Knight Rider (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Knight Rider
Knight Rider.png
Titolo originale Knight Rider
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2008-2009
Formato serie TV
Genere azione
Stagioni 1
Episodi 17
Durata 40 min ca.
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio dolby surround
Crediti
Ideatore David Andron
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione Dutch Oven Productions
Universal Media Studios
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 24 settembre 2008
Al 4 marzo 2009
Rete televisiva NBC
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 13 giugno 2010
Al 3 ottobre 2010
Rete televisiva Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 4 settembre 2009
Al 23 ottobre 2009
Rete televisiva Steel
Opere audiovisive correlate
Originaria Supercar
Precedenti Knight Rider
Altre

Knight Rider è una serie televisiva statunitense trasmessa da NBC tra la fine del 2008 e l'inizio del 2009.

La serie è il sequel della serie degli anni ottanta Supercar, ed è stata creata dopo l'omonimo film per la televisione Knight Rider, trasmesso il 17 febbraio 2008.

Justin Bruening è Mike Traceur, il figlio allontanato di Michael Knight. Deanna Russo è Sarah Graiman, figlia di Charles Graiman ed ex ragazza di Traceur. Bruce Davison interpreta Graiman, creatore della nuova generazione di KITT (Knight Industries Three Thousand), dispositivo cui Val Kilmer presta la voce.

A causa dei bassi ascolti e delle critiche non positive, nel dicembre 2008 la NBC ha deciso di non rinnovare la serie per una seconda stagione[1][2][3][4].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Venticinque anni dopo le avventure di Michael Knight, suo figlio Mike Traceur (che più tardi cambia nome in Mike Knight) diventa il pilota della nuova generazione di KITT, una Shelby Mustang GT500 KR.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 17 2008-2009 2009

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 17º episodio della serie, ovvero l'ultimo, quando Billy va a salvare Mike dai militari, si presenta travestito da tenente e dice al colonnello, che tiene in custodia Mike, di chiamarsi Templeton Benedict. Questo è un chiaro riferimento alla serie televisiva A-Team, in quanto Templeton è il vero nome di "Sberla" (Templeton Peck), mentre Benedict fa riferimento al vero nome dell'attore che lo impersonava, Dirk Benedict. Inoltre "Sberla" nella serie era solito travestirsi - come in questo caso Billy - da militare, o in altro, se necessario per portare a termine i piani della squadra.
  • Nell'episodio "Il Cavaliere dell'Iguana" Alex Torres dà a Mike e Zoe i nomi di copertura "Devon" e "Bonnie", che sono i protagonisti della serie degli anni '80.
  • Nell'episodio pilota "Prometeo" oltre a vedere alcune parti della Pontiac Trans AM del 1982 usata per la serie precedente si vede anche l'auto(minuto 4.22), come la targa "KNIGHT" e il volante con la scritta "Knight Two Thousand"
  • Nell'episodio pilota "Prometeo" Sarah trova Mike a Las Vegas al Montecito, Hotel/casinò di fantasia sede principale delle avventure della serie TV "Las Vegas" prodotta sempre dalla NBC.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gary Levin, The early line on fall: What's in, out and undecided, Usatoday.Com, 15 aprile 2009. URL consultato il 20 maggio 2009.
  2. ^ NBC News: Chuck Renewed; My Name Is Earl, Medium Canceled, E! Online, 19 marzo 2009. URL consultato il 1º giugno 2009.
  3. ^ The Futon's Upfront Notes: ABC & NBC, The Futon Critic, 19 marzo 2009. URL consultato il 1º giugno 2009.
  4. ^ NBC announces fall schedule: 'Chuck' stays, 'Southland' moves to Fridays, Entertainment Weekly, 19 marzo 2008. URL consultato il 1º giugno 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione