Kunashir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Kunašir
Kunashir Terra cut.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Ochotsk
Coordinate 44°07′N 145°51′E / 44.116667°N 145.85°E44.116667; 145.85Coordinate: 44°07′N 145°51′E / 44.116667°N 145.85°E44.116667; 145.85
Arcipelago Isole Curili meridionali
Superficie 1 490 km²
Dimensioni 123 × 7-30 km
Altitudine massima 1 819 m s.l.m.
Classificazione geologica vulcanica
Geografia politica
Stato Russia Russia
Distretto federale Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Oblast' Sachalin Sachalin
Rajon Flag of Severo-Kurilsk (Sakhalin oblast).png Severo-Kuril'skij
Centro principale Južno-Kuril'sk
Demografia
Abitanti 8 000
Cartografia
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Kunašir

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

Kunašir (in russo: Кунашир?; in giapponese: 国后岛, Kunashiri-tō; che significa "isola nera" o "isola d'erba" in lingua Ainu) è la più meridionale delle isole Curili controllate dalla Russia e rivendicate dal Giappone. È situata nel Mare di Ochotsk. Amministrativamente fa parte del Severo-Kuril'skij rajon dell'oblast' di Sachalin, nel Distretto Federale dell'Estremo Oriente.

Il centro principale è la città di Južno-Kuril'sk, che è il anche il centro amministrativo del distretto delle Curili meridionali. Južno-Kuril'sk contava 6.617 abitanti nel 2010 e si trova sulla costa orientale dell'isola.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'isola si estende da nord-est a sud-ovest per una lunghezza di 123 km, ed è larga da 7 a 30 km; ha una superficie di 1.490 km². Il picco più alto è il vulcano Tjatja (1.819 m s.l.m.) che si trova nella parte nord-orientale dell'isola.

Kunašir è separata dall'isola di Iturup, che si trova 22 km a nord-est, dallo stretto di Caterina (проливом Екатерины); lo stretto di Kunashir (in russo Кунаширским проливом; in giapponese 根室海峡, Nemuro-kaikyō), a ovest, e lo stretto Izmeny (проливом Измены), a sud, la separano dall'isola di Hokkaidō, la cui penisola Siretoko si trova a una distanza di 25 km a ovest.

Il fiume più lungo, il Tjatina (река Тятина), proviene dal vulcano Tjatja. I laghi maggiori, il Pesčanoe e il Gorjačee (Песчаное - Горячее), sono lagunari e si trovano nella parte meridionale dell'isola.

Vulcani[modifica | modifica wikitesto]

Sull'isola ci sono 4 vulcani attivi:

  • Tjatja (вулкан Тятя), alto 1.819 m, a nord-est[1].
  • Ruruj (вулкан Руруй), 1.485 m, all'estremità nord dell'isola.
  • Mendeleev (вулкан Менделеева) 886 m[2], nella parte centro-meridionale.
  • Golovin (вулкан Головнина) 541 m, nella parte meridionale[3].

Sono presenti molte sorgenti calde di origine vulcanica che si concentrano soprattutto sulle pendici del vulcano Mendeleev.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1789 Kunašir è stata teatro della battaglia Menashi-Kunašir in cui gli Ainu insorsero contro i commercianti e i coloni giapponesi[4][5].

Il navigatore russo Vasilij Michajlovič Golovnin cercò di mappare ed esplorare l'isola nel 1811, ma fu arrestato dalle autorità giapponesi e trascorse due anni in prigione.

Entrata a far parte dell'URSS alla fine della seconda guerra mondiale, nel 1945, Kunašir è oggetto di disputa con il Giappone che ha sempre chiamato "Territori del Nord" le quattro isole Curili più meridionali.

Dopo il forte terremoto del 1994, e lo tsunami che seguì[6][7], buona parte della popolazione abbandonò l'isola e non vi fece più ritorno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Global Volcanism Program Tiatia
  2. ^ Global Volcanism Program Mendeleev
  3. ^ Global Volcanism Program Golovnin
  4. ^ Brett L. Walker, The Conquest of Ainu Lands: Ecology and Culture in Japanese Expansion 1590-1800. University of California Press, 2001, pag. 172-76.
  5. ^ Takakura Shinichirō and John A. Harrison, "The Ainu of Northern Japan: A Study in Conquest and Acculturation" in Transactions of the American Philosophical Society, New Series, Vol. 50, No. 4 (1960), pp. 1-88
  6. ^ Data catalogue for near-source tsunami observed in Kuril Isls and Sakhalin Is.
  7. ^ Kuril Islands Earthquake of October 4, 1994

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mappe dell'isola:
  • L-55-XXXII Rilevata nel 1975-81, ed. 1984
  • L-55-XXXIII Rilevata nel 1981, ed. 1983
  • K-55-II Rilevata nel 1974-81, ed. 1984

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]