Kosmoceratops richardsoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Kosmoceratops
Stato di conservazione: Fossile
Kosmoceratopsskull.png
Cranio di Kosmoceratops
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Superordine Dinosauria
Ordine Ornithischia
Sottordine Marginocephalia
Infraordine Ceratopsia
Famiglia Ceratopsidae
Sottofamiglia Chasmosaurinae
Genere Kosmoceratops
Specie K. richardsoni

Il kosmoceratopo (Kosmoceratops richardsoni) è un dinosauro erbivoro appartenente ai ceratopsidi, o dinosauri cornuti. Visse nel Cretaceo superiore (Campaniano, circa 76 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Nordamerica (Utah).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo animale possedeva il tipico aspetto dei dinosauri cornuti, ma il suo cranio era del tutto particolare. Erano presenti due lunghe corna sopraorbitali, sottili e appuntite, che si proiettavano all'infuori e curvavano verso il basso; gli altri ceratopsidi, generalmente, hanno le corna rivolte in avanti o all'indietro. Di fronte alle orbite era anche presente una sorta di protuberanza, e il corno nasale doveva essere appiattito e simile a una lama.

Ricostruzione del cranio di Kosmoceratops

Ma la caratteristica più sorprendente di Kosmoceratops era data dal collare osseo posteriore: era insolitamente largo, circa il doppio della lunghezza, al contrario dei suoi parenti più stretti (i casmosaurini). Lungo il bordo alto del collare erano presenti una decina di proiezioni ossee simili a uncini, otto delle quali erano ripiegate in avanti a ricoprire parzialmente il collare stesso; le altre due, laterali, curvavano all'infuori. In totale, sul cranio di questo dinosauro vi erano quindici strutture simili a corna, più che in qualsiasi altro dinosauro.

Il nome Kosmoceratops deriva dal greco antico e significa "faccia ornata".

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Noto per alcuni resti fossili ben conservati, Kosmoceratops è stato descritto nel 2010 ed è stato attribuito alla sottofamiglia Chasmosaurinae, nonostante le caratteristiche insolite dl cranio. È molto probabile che questo animale fosse strettamente imparentato con il successivo Vagaceratops, i cui fossili sono stati ritrovati in Alberta.

Ricostruzione di Utahceratops (sinistra) e Kosmoceratops

Paleobiologia[modifica | modifica sorgente]

Insieme a molti altri casmosaurini, il kosmoceratopo abitava la Laramidia, un continente isola che attualmente forma il Nordamerica occidentale. Durante il Cretaceo superiore, la Laramidia era separata dall'Appalachia (l'attuale Nordamerica orientale) a causa di un largo braccio di mare, noto come Western Interior Seaway. In Laramidia vi fu un notevole sviluppo evolutivo di numerosi gruppi di dinosauri, e sembra che si fossero sviluppate due faune endemiche all'interno dello stesso continente isola: una in ciò che è oggi rappresentato dallo Utah e dal Colorado, l'altra nella zona a nord di questi stati. Kosmoceratops, insieme a molti altri casmosaurini del periodo Campaniano (come Utahceratops), visse nella parte meridionale, mentre la provincia settentrionale era abitata dalle specie di Chasmosaurus.

Quando le due provincie si riunirono, nel giro di pochi milioni di anni Kosmoceratops e i suoi parenti migrarono verso nord, dando origine a forme come Vagaceratops. È possibile che, in seguito, furono proprio questi animali a dare origine ai casmosaurini più specializzati, come Triceratops.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Scott D. Sampson, Mark A. Loewen, Andrew A. Farke, Eric M. Roberts, Catherine A. Forster, Joshua A. Smith, Alan L. Titus (2010). "New Horned Dinosaurs from Utah Provide Evidence for Intracontinental Dinosaur Endemism". PLoS ONE 5 (9): e12292. doi:10.1371/journal.pone.0012292.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]