Kristian Hammer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kristian Hammer
Kristian Hammer.jpg
Dati biografici
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 178 cm
Peso 63 kg
Combinata nordica Nordic combined pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Eidsvold Idrettslag
Ritirato 2006
Palmarès
Mondiali 2 0 1
Mondiali juniores 1 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Kristian Hammer (Narvik, 20 marzo 1976) è un ex combinatista nordico norvegese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Kristian Hammer ha conquistato in carriera due medaglie d'oro iridate nella gara a squadre: la prima nella K90/staffetta 4x5 km ai Mondiali del 2001 disputati in Lahti, in Finlandia; la seconda nella HS137/staffetta 4x5 km quattro anni dopo, ai Mondiali del 2005 disputati in Val di Fiemme, in Italia. In quest’ultima occasione ha anche vinto il bronzo nella HS 137/sprint 7,5 km.

L'atleta norvegese ha ottenuto anche quattro successi in Coppa del Mondo e due medaglie ai Mondiali juniores, un bronzo (nella K90/staffetta 3x5 km dell'edizione del 1995 di Gällivare, in Svezia[1]) e un oro (nella K90/staffetta 3x5 km ad Asiago, in Italia, nel 1996[2]), entrambi nella gara a squadre.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Mondiali juniores[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 4º nel 2001
  • 15 podi:
    • 4 vittorie
    • 1 secondo posto
    • 10 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Località Nazione Trampolino Spec.
12 febbraio 2001 Sapporo Giappone Giappone Ōkurayama K120 IN LH/15 km
29 dicembre 2000 Lillehammer Norvegia Norvegia Lysgårdsbakken K90 IN NH/15 km
7 gennaio 2001 Reit im Winkl Germania Germania Franz Haslberger K90 IN NH/15 km
3 marzo 2001 Sapporo Giappone Giappone Ōkurayama K120 IN LH/15 km

Legenda:
IN = individuale Gundersen
NH = trampolino normale
LH = trampolino lungo

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Referto della gara. URL consultato il 10 giugno 2011.
  2. ^ a b Referto della gara. URL consultato il 10 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]