Kormáks saga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Kormáks saga (che in italiano significa Saga di Kormákr) è una saga degli Islandesi scritta in norreno in Islanda intorno al XIII secolo; sebbene si ritenga che sia tra le più antiche saghe composte, è abbastanza ben conservata. L'editore moderno della Kormáks saga la cui versione è presa da tutti convenzionalmente come standard è l'Íslenzk Fornrít.

La saga narra di Kormákr Ögmundarson, un poeta islandese del X secolo, e di Steingerðr, l'amore della sua vita; nell'opera è conservato un quantitativo significativo di poesia attribuita a Kormákr stesso, la maggior parte della quale canta del suo amore per Steingerðr. L'autore (sconosciuto) si basa chiaramente sulla tradizione orale, e sembra riluttante ad aggiungere o anche semplicemente integrare i diversi aneddoti riportati su Kormákr: spesso non fa altro che contestualizzare lo scenario dei versi del poeta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La saga di Kormákr, Silvia Cosimini (traduttrice), Reykjavík, 1996.
  • Kormáks saga in Íslenzk Fornrít (volume VIII), Einar Ól. Sveinsson (editore), Reykjavík, 1939.
  • The Sagas of Kormák and The Sworn Brothers, Lee M. Hollander (editore), Princeton University Press, Princeton, 1949.
  • The Complete Sagas of Icelanders (volume I), Viðar Hreinsson (editore), Leifur Eiríksson Publishing, Reykjavík, 1997, ISBN 9979-9293-1-6.
  • I miti nordici, Gianna Chiesa Isnardi, Longanesi, Milano, 1991, ISBN 88-304-1031-4; pagina 691.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]