Koura Kaba Fantoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Koura Kaba Fantoni
Valencia 2006.jpg
Kaba Fantoni (il primo da destra) con la staffetta 4×100 m, campionessa europea per club a Valencia 2006.
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 193 cm
Peso 78 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
60 m indoor 6"67 (2006)
100 m 10"28 (2004)
200 m 20"58 (2005)
400 m 48"54 (2002)
Società Fiamme Gialle Fiamme Gialle
Flag of None.svg Sport Club Catania[1]
Carriera
Nazionale
2005-2006 Italia Italia 4
Palmarès
Europei under 23 0 0 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 18 settembre 2011

Koura Kaba Fantoni (Kinshasa, 28 agosto 1984) è un atleta italiano, di origine congolese, specializzato nella velocità.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Koura Kaba Fantoni nasce nella Repubblica Democratica del Congo (ai tempi conosciuto come Zaire) ma all'età di 3 anni si trasferisce in Italia col padre. Cresce a Torino, dove inizia a cimentarsi con il calcio ma successivamente si trasferisce a Mondovì, dove viene avviato all'atletica leggera da Milvio Fantoni, che diventa il suo allenatore.

Cresce agonisticamente nell'Atletica Mondovì e nella Grandatletica, prima di passare al gruppo sportivo Fiamme Gialle. Diventa cittadino italiano nel 2002, in seguito all'adozione da parte della famiglia del suo allenatore Milvio Fantoni, ma per alcuni disguidi e infortuni non riesce a far parte della nazionale juniores azzurra né ai Mondiali di Kingston 2002, né agli Europei di Tampere 2003.

Negli anni successivi si laurea campione italiano under 23 sui 100 e 200 metri e ottiene anche due terzi posti ai Campionati europei under 23 nei 200 m e nella staffetta 4×100 metri. Nel 2005 conquista il titolo italiano assoluto sui 200 m col suo primato di 20"58. Con la nazionale assoluta prende parte alla Coppa Europa a Firenze dove giunge 4º nei 200 e 2º con la 4×100. Viene convocato per i Mondiali di Helsinki dove è eliminato nelle qualificazioni dei 200 m.

L'anno 2006 lo porta alla conquista dell'oro ai campionati italiani indoor sui 60 metri, oltre alla soddisfazione di difendere ancora la maglia azzurra nella Coppa Europa. Partecipa anche agli Europei di Göteborg sui 200 m, non riuscendo a superare le batterie di qualificazione.

Il 27 luglio 2007, arriva primo ai campionati nazionali a Padova sui 100 m, con lo stesso tempo del secondo di Fabio Cerutti, con 10"57 e un vento contrario di 2,6 m/s. Viene selezionato per far parte della staffetta 4×100 ai Mondiali di Osaka, ma successivamente a causa di un'uscita notturna non autorizzata dall'albergo dove risiedevano gli atleti azzurri, viene escluso dalla competizione.

Nel 2008 si congeda dalle "Fiamme Gialle" e riapproda all'Atletica Mondovì.

Progressione[modifica | modifica sorgente]

100 metri piani[modifica | modifica sorgente]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2010 10"54 Italia Palermo 12-6-2010 -
2009 10"53 Italia Pescara 23-5-2009 -
2008 10"42 Italia Mondovì 2-6-2008 -
2007 10"47 Italia Pergine 7-7-2007 -
2006 10"33 Spagna Valencia 27-5-2006 -
2005 10"38 Italia Grosseto 3-6-2005 -
2004 10"28 Italia Rieti 11-6-2004 -
2003 10"62 - - -
2002 10"75 - - -
2001 10"76 - - -
2000 11"05 - - -

200 metri piani[modifica | modifica sorgente]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2010 21"72 Italia Palermo 13-6-2010 -
2009 21"27 Italia Pescara 24-5-2009 -
2008 21"41 Italia Mondovì 2-6-2008 -
2006 20"70 Spagna Valencia 28-5-2006 -
Qatar Doha 12-5-2006
2005 20"58 Italia Bressanone 26-6-2005 -
2004 20"81 Italia Rieti 12-6-2004 -
2003 21"56 - - -
2002 21"24 Italia Milano 16-6-2002 -
2001 21"76 - - -
2000 22"19 - - -

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2005 Europei under 23 Germania Erfurt 100 metri
200 metri Bronzo Bronzo 20"71 [2]
4×100 metri Bronzo Bronzo 39"41
Mondiali Finlandia Helsinki 200 metri batteria 21"10
2006 Europei Svezia Göteborg 200 metri batteria 21"14

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

2005

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Koura Kaba Fantoni, FIDAL.it. URL consultato il 2 marzo 2012.
  2. ^ Koura Kaba Fantoni, IAAF.org. URL consultato il 2 marzo 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mauro Valeri, Black Italians: Atleti neri in maglia azzurra, Roma, Palombi Editori, 2006, ISBN 88-6060-039-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]