Klaus Iohannis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Klaus Johannis)
Klaus Iohannis
Klaus Iohannis din interviul cu Dan Tapalagă.tif

Presidente della Romania
In carica
Inizio mandato 21 dicembre 2014
Primo ministro Victor Ponta
Predecessore Traian Băsescu

Sindaco di Sibiu
Durata mandato 30 giugno 2000 –
2 dicembre 2014
Predecessore Dan Condurat
Successore Astrid Fodor (ad interim)

Segretario del Partito Nazionale Liberale
In carica
Inizio mandato 28 giugno 2014
Predecessore Crin Antonescu

Leader del Forum democratico dei tedeschi in Romania
Durata mandato 2002 –
2013
Predecessore Wolfgang Wittstock
Successore Paul-Jürgen Porr

Dati generali
Partito politico Forum democratico dei tedeschi in Romania (1990-2013)
Partito Nazionale Liberale (dal 2013)
Titolo di studio Laurea in fisica
Alma mater Università Babeş-Bolyai
Professione Politico

Klaus Werner Iohannis (Sibiu, 13 giugno 1959) è un politico rumeno. In seguito alla vittoria delle elezioni presidenziali romene del 16 novembre 2014, si è insediato come quinto Presidente della Romania il 21 dicembre 2014[1][2][3][4].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iohannis si laurea nel 1983 in fisica all'Università Babeş-Bolyai di Cluj-Napoca e, dopo aver insegnato nella sua città, diventa ispettore scolastico del Distretto di Sibiu.

Etnicamente appartiene alla minoranza sassone che vive in Transilvania già dal XIII secolo. Viene eletto alla carica di sindaco della città di Sibiu il 18 giugno 2000 sostenuto dal Forum Democratico dei Germani di Romania, il partito rappresentante dei diritti dei tedeschi, e, nonostante questa minoranza a Sibiu (Hermannstadt in tedesco) sia solo dell'1,6%, vinse con un netto 69,18% al ballottaggio contro Ioan Cindrea del Partito Socialdemocratico[5]. Le sue riforme hanno avuto tanto successo che il 7 giugno 2004 è stato rieletto con l'88,7% dei voti al primo turno[6] e rieletto una terza volta sempre al primo turno nel 2008 con l'83,26% delle preferenze alleato con il Partito Nazionale Liberale[7].

Iohannis è il primo sindaco rumeno di origine tedesca dopo Albert Dörr, che dal 1940 al 1945 è stato a sua volta primo cittadino sempre di Sibiu. Durante gli anni di governo di Iohannis, la città di Sibiu è stata nominata Capitale europea della cultura per il 2007, assieme a Lussemburgo.

Nel 2002 viene scelto come presidente del Forum Democratico dei Germani di Romania (FDGR). Nel 2006 è stato indagato dal dipartimento nazionale contro la corruzione per abusivismo edilizio nella sua città.

Il 14 ottobre 2009 è stato proposto dal Partito Nazionale Liberale, proposta poi appoggiata anche dal Partito Social Democratico e dall'Unione Democratica Magiara di Romania, come nuovo Primo Ministro dopo il voto di sfiducia che ha portato alla caduta del Gabinetto presieduto dal democratico-liberale Emil Boc[8].

All'indomani del primo turno del voto per le presidenziali del 2009, quando ormai era chiaro il ballottaggio fra i candidati Mircea Geoană leader del PSD e Traian Băsescu vicino al PDL, il leader del PNL Crin Antonescu propone al PSD l'appoggio del suo elettorato in cambio di un governo di coalizione fra i due partiti con premier super-partes il sindaco Johannis[9] con l'appoggio delle proposte anche dell'UDMR.

Il 16 novembre 2014 viene eletto presidente della Romania,vincendo (col 54,8%) il ballottaggio con il socialdemocratico Victor Ponta (45,2%)[10].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze rumene[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine di Michele il Coraggioso - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Michele il Coraggioso
Gran Maestro dell'Ordine della Stella di Romania - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Stella di Romania
Gran Maestro dell'Ordine del Fedele Servizio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Fedele Servizio

Personalmente è stato insignito dei titoli di:

Cavaliere dell'Ordine della Stella di Romania - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Stella di Romania
— 2007
Cavaliere dell'Ordine al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito
— 2011

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Croce al Merito al Nastro dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito al Nastro dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— 2006
Commendatore dell'Ordine della Stella della Solidarietà Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Stella della Solidarietà Italiana (Italia)
— 22 aprile 2008[11]
Gran Decorazione d'Onore in Argento dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Argento dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 2009
Ufficiale dell'Ordine della Corona (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Corona (Belgio)
— 2009
Ufficiale dell'Ordine al Merito del Granducato di Lussemburgo (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine al Merito del Granducato di Lussemburgo (Lussemburgo)
— 2009
Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Klaus Iohannis - Who is the New President of Romania?, Friedl Business Information, 17 novembre 2014.
  2. ^ Gianluca Falco, Ribaltone a Bucarest, Johan­nis il conservatore supera il «socialista» Ponta, Diritti Globali, 18 novembre 2014.
  3. ^ (RO) Meggátolhatja a bíróság Johannis beiktatását?, Maszol, 19 novembre 2014.
  4. ^ (FR) Luca Niculescu, Klaus Iohannis, un président surprise pour la Roumanie in Libèration-Le Monde, 19 novembre 2014.
  5. ^ (RO) Risultati finali delle elezioni locali. URL consultato il 23 novembre 2009.
  6. ^ (RO) Risultati finali delle elezioni locali. URL consultato il 23 novembre 2009.
  7. ^ (RO) Risultati finali delle elezioni locali. URL consultato il 23 novembre 2009.
  8. ^ (RO) PNL, PSD e UDMR propongono premier Klaus Johannis. URL consultato il 23 novembre 2009.
  9. ^ (RO) Antonescu propone a Geoană Johannis Premier, 23 novembre 2009.
  10. ^ Chi è Klaus Iohannis, il nuovo presidente della Romania, Rai News, 17 novembre 2014.
  11. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]