Kongo Maru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kongo Maru
Aikoku Maru-1942.jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tipo nave corsara
Caratteristiche generali
Dislocamento 8.613
Lunghezza 115 m
Larghezza 16 m
Pescaggio 7,8 m
Velocità 18 nodi
Armamento
Armamento
  • 4 cannoni da 140 mm
  • 4 cannoni da 25 mm
  • 2 tubi lanciasiluri da 533 mm
  • 1 catapulta per 1 aereo
Mezzi aerei 1 aereo Kawanishi E7K2 "Alf"

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La corsara nipponica "Kongo Maru" si guadagnò una certa notorietà, anche se, a onor del vero, le prodezze delle navi corsare giapponesi rimarranno per almeno mezzo secolo archiviati in dossier riservati sia giapponesi che statunitensi.

Comunque questa corsara, insieme alle altre, furono scelte per la grande autonomia e velocità, camuffate con false torri, finti fumaioli, finti sovrastrutture e carichi fasulli, e celavano, ben nascoste, un potente armamento come veri e propri incrociatori ausiliari, attrezzati per la guerra contro il traffico mercantile alleato.

Da precisare che tali corsare condussero una guerra di corsa completamente differente da quella condotta dalle similari tedesche della Kriegsmarine, in quanto i giapponesi concepirono in maniera diversa le operazioni belliche.

La "Kongo Maru" fu completata nel 1934 nei cantieri Kokusai Kisen K.K. di Tokyo per conto della società armatrice Nippon Yusen K.K.. La nave era stata commissionata per essere utilizzata per trasportare passeggeri e merci varie lungo la rotta Kobe-New York.

Nel settembre del 1941, la Kongo Maru ricevette nei cantieri navali di Tamano, prima, cannoni, mitragliere e tubi lanciasiluri e poi, tutte le attrezzature necessarie per il trasporto e l'utilizzo dell' aereo da osservazione.

Tali lavori di conversione terminarono nella metà di ottobre con il montaggio di due grandi proiettori, uno da 1.100 mm, e l'altro da 900 mm.

Nell'ottobre del 1941, la "Kongo Maru", insieme alla "Kinryu Maru", veniva assegnata alla 4ª Flotta Combinata della Marina Imperiale giapponese, poste sotto il comando del Vice-Ammiraglio Shigejoshi Inoue.

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina