurgan affronta Connor e altri immortali nell'anno 1964, venendo però sconfitto[19].

Kurgan Rising[modifica | modifica wikitesto]

Nel cd Kurgan Rising, Kurgan ritornerà in vita insieme ad altri immortali a causa della morte di Justino Alberez per mano di Duncan MacLeod in una terra consacrata. Kurgan verrà, tuttavia, sconfitto e ucciso da Duncan[20].

Spada[modifica | modifica wikitesto]

La spada di Kurgan è una lama in acciaio, con l'impugnatura rivestita in pelle. La spada ha la possibilità di ripiegare le due lame vicino all'elsa a fianco alla lama.

Le vittime di Kurgan durante l'Adunanza[modifica | modifica wikitesto]

Nel film originale, Ramirez descrive l'Adunanza in questo modo: "Quando solo pochi di noi rimarranno, saremo spinti da un irrefrenabile desiderio in una terra lontana e lì combatteremo per la ricompensa". Di seguito è riportata la lista delle sue vittime conosciute. Le seguenti vittime di Kurgan sono citate nei film, nella serie televisiva, nei romanzi e nei fumetti.

  1. The Bedouin (solo romanzo)
  2. Ivan Trotski, 1472 (serie televisiva[4])
  3. Un Mongolo, 1535 (solo romanzo)
  4. Juan Sánchez Villa-Lobos Ramírez, 1541 (primo film)
  5. Flavio Parrochi, 1664 (romanzo/serie televisiva[4])
  6. Francesco, 1918 (serie a fumetti)
  7. Osta Vasilek, 1985 (primo film)
  8. Yung Dol Kim, 1985 (primo film, scena tagliata)
  9. Sunda Kastagir, 1985 (primo film)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Highlander (1986), Imdb Official Site. URL consultato il 27-09-2013.
  2. ^ a b c Garry Kilworth, Highlander, op. cit., p. 293.
  3. ^ Highlander II: The Quickening, part one, 31 gennaio 2012. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  4. ^ a b c d Gli Osservatori
  5. ^ Garry Kilworth, Highlander, op. cit., p. 290-292.
  6. ^ Garry Kilworth, Highlander, op. cit., p. 290-291.
  7. ^ Garry Kilworth, Highlander, op. cit., p. 291.
  8. ^ Brandon Jerwa, Michael Avon Oeming, Highlander, comics, op. cit., Issue #6, pp. 1-10, 12-19, 21-25.
  9. ^ Brandon Jerwa, Michael Avon Oeming, Highlander, comics, op. cit., Issue #7, p. 1-6, 19-25.
  10. ^ Brandon Jerwa, Michael Avon Oeming, Highlander, comics, op. cit., Issue #8, pp. 1-6, 9, 21-26.
  11. ^ Brandon Jerwa Michael, Avon Oeming, Highlander, comics, op. cit., Issue #9, pp. 1-8, 11-16, 19-26.
  12. ^ Highlander Origins: The Kurgan, op. cit., #1.
  13. ^ a b Highlander Origins: The Kurgan, op. cit., #2.
  14. ^ J.T. Krul, Highlander: Way of the Sword, op. cit., #3, pp. 2-6.
  15. ^ J.T. Krul, Highlander: Way of the Sword, op. cit., #4, pp. 1-5.
  16. ^ J.T. Krul, Highlander: Way of the Sword, op. cit., #1, pp. 1-5.
  17. ^ J.T. Krul, Highlander: Way of the Sword, op. cit., Issue #2, pp. 1-6.
  18. ^ J.T. Krul, Highlander: Way of the Sword, op. cit., #1, pp. 11-12.
  19. ^ J.T. Krul, Highlander: Way of the Sword, op. cit., Issue #3, pp. 1-5, 8-17, 21-26; Issue #4, pp. 1-5, 10-13, 15, 19-23, 26.
  20. ^ Highlander: Kurgan Rising [Abridged, Audiobook] [Audio CD] (Cavan Scott, Mark Wright) ISBN 978-1844353613

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Garry (ed.) Kilworth, Highlander film novelization, HarperEntertainment, 1986, ISBN 0-06-105840-8.
  • Highlander (comics), Volume I, Dynamite Entertainment, 2006, ISBN 1933305320.
  • J.T.(ed.) Krul,, Highlander: Way of the Sword, Dynamite Entertainment, 2008, ISBN 978-1933305875.
  • Brandon Jerwa, Highlander Origins: The Kurgan, Dynamite Entertainment, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema