Kozani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'unità periferica, vedi Kozani (unità periferica).
Kozani
comune
Κοζάνη
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Macedonia Occidentale
Unità periferica Kozani
Amministrazione
Sindaco Lazaros Maloutas (2009)
Territorio
Coordinate 40°18′N 21°47′E / 40.3°N 21.783333°E40.3; 21.783333 (Kozani)Coordinate: 40°18′N 21°47′E / 40.3°N 21.783333°E40.3; 21.783333 (Kozani)
Altitudine 720 m s.l.m.
Superficie 1 071 km²
Abitanti 70 220 (2001)
Densità 65,56 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 501 00
Prefisso (+30) 2461
Fuso orario UTC+2
Targa KZ
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Kozani
Kozani – Mappa
Sito istituzionale

Kozani (in greco Κοζάνη, (in macedone Кожани (Kozhani), pronunciato Kozάni) è un comune della Grecia situato nella periferia della Macedonia occidentale (unità periferica di Kozani) con 70.220 abitanti secondo i dati del censimento 2001[1].

A seguito della riforma amministrativa detta piano Kallikratis in vigore dal gennaio 2011[2] che ha abolito le prefetture e accorpato numerosi comuni, la superficie del comune è ora di 1.071 km² e la popolazione è passata da 47.451[3] a 70.220 abitanti.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La città di Kozani si trova tra le montagne Vermio, Burino e Pieria, 15 km a nordovest del Lago Polifitos. Altitudine: 720msm. Dista 120 km da Salonicco e 470 da Atene (in neogreco "Αθήνα", pronunciato "Athína"). La città ha 38.591 abitanti, e il comune di Kozani ha 49.812 abitanti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1392 gruppi di famiglie dai villaggi Premeti, Bithikukio, e Kozdiani dell'Epiro, regione al nord di Selitsas (ancora oggi si nomina Paliokozdiani, cioè vecchia kozani) vennero cacciati dai Turkalbani = musulmani albanesi, e inoltre militari locali musulmani andarono nel villaggio Kalivia. Gli abitanti di Kalivia li hanno ospitati e hanno dato terra per costruire un nuovo villaggio ai nuovi abitanti più ad est da Kalivia. Il nuovo villaggio è stato chiamato Tzamuria, Tzmbra, Skrika. Oggi si chiamano Kozani dalla vecchia denominazione di Kozdiani. Nel 1649 circa 120 famiglie provenienti dal villaggio Kteni, con il capo Ioannis Trantas si sono riuniti con gli abitanti di Kozani. Il figlio del capo Charisios Trantas ha avuto dal sultano di Costantinopoli speciali diritti: gli abitanti erano liberi da tasse ed era vietato ai turchi di abitare la città. Entro la città si trovava una piccola guardia.

Charisios Trantas, si considera una persona storica, ha costruito palazzi, chiese, strade, sistema di acqua canalizzata, fontane ecc. Nell'anno 1664 ha costruito la chiesa centrale di San Nicola. Nell'anno 1668 ha costruito la biblioteca e scuole elementari. Durante i secoli successivi la città ha scambi economici e intellettuali con tutti i paesi europei, così la città divenne ricca e più popolosa. Si è liberata dal Impero ottomano il giorno 11 ottobre 1912. Oggi è la capitale della prefettura di Kozani - Grecia.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Piazza Nikis

Luoghi da visitare: La biblioteca che ha libri antichi, i musei, il Comune, l'hotel Ermionio.

Nel periodo di Carnevale (Apokries) si fa una grande festa con fuochi, balli, presenze mascherate, scherzi e musica che continuano per una settimana intera e vi affluiscono visitatori da tutta la Grecia[senza fonte].

Economia[modifica | modifica sorgente]

La regione di Kozani è famosa per la produzione di zafferano (Krokos Kozanis).

Personaggi celebri[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Popolazione comuni greci. URL consultato il 9 marzo 2011.
  2. ^ piano Kallikratis. URL consultato il 2 marzo 2011.
  3. ^ Censimento 2001. URL consultato il 2 marzo 2011.
  4. ^ Comune di Iași:città gemellate. URL consultato il 18 agosto 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia