Kislev (Warhammer)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'ambientazione del gioco Warhammer Fantasy, Kislev è uno stato simil-slavo situato a nordest dell'Impero, posto fra quest'ultimo ed il Reame del Caos.

Fra le terre di Kislev e Norsca si trova invece il paese dei Troll, seguito dalla Desolazione del Caos, una terra attraversata da potenti energie magiche caotiche. A causa del clima rigido e del fatto che le incursioni del Caos (e degli orchi) dirette verso l'Impero devono passare per forza di cose attraverso il loro paese, i kisleviti sono un popolo coriaceo, riluttante a ritirarsi durante uno scontro. La capitale è la città di Kislev, mentre Erengrad e Praag sono gli altri due centri più importanti. Lo stato kislevita è largamente ispirato alla federazione lituano-polacca e alla Russia dei secoli XVI e XVII. I kisleviti sono famosi soprattutto per le loro abilità di arcieri a cavallo, e sono comandati dalla Zarina Katerin, la più potente maga-regina di tutti i tempi, maestra nell'uso della magia dei ghiacci e dallo Zar Boris che combatte a cavallo di un grande orso bianco.

Sebbene Kislev abbia sempre goduto di una certa importanza nel mondo di Warhammer, non è mai stata loro dedicata un'armata di miniature, eccezion fatta per singoli modelli ad edizione limitata, inclusi nelle liste dell'Impero. Nel 1995, tuttavia, apparve nel Citadel Journal una lista per un esercito kislevita scritta da Tuomas Pirinen, un designer della Games Workshop, e quest'ultima nel 2004 pubblicò un manuale dedicato all'armata di Kislev, simile a quelli pubblicati per gli altri eserciti.

L'Armata di Kislev[modifica | modifica sorgente]

L'armata di Kislev comprende le seguenti unità:

  • Lancieri Alati (simili agli Ussari della Polonia del XVII secolo)
  • Arcieri Ungol a Cavallo
  • Kossari di Kislev
  • Legione dei Grifoni: Questi cavalieri costituiscono la guardia personale della zarina, quando questa scende in campo (il che accade di rado). In altri casi vengono impiegati come mercenari dall'Impero, specie a Middenheim.

I maghi dell'esercito, e i Kisleviti in generale nelle opere di fiction, usano la magia del ghiaccio, la quale non è compresa in nessuno degli otto Venti Magici utilizzati dai loro alleati imperiali.

Nella letteratura di Warhammer si narra anche che i Kisleviti usino le armi da fuoco, ma non esistono regole ufficiali o modellini per questo tipo di unità.

Nell'ambientazione di Mordheim (marchio registrato della GW) si fa riferimento ad alcune tipologie di combattenti "nuovi": gli addestratori di Orsi descritti come BEAR TAMER DRUZHINA STRELTSI guerrieri con alabarde descritti come DRUZHINA ESAUL fucilieri e balestrieri.

Con Druzhina si intende nel caso di Mordheim la "banda" e nel significato storico ha il senso di gruppo di guerrieri

Nell'ambientazione di Warmaster (marchio registrato della GW) Kislev ha ulteriori tipologie di combattenti. Carri da guerra simili a quelli storici dei Taboriti (quindi con scudi di legno larghi sulle fiancate e riempiti di armati con armi da tiro, flagelli e archibugi) e orde di orsi guidate da cavalieri su orso a loro volta. Gli orsi sono altresì le cavalcature degli eroi (maghi e guerrieri).