Klaus Berger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Klaus Berger

Klaus Berger (Hildesheim, 25 novembre 1940) è un teologo tedesco, noto per i suoi studi e i suoi scritti sul Nuovo Testamento.

Ha compiuto gli studi di filosofia, teologia e orientalistica a Monaco, Berlino e Amburgo. Inizialmente cattolico, nel 1967 si è parlato di un suo passaggio al protestantesimo quando la Facoltà di teologia di Monaco di Baviera ha rifiutato la sua tesi di dottorato in cui afferma che Gesù non ha infranto la legge ebraica, ma l'ha interpretata in conformità con il sentire del suo tempo. Questa idea è stata però accettata nel 1991 ed è ora considerata ufficiale da parte della Chiesa cattolica. In realtà lo stesso Berger non ha mai sostenuto di aver lasciato il cattolicesimo. A partire dal 1974 è stato professore di teologia del Nuovo Testamento nella Facoltà di teologia evangelica all'Università di Heidelberg.

È uno dei più noti esegeti di lingua tedesca, autore – insieme a Christiane Nord – di un'originale traduzione del Nuovo Testamento in tedesco (Das Neue Testament und frühchristliche Schriften), cui ha fatto seguire un importante commento al Nuovo Testamento (Kommentar zum Neuen Testament, 2011). Il suo libro su Gesù è stato un best-seller nei paesi di lingua tedesca e, oltretutto, è stato segnalato da Joseph Ratzinger nei suoi saggi sulla figura del Nazareno.

Bibliografia in lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 90632174 LCCN: n50007437

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie