Krameramtsstuben

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 53°32′52.8″N 9°58′48.72″E / 53.548°N 9.9802°E53.548; 9.9802

Ingresso delle Krameramtsstuben

Le Krameramtsstuben o Krameramtswohnungen (letteralmente: "appartamenti dell'ufficio/associazione dei mercanti") costituiscono l'unico esempio[1][2][3] di cortile con storici edifici a travatura in legno[1][2][3] tuttora conservato nel centro di Amburgo, in Germania. Si tratta di 5 edifici[1] costruiti tra il 1620 e il 1676[1][3] dall'associazione dei mercanti[2][3] per ospitare le vedove dei commercianti[1][2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

La costruzione di questi appartamenti fu decisa dall'associazione dei mercanti, per dare una mano alle mogli dei negozianti di spezie, seta, ferramenta, ecc. che erano rimaste vedove.[1][2][3], Quest'ultime infatti, alla morte dei mariti, da sole non erano solitamente più in grado di portare avanti la propria attività[3] ed erano pure costrette a lasciare la propria casa che era annessa al negozio[3].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il Museum Krameramtsstuben

Le Krameramtswohnungen si trovano al nr. 10 della Krayenkamp[1][2][3], nel quartiere di Neustadt e, più precisamente, al nr. 10 della Krayenkamp[1], di fronte alla chiesa di San Michele[1][3].

Gli edifici sono uniti l'uno all'altro da cortili.[2] Gli interni delle abitazioni non superano solitamente i 3 metri di larghezza.[3]

Ora le Krameramtswohnungen ospitano negozi di souvenir, un ristorante, una libreria, ecc.[1][2][3]

Vi trova posto anche un museo, il Museum Krameramtsstuben, dove si può visitare l'appartamente della vedova di un commerciante arredato con mobili della metà del XIX secolo.[1][3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Altorogge, Gudrun, Hamburg, ADAC Verlag, München, 2005, p. 65
  2. ^ a b c d e f g h Egert-Romanowska, J. - Omilanowska, M., Germania, Dorling Kindersley, London, 2000 - Mondadori, Milano, 2002-2005, p. 424
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Krameramtswohnungen su Hamburg Highlights

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]