Kotromanić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kotromanić
Stato Bosnia ed Erzegovina
Titoli
  • Bano di Bosnia (1254-1377)
  • Re di Bosnia (1377-1463)
Fondatore Prijezda I
Ultimo sovrano Stefano Tomašević
Data di fondazione XII secolo
Data di deposizione 1463

La famiglia Kotromanić è stata una dinastia feudale che ha regnato in Bosnia ed Erzegovina dal 1254 al 1463,[1] forse la più importante famiglia nella storia della Bosnia.[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Capostipite della famiglia fu Prijezda I, bano di Bosnia dal 1254 al 1287,[1] a cui succedettero poi Prijezda II e Stefano I.[1]

Quest'ultimo dovette fronteggiare le pretese dei Šubić, che si autoproclamarono anch'essi bani di Bosnia dal 1299 al 1322. Il figlio Stefano II sconfisse i Šubić e riuscì a ottenere per la Bosnia lo sbocco sul mare.[1]

Alla sua morte, nel 1353 gli successe Tvrtko I, che nel 1377 elevò il titolo a quello di Re di Bosnia.[1]

L'ultimo re della famiglia Kotromanić fu Stefano Tomašević: con l'invasione ottomana e la decapitazione di Tomašević il 5 giugno 1463 si estinse la dinastia[1] e si chiuse la storia del Regno di Bosnia.

Tra i membri della famiglia, va citata anche Elisabetta di Bosnia (1340–1387), figlia di Stefano II, che, come seconda moglie di Luigi I d'Ungheria, fu regina consorte di Ungheria e di Polonia e, in seguito, reggente del trono d'Ungheria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f AA.VV., op. cit.
  2. ^ Malcolm, op. cit., p. 364

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]