Konstadínos Kedéris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Konstadínos Kedéris
Dati biografici
Nazionalità Grecia Grecia
Altezza 180 cm
Peso 73 kg
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
100 m 10"15 (2001)
200 m 19"85 Record nazionale (2002)
400 m 45"60 (1998)
400 m indoor 46"36 Record nazionale (1999)
Società Olympiakos
Carriera
Nazionale
1992-2003 Grecia Grecia
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Mondiali 1 0 0
Europei 1 0 0
Giochi del Mediterraneo 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 20 luglio 2010

Konstadínos "Kostas" Kedéris (gr. Κωνσταντίνος Κεντέρης; Mitilene, 11 luglio 1973) è un ex atleta greco, medaglia d'oro olimpica nei 200 metri piani ai Giochi di Sydney nel 2000 e campione del mondo della stessa specialità nel 2001.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Kedéris (spesso scritto Kenteris) iniziò a praticare l'atletica leggera all'età di 10 anni, circa dieci anni dopo si trasferì a Salonicco dove si specializzò nelle gare dei 200 e 400 metri piani.

Solo nel 1999 Kedéris prese parte ad un grande evento sportivo internazionale, quando fu eliminato nelle batterie dei 400 m dei Mondiali di atletica indoor e partecipò alle gare dei 200 m ai campionati del mondo di Siviglia. In quest'occasione Kedéris vinse la sua batteria davanti a Maurice Greene, al tempo primatista mondiale dei 100 m, ma non poté correre i quarti di finale per infortunio.

Quando nel 2000 Kedéris si qualificò alla finale dei 200 m ai Giochi olimpici di Sydney era ancora poco noto e - nonostante il campione olimpico in carica Michael Johnson e il primatista mondiale Greene non fossero in gara e lui avesse con 20"25 il miglior tempo europeo dell'anno su quella distanza - non era dato tra i favoriti per una medaglia. Kedéris invece vinse l'oro davanti al britannico Darren Campbell e ad Ato Boldon di Trinidad e Tobago,[1] divenendo il primo atleta non nero a vincere una medaglia nei 200 m da quando Pietro Mennea vinse l'oro all'Olimpiade di Mosca nel 1980.

Kedéris vinse inoltre la gara dei 200 m ai Mondiali di Edmonton del 2001, dopo una stagione nella quale rimase ai margini delle competizioni internazionali. L'anno successivo Kedéris completò la terna vincendo a Monaco il titolo europeo con un tempo di 19"85, ottenendo il suo record personale.

In vista delle Olimpiadi di Atene Kedéris era una delle speranze greche per una medaglia d'oro nell'atletica e uno dei papabili per l'accensione della fiamma olimpica. Il giorno prima dell'inaugurazione dei giochi Kedéris e la sua compagna di allenamenti Ekateríni Thánou mancarono di eseguire un test antidoping. Inizialmente i due atleti si giustificarono asserendo di essere stati vittime di un incidente motociclistico mentre si stavano recando al villaggio olimpico per eseguire il test dopo aver appreso la notizia della loro infrazione. In seguito però un'indagine ufficiale appurò che l'incidente era stata una messa in scena.[2]

Nello scandalo che segui il test antidoping mancato (il terzo di quella estate), Kedéris e Thanou annunciarono il loro ritiro dai Giochi il 18 agosto per quello che definirono "l'interesse del paese". A seguito della vicenda i due atleti furono sospesi dalla IAAF il 22 dicembre 2004, nel giugno del 2005 furono invece scagionati da ogni accusa dalla federazione greca.[3]

Dopo una lunga battaglia legale, il 26 giugno 2006, prima di una sentenza definitiva della Corte di arbitrato per lo sport di Losanna, gli atleti raggiunsero un accordo con la IAAF accettando le violazioni delle norme antidoping in relazione ai tre test mancati tra il 27 luglio ed il 12 agosto 2004. Furono ammessi a partecipare all'attività agonistica dal 22 dicembre 2006, dopo un periodo di squalifica di due anni.[4] Tuttavia i due atleti devono tuttora affrontare le accuse penali nei loro confronti, per false dichiarazioni rilasciate alle autorità greche.

Nonostante il termine della squalifica, Kedéris non prese più parte ad alcun evento agonistico di rilievo internazionale.

Record nazionali[modifica | modifica sorgente]

Seniores[modifica | modifica sorgente]

Progressione[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1992 Mondiali juniores Corea del Sud Seul 200 metri 21"10
1993 Giochi del
Mediterraneo
Francia Linguadoca 400 metri Oro Oro 45"70
1999 Mondiali indoor Giappone Maebashi 400 metri Batteria 47"35
Mondiali Spagna Siviglia 200 metri Quarti di finale DSQ
2000 Giochi olimpici Australia Sydney 200 metri Oro Oro 20"09
4×100 metri Semifinale 38"80
2001 Mondiali Canada Edmonton 200 metri Oro Oro 20"04
2002 Europei Germania Monaco 200 metri Oro Oro 19"85 Record personale

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

1999

2000

2001

2003

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Athletics at the 2000 Sydney Summer Games - Men's 200 metres Final, Sports-Reference. URL consultato il 27 agosto 2010.
  2. ^ Kostas Kenteris e Thanou ora la Iaaf li accusa. Squalifica in arrivo, Corriere.it, 3 dicembre 2004. URL consultato il 20 luglio 2010.
  3. ^ La federazione greca decide di assolvere Kenteris e la Thanou, La Gazzetta dello Sport, 19 marzo 2005. URL consultato il 20 luglio 2010.
  4. ^ (EN) Sprint duo drop drugs ban appeals, BBC Sport, 26 giugno 2006. URL consultato il 20 luglio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]