Kongamato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Kongamato è un animale che deve la sua fama ad un libro pubblicato nel 1932 di Frank Welland, esploratore del periodo, in Zambia, in cui egli descrive questo essere.

Il kongamato è descritto da Welland e da numerosi testimoni come una grande creatura alata priva di peli o penne, con la pelle di colore rossastro oppure completamente nera, con becco appuntito, la sua descrizione ricorda i famosi Pterodattili, rettili volanti o pterosauri apparsi alla fine del periodo Triassico e che solcarono i cieli per oltre 65 milioni di anni, oppure può ricordare un drago o un pipistrello gigante.