Know Nothing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Partito politico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Manifesto della campagna di Fillmore e Donelson

Know Nothing era un movimento xenofobo ("nativista") americano degli anni cinquanta del secolo XIX. Traeva forza dalle paure popolari che il paese potesse essere sopraffatto dall'immigrazione massiccia dei cattolici irlandesi, ritenuti ostili ai valori americani e controllati dal papa. Attivo soprattutto a partire dal 185456, era fortemente contrario all'immigrazione e alla naturalizzazione, ma i suoi esordi ebbero scarso successo. Ebbe pochi leader carismatici e la sua base sociale, composta soprattutto dalla classe media protestante, non aveva una posizione comune sul tema dell'abolizione dello schiavismo.

Il movimento era nato a New York nel 1843 con il nome di American Republican Party. Si diffuse in altri stati con il nome di Native American Party e divenne un partito politico nazionale nel 1845. Nel 1855 assunse il nome di American Party. L'origine del termine "Know Nothing" è da ricercare nell'organizzazione semisegreta del partito. Quando a un membro fosse chiesto delle sue attività, avrebbe dovuto rispondere "I know nothing" (non so nulla).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Cause importanti[modifica | modifica sorgente]

L'immigrazione massiccia di cattolici irlandesi e tedeschi verso gli Stati Uniti nel periodo fra il 1830 e 1860 rese le differenze religiose fra cattolici e protestanti un tema di rilevanza politica. Le tensioni riecheggiavano i conflitti europei fra cattolici e protestanti. Le elezioni furono occasionalmente accompagnate da episodi violenti.

Sebbene i cattolici asserissero di essere politicamente indipendenti dal clero, i protestanti accusavano papa Pio IX di aver posto fine alla Repubblica Romana e di essere un nemico della libertà, della democrazia e del protestantesimo. Questi rilievi fomentarono teorie cospirative che attribuivano a Pio IX il disegno di soggiogare gli Stati Uniti mediante un'immigrazione continua di cattolici controllati da vescovi irlandesi obbedienti e personalmente selezionati dal Pontefice. Nel 1849, una società segreta sotto il vincolo del giuramento, l'Order of the Star Spangled Banner, fu fondata da Charles Allen a New York. Costituì il nucleo dell'American Party.

La paura dell'immigrazione cattolica tolse la fiducia nel Partito Democratico, fra i cui membri più influenti molti erano i cattolici di origini irlandesi. Gli attivisti si riunirono in gruppi segreti, per far convergere i propri voti verso candidati favorevoli alla loro causa. Il movimento vinse le elezioni in grandi città da Chicago a Boston nel 1855 e ottenne in Massachusetts la maggioranza e il governatorato.

Crescita del movimento[modifica | modifica sorgente]

Nella primavera del 1854, il Know Nothing riuscì a prevalere in città come Boston, Salem ed altre città del New England. Riuscirono anche a conquistare lo stato del Massachusetts nelle elezioni dello stesso anno, la loro vittoria più importante. Il candidato dei whig a Philadelphia era l'editore Robert T. Conrad, che presto si rivelò come un appartenente al movimento; promise diverse misure repressive come chiudere i saloon la domenica e di impiegare negli uffici pubblici solamente cittadini nativi americani. Conrad riuscì a vincere grazie ad una valanga di voti a suo favore. A Washington, il candidato del Know-Nothing John T. Towers riuscì a sconfiggere il sindaco in carica John Walker Maury, portando addirittura alla nascita di un "Anti-Know-Nothing Party" formato da democratici, whigs e freesoilers. A New York, in una corsa a 4, il candidato del Know Nothing arrivò terzo con il 26% dei consensi. Dopo le elezioni del 1854 rivendicarono un maggior controllo politico negli stati del Maine, Indiana, Pennsylvania e California, ma gli storici sono dubbiosi su questo punto, anche perché tutti i partiti erano in subbuglio ed i problemi della schiavitù, del proibizionismo e della minoranza dei nativi americani presero il sopravvento sulle tematiche centrali del movimento. Comunque riuscirono, sempre nel 1854, Stephen Palfrey Webb come sindaco di San Francisco e J. Neely Johnson come governatore della California. Il risultato politico delle elezioni fu talmente favorevole al Know Nothing che si costituì ufficialmente come partito politico con il nome di American Party, attraendo buona parte degli appartenenti all'appena defunto partito whig ed addirittura qualche democratico (oltre ad un buon numero di proibizionisti). I membri del neonato American Party crebbero esponenzialmente, dagli iniziali 50.000 a circa un milione di militanti; essi però potevano tranquillamente durante le elezioni presidenziali votare per i democratici o per i repubblicani; la lealtà del partito e la sua linea politica iniziò a rivelarsi confusionaria. Nello stesso momento inoltre, il nuovo Partito Repubblicano emerse come forza dominante in alcuni stati del Nord degli Stati Uniti. Pochissimi politici di spicco appoggiarono l'American Party, ed ancora di meno furono i politici dell'American Party che riuscirono a "sfondare" in una carriera politica. L'eccezione più evidente fu Schuyler Colfax nell'Indiana e Henry Wilson nel Massachusetts; entrambi diventarono Repubblicani ed entrambi diventarono Vice Presidenti.

Sempre nel 1854, a quanto pare, dei militanti dell'American Party rubarono e distrussero il blocco di granito che papa Pio IX aveva donato per la costruzione del Monumento a Washington; e di quello stesso monumento riuscirono anche a controllare l'impresa di costruzioni per 4 anni.

In California nel 1854, Sam Roberts fondò una filiale del Know Nothing a San Francisco, rispondendo all'esigenza di opporsi agli immigrati cinesi, cileni e irlandesi, molto presenti nella città ed impiegati nelle vicine miniere d'oro.

Nella primavera del 1855, Levi Boone fu eletto sindaco di Chicago come candidato del Know Nothing; appena eletto licenziò tutti gli immigrati impiegati nell'amministrazione cittadina. Nonostante questa vittoria però, il repubblicano Abraham Lincoln riuscì a bloccare l'ascesa del nuovo American Party. Lo stato dell'Ohio fu l'unico dove l'American Party guadagnò consensi nel 1855; ciò fu dovuto anche al clima di tensione nei confronti degli immigrati, soprattutto tedeschi luterani e scozzesi presbiteriani. Nell'Alabama, il Know Nothing era formato da un mix di ex appartenenti al Whig Party, alcuni democratici delusi e da altri esponenti politici (quest'ultimi impegnati a favore di aiuti statali per la costruzione di più ferrovie). Nella tumultuosa campagna elettorale del 1855, i Democratici vinsero in Alabama, riuscendo a convincere i votanti che il movimento locale del Know Nothing non avrebbe protetto la schiavitù dagli abolizionisti del nord.

Declino[modifica | modifica sorgente]

Il declino del partito incominciò rapidamente al Nord dal 1855 al 1856. Nelle elezioni presidenziali del 1856, si divise profondamente sul tema della schiavitù. Una parte dell'American Party supportava il "ticket" formato dal candidato presidente Millard Fillmore e dal candidato vicepresidente Andrew Jackson Donelson, il quale ebbe il 23% dei consensi totali e si aggiudicò ben 8 "grandi elettori" nello stato del Maryland. Ma Fillmore non riuscì a guadagnare abbastanza consensi in Pennsylvania per battere il suo avversario James Buchanan nella corsa alla Casa Bianca. La maggior parte degli abolizionisti della schiavitù all'interno dell'American Party si schierò con il Partito Repubblicano, soprattutto dopo il caso Dred Scott contro Sandford. L'ala "schiavista" dell'American Party rimase comunque forte a livello locale e statale in alcuni stati del Sud, ma dalle elezioni presidenziali del 1860 l'American Party perse definitivamente la sua forza politica.

Alcuni storici ritengono che il Know Nothing fosse fondamentalmente differente tra Nord e Sud, dove era ispirato meno dal nativismo o dall'anticattolicismo e più dall'unionismo conservatore.

Uso del termine Know Nothing[modifica | modifica sorgente]

Il termine "Know Nothing" ha avuto più fortuna del partito. Alla fine del XIX secolo i democratici bollavano i repubblicani come "Know Nothing" per ottenere il voto cattolico. A partire dall'inizio del XX secolo il termine è stato usato in modo provocatorio, con l'equivalente di xenofobo e ignorante. Nel 2006, un editoriale sul giornale The Weekly Standard a firma di William Kristol attaccava i populisti repubblicani con l'accusa di xenofobia "Know-Nothing"."[1]

Il programma[modifica | modifica sorgente]

Il programma dell'American Party comprendeva:

  • Pesanti limitazioni all'immigrazione, soprattutto da paesi cattolici
  • Eleggibilità limitata ai nati in America
  • Termine di 21 anni per un immigrato per ottenere la cittadinanza americana
  • Insegnanti nelle scuole pubbliche esclusivamente protestanti
  • Obbligo di letture bibliche quotidiane nelle scuole pubbliche
  • Restrizioni nella vendita degli alcolici

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Citato da Craig Shirley, "How the GOP Lost Its Way", Washington Post, April 22, 2006; Page A21in

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Anbinder; Tyler. Nativism and Slavery: The Northern Know Nothings and the politics of the 1850s (1992). versione online
  • Baum, Dale. "Know-Nothingism and the Republican Majority in Massachusetts: The Political Realignment of the 1850s." Journal of American History 64 (1977–78): 959-86. **also in The Civil War Party System: The Case of Massachusetts, 1848–1876 (1984) online
  • Ray A. Billington, The Protestant Crusade, 1800–1860: A Study of the Origins of American Nativism (1938)
  • Bladek, John David. "'Virginia Is Middle Ground': the Know Nothing Party and the Virginia Gubernatorial Election of 1855." Virginia Magazine of History and Biography 1998 106(1): 35–70. ISSN 0042-6636
  • Cheathem, Mark R. "'I Shall Persevere in the Cause of Truth': Andrew Jackson Donelson and the Election of 1856". Tennessee Historical Quarterly 2003 62(3): 218–237. ISSN 0040-3261 Donelson was Andrew Jackson's nephew and K-N nominee for Vice President
  • Dash, Mark. "New Light on the Dark Lantern: the Initiation Rites and Ceremonies of a Know-nothing Lodge in Shippensburg, Pennsylvania" Pennsylvania Magazine of History and Biography 2003 127(1): 89–100. ISSN 0031-4587
  • Gienapp, William E. The Origins of the Republican Party, 1852–1856 (1978), detailed statistical study, state-by-state
  • Clifford S. Griffin; Their Brothers' Keepers: Moral Stewardship in the United States, 1800–1865 Rutgers University Press. 1960
  • Michael Holt. The Rise and Fall of the American Whig Party (1999) online
  • Michael F. Holt, Political Parties and American Political Development: From the Age of Jackson to the Age of Lincoln (1992)
  • Michael F. Holt, "The Antimasonic and Know Nothing Parties", in Arthur Schlesinger Jr., ed., History of United States Political

Parties (1973), I, 575–620.

  • Payton Hurt, "The Rise and Fall of the 'Know Nothings' in California," California Historical Society Quarterly 9 (March and June 1930).
  • Ira Leonard and Robert Parmet, American Nativism, 1830–1860 (1971)
  • Levine, Bruce. "Conservatism, Nativism, and Slavery: Thomas R. Whitney and the Origins of the Know-nothing Party" Journal of American History 2001 88(2): 455–488. ISSN 0021–8723
  • Stephen E. Maizlish, "The Meaning of Nativism and the Crisis of the Union: The Know-Nothing Movement in the Antebellum North."

in William Gienapp, ed. Essays on American Antebellum Politics, 1840–1860 (1982) pp166-98 versione online

  • Melton, Tracy Matthew. Hanging Henry Gambrill: The Violent Career of Baltimore's Plug Uglies, 1854–1860 (2005)
  • Allan Nevins. , Ordeal of the Union: A House Dividing, 1852–1857 (1947)
  • Overdyke, W. Darrell The Know-Nothing Party in the South (1950) online
  • Voss-Hubbard, Mark. Beyond Party: Cultures of Antipartisanship in Northern Politics before the Civil War Johns Hopkins U. Press 2002.

Fonti bibliografiche[modifica | modifica sorgente]

  • Frederick Rinehart Anspach. The Sons of the Sires: A History of the Rise, Progress, and Destiny of the American Party (1855) by K-N activist versione online
  • Samuel Clagett Busey. Immigration: Its Evils and Consequences (1856) versione online
  • Anna Ella Carroll. The Great American Battle: Or, The Contest Between Christianity and Political Romanism (1856) versione online
  • Fillmore, Millard. Millard Fillmore Papers Ed. by Frank H. Severance (1907) versione online
  • The Wide-awake Gift: A Know-nothing Token for 1855 (1855) versione online

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]