Kubb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il kubb è un gioco tradizionale svedese di origine vichinga, nato nell'isola di Gotland, nel Mar Baltico.
È un gioco molto semplice e ricorda da un lato il bowling dall'altro le bocce.

Cenni cronologici[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1999 si disputa un campionato mondiale, proprio nell'isola di Gotland.
Nel 2006 è stato organizzato il primo campionato italiano a Città di Castello, in provincia di Perugia.
Di fatto, in occasione di quel campionato nasce il Gruppo Italiano Kubb (GIK) che si pone come obiettivo la diffusione del gioco sul territorio italiano
Da allora sono stati organizzati altri sette campionati.
L'ultimo, il 10°, si è svolto a Spilimbergo (PN) il 7 giugno 2014.
Nel 2007 continuando la ricerca sui giochi di lancio, alcuni rappresentanti del Gruppo Italiano Kubb hanno cominciato la diffusione in Italia del Cornhole, un gioco molto praticato negli USA, dove sono presenti numerose federazioni.
È nato quindi nel 2008 anche il Gru.Co. - Gruppo Cornhole Italia.
Dal 2009 al 2014 sono state organizzate sei edizioni del Campionato Italiano di Cornhole
Nel 2008 il Gruppo Italiano Kubb ha sperimentato e adottato il kubbino, per bambini, bambine, ragazzi e ragazze dai 6 ai 14 anni. Si gioca con un numero ridotto di kubb (3 per squadra) e solo 4 bastoni di lancio.
Dal 2011 il Gruppo Italiano Kubb e il Gru.Co - Gruppo Cornhole Italia operano attraverso l'Associazione GiocOvunque di Firenze che si pone come uno degli obiettivi fondanti la diffusione di questi e di altri giochi di lancio in Italia

Il gioco[modifica | modifica wikitesto]

È fabbricato in legno massiccio ed è costituito da 17 pezzi:

  • 1 re
  • 10 kubb
  • 6 bastoni da lancio di forma cilindrica lunghi circa 30 cm.
  • Sono inoltre necessari, nel caso in cui si giochi su terreno morbido (prato, spiaggia, neve, etc.) 4 picchetti di legno che vengono utilizzati piantandoli per terra per delimitare il campo. Il campo regolamentare è di 8 m x 5 m, ma è possibile giocare anche su un campo ridotto.

Per poter svolgere una partita è necessario un numero minimo di due giocatori, non è previsto un numero massimo ma si consiglia di non superare i sei partecipanti per squadra. È consigliabile che il numero dei giocatori sia pari anche se è possibile giocare anche con un numero dispari di partecipanti.

Scopo del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo è di abbattere tutti e cinque i Kubb disposti sulla linea di fondo della squadra avversaria colpendoli con i bastoni da lancio e successivamente abbattere nello stesso modo il re.

Preparazione del campo[modifica | modifica wikitesto]

Il campo di gioco è costituito da un rettangolo con il lato corto di 5 m e quello lungo che può variare dai 6 agli 8 m a discrezione dei giocatori. Una volta stabilite le dimensioni del campo si posiziona un picchetto di legno ad ogni angolo; il campo sarà costituito dalle linee ideali che uniscono i quattro angoli. Se possibile, per miglior comprensione, si traccia una linea di metà campo parallela ai lati corti. Al centro di questa linea (quindi al centro esatto del campo) si posiziona il re che si distingue dagli altri pezzi in gioco per le dimensioni maggiori.
I giocatori si dividono in due squadre possibilmente di egual numero. Il Kubb risulta divertente anche giocato in due, uno contro l'altro.
Ogni squadra sceglie una metà campo, prende 5 kubb e li sistema in posizione eretta sulla linea di fondo della propria parte, distanziandoli come preferisce.

Inizio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra che inizia il gioco deve lanciare i sei bastoni da lancio a sua disposizione e cercare con questi di abbattere il maggior numero possibile di kubb disposti nel campo dell'avversario. Il lancio deve essere effettuato con i piedi dietro alla propria linea di fondo e si può lanciare un solo bastone da lancio alla volta. Ogni squadra decide a propria discrezione chi lancia i bastoni da lancio e in che numero ma solitamente queste vengono divisi equamente fra tutti i componenti della squadra che li lanceranno uno dopo l'altro.

Regole per il lancio dei bastoni[modifica | modifica wikitesto]

  • La mano che lancia il bastone da lancio non può superare il punto vita quindi non si possono effettuare lanci laterali o da sopra le spalle; l'unico tipo di lancio consentito è dal basso verso l'alto in maniera molto simile al movimento utilizzato per lanciare le bocce o la palla da bowling
  • Il bastone va lanciato in modo che in aria tenga una posizione parallela alla linea laterale in modo che colpisca il kubb con la sua parte tonda (la testa o la coda). Non è quindi consentito lanciare il bastone in posizione parallela alla linea di fondo in modo che occupi il maggior spazio possibile e sia quindi più facile abbattere il kubb. Allo stesso modo non si può lanciare il bastone "ad elicottero"
  • Il bastone da lancio va impugnato, fatto dondolare all'altezza dei propri piedi e poi lanciato avendo cura che mantenga la posizione iniziale fino all'atterraggio. Dal momento in cui il bastone da lancio tocca terra ogni suo movimento è consentito quindi può rimbalzare, ruzzolare, roteare ecc.
  • Si possono quindi adottare due tecniche di lancio:
  1. Diretto: cercare di colpire direttamente il kubb senza far toccare terra al bastone da lancio
  2. Di rimbalzo: far rimbalzare il bastone da lancio nel campo dell'avversario, più o meno vicino ai kubb, e sperare che ruzzolando ne abbatta almeno uno.
  • Se a seguito del lancio il bastone esce dal campo di gioco da qualsiasi lato il lancio è comunque considerato valido. Sia nel caso in cui si siano abbattuti kubb sia nel caso contrario si procederà a lanciare i bastoni di lancio successivi fino ad esaurimento.
  • Nel caso in cui un bastone da lancio abbatta più Kubb, ogni abbattimento è considerato valido.

Regola del re[modifica | modifica wikitesto]

Se prima dell'epilogo, con un bastone da lancio si abbatte il Re, la squadra che lo ha abbattuto è sconfitta indipendentemente dall'andamento della gara.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

Nel caso in cui la prima squadra non abbia abbattuto nessun Kubb i bastoni da lancio passano agli avversari che a loro volta tenteranno di abbattere i kubb dei rivali; si procede in questo modo finché uno dei due contendenti non riesce ad abbattere almeno un kubb, in questo caso una volta terminate di lanciare tutti i bastoni da lancio rimasti il gioco procede così: la squadra che ha patito l'abbattimento di uno o più kubb li prende in mano, si posiziona con i piedi dietro alla propria linea di fondo e li lancia con qualsiasi tecnica preferisca avendo cura che questi si fermino nella metà campo avversaria.
Adesso che è il suo turno di lancio questa squadra non potrà abbattere i Kubb disposti a fondo campo dell'avversario finché non avrà abbattuto i kubb che essa stessa ha lanciato nella metà campo avversaria. Quindi i bastoni andranno lanciati con le stesse regole ma indirizzati verso i "nuovi" kubb entrati in gioco. Se non si riescono ad abbattere questi "nuovi" kubb con i sei bastoni di lancio disponibili il turno passa all'avversario che non tirerà più dalla linea di fondo campo, bensì dalla linea ideale parallela a quella di fondo segnata dal kubb più vicino alla linea di metà campo rimasto in piedi.

Bisogna fare attenzione al fatto che la seconda squadra non potrà abbattere i kubb avversari se nella sua metà campo ci sono dei Kubb lanciati e poi abbattuti dagli avversari. Dovrà procedere come sopra: raccogliere i kubb abbattuti, posizionarsi dietro la linea di fondo e lanciarli nella metà campo avversaria.

Rimessa in gioco dei kubb abbattuti[modifica | modifica wikitesto]

  • Se un kubb ruzzola fuori dal campo, sia dal lato che dal fondo, esso va lanciato una seconda volta, se esce ancora è la squadra avversaria a decidere dove posizionarlo. Può essere posizionato ovunque mantenendo comunque la distanza di un bastone di lancio dal re o da qualsiasi linea laterale
  • Vi sono diversi modi di procedere riguardo alla rimessa in gioco dei kubb
    • Secondo le regole del Campionato Mondiale che si svolge a Gotland, in Svezia, ogni anno, non sono previste "torri" e quindi i kubb vengono rimessi in gioco e rialzati là dove sono finiti
    • Secondo le regole adottate dal Gruppo Italiano Kubb per il campionato italiano, pubblicate sul sito sotto riportato, è possibile invece creare colonne o torri di kubb, colpendo i kubb già nel campo avversario con un altro kubb. Solo colpendo al volo, direttamente, si può creare una colonna di due o più kubb. In ogni caso è la squadra che "ospita" i kubb nella sua metà campo a doversi curare di sollevare i kubb appena lanciati dagli avversari
  • I kubb possono essere rialzati su ognuna delle due basi a discrezione della squadra che ospita i kubb

[modifica | modifica wikitesto]

La squadra che riesce ad abbattere tutti i kubb presenti sul campo avversario, se ha ancora uno o più bastoni da lancio a disposizione può dichiarare la propria intenzione di colpire il re.
A questo punto dovrà prendere i bastoni da lancio rimasti, posizionarsi sulla propria linea di fondo e tirare al re. Se il re viene abbattuto la squadra vince; se non vi riesce e il re è ancora in piedi la squadra perde!.
Questa regola non viene adottata nel Campionato Mondiale e quindi in caso di mancato abbattimento del re si procede con il gioco.

Bisogna fare attenzione al fatto che la squadra, soprattutto quando rimane con un solo bastone da lancio a disposizione per abbattere il re, può anche rinunciare a dichiarare la sua intenzione di abbatterlo. In questo caso però il gioco procede e non è detto che al turno successivo la situazione sia egualmente favorevole.

Turno perfetto[modifica | modifica wikitesto]

Avendo a disposizione sei bastoni da lancio per abbattere cinque kubb disposti sul fondo, in teoria una squadra potrebbe vincere in un solo turno abbattendo tutti i kubb ed avendo un tiro per abbattere il re; questo è il turno perfetto che ogni giocatore di kubb tenta di raggiungere.

Albo d'oro del Campionato Italiano di Kubb[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport