Kirsten Cohen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kirsten Cohen
Universo The O.C.
Lingua orig. Inglese
Soprannome Kiki (usato da suo padre Caleb Nichol e da Taylor Townsend)
Autore Josh Schwartz
1ª app. in Orange County
Ultima app. in Nella fine, il principio
Interpretata da Kelly Rowan
Voce italiana Monica Gravina
Sesso Femmina
Data di nascita 25 gennaio 1967
Professione CEO del Newport Group
Cofondatrice di New Match
Parenti

Kirsten Cohen (nata Nichol) è un personaggio fittizio, uno dei protagonisti della serie televisiva The O.C., interpretata da Kelly Rowan e doppiata in italiano da Monica Gravina.

Primogenita di Caleb Nichol e sorella maggiore di Hailey Nichol, si è sposata con Sandy Cohen quando aveva circa vent'anni e si è trasferita a Newport dopo la morte della madre per cancro alle ovaie. Da quando è moglie di Sandy e ha dato alla luce Seth ha sempre lavorato per il Newport Group, fino alla morte del padre, quando si è messa in affari con l'amica Julie Cooper e ha fondato con lei New Match, combinando appuntamenti fra gli uomini e le donne più facoltosi di Newport.

Biografia immaginaria[modifica | modifica sorgente]

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

Kirsten è, dei membri della famiglia Cohen, l'unica a non vedere di buon occhio la presenza di Ryan in casa, principalmente perché molto protettiva nei confronti del figlio Seth. Tuttavia, quando la madre naturale di Ryan, Dawn Atwood, lascia casa Cohen e la vita di Ryan, Kirsten accetta di buon grado il definitivo trasferimento del ragazzo e accetta di diventare, insieme al marito, suo tutore legale.

Il suo miglior amico è il vicino di casa Jimmy Cooper, con cui ha avuto una relazione ai tempi del liceo; rimane sempre vicina all'amico, anche durante il divorzio con Julie Cooper, ed i due si scambiano anche un bacio, che tuttavia rimane un episodio isolato.

Ad una delle ragazze frequentate dal figlio adottivo, Ryan, Kirsten accenna ad un aborto giovanile, ma sulla vicenda non viene svelato nulla prima della quarta serie.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

La seconda stagione segna una parabola discendente per la vita di Kirsten, a cominciare dalla fuga del figlio Seth con cui si era chiusa la prima stagione e dallo scandalo giudiziario in cui viene coinvolto il padre, il quale è costretto a lasciare la direzione del Newport Group, cui Kirsten ha dedicato anima e corpo fino a quel momento; Caleb decide di passare il testimone a Julie piuttosto che a Kirsten, suscitando l'ira della figlia.

Intanto il passato di Sandy riaffiora nei panni di un suo vecchio professore di Berkeley, padre di una ragazza cui il marito era stato molto legato in gioventù, Rebecca Bloom; Kirsten, tenuta all'oscuro di gran parte della vicenda, scopre che Rebecca si nasconde nell'ufficio del marito e ne rimane sconvolta.

Sandy blocca sul nascere ogni nuovo coinvolgimento con Rebecca, ma Kirsten, coinvolta da Julie nella creazione della rivista Newport Living, si ritrova a lavorare a stretto contatto con Carter Buckley, editore della rivista. Fra i due non inizia alcuna storia, ma il loro rapporto è ben più che professionale, tanto che la partenza di Carter devasta psicologicamente Kirsten, che inizia a bere sempre di più.

La morte del padre per un attacco cardiaco è la goccia che fa traboccare il vaso: Kirsten vede nell'alcol una consolazione ai suoi crescenti problemi e, ubriaca, ha un incidente automobilistico con cui rischia la vita. Sandy le propone una cura in una clinica riabilitativa, e l'amore per il figlio Seth la convince ad accettare la realtà ed il ricovero.

Terza stagione[modifica | modifica sorgente]

Presso la clinica di riabilitazione Suriak, Kirsten conosce Charlotte Morgan, che sembra essere molto interessata a lei, ed una volta finita la terapia la invita in un suo cottage in montagna. In realtà Charlotte mira solo ai soldi di Kirsten, ma lei non sospetta nulla, e viene molto condizionata psicologicamente dalla donna. La lettura del testamento di Caleb è un trauma per Kirsten, che però trova la forza per farlo diventare un definitivo addio all'alcol.

Kirsten vive solo di riflesso la trasformazione del marito, che mantiene in vita il Newport Group e si trasforma lentamente nello spietato uomo d'affari che era stato suo padre. Intanto, lei e Julie fondano New Match, una piccola società di appuntamenti in cui Kirsten vede un'ottima alternativa alla monotona vita da casalinga.

Quarta stagione[modifica | modifica sorgente]

Con la quarta stagione Kirsten e Julie decidono di riaprire New Match e lo fanno grazie al finanziamento del magnate del petrolio Gordon Bullit. L'amica Julie tuttavia trasforma la società in un enorme giro di gigolò d'alto bordo, tenendo Kirsten all'oscuro della cosa; quando quest'ultima viene a conoscenza della situazione, decide di non mettersi più in affari con Julie, ma capisce anche di non poter rinunciare a lei come amica.

In questa stagione viene anche approfondita la storia di Kirsten con Jimmy e viene spiegato l'accenno all'aborto compiuto nella prima stagione: Kirsten era rimasta incinta di Jimmy prima dell'università, ma aveva deciso di abortire e tenere il fidanzato all'oscuro di tutto; così l'aveva lasciato e si era iscritta a Berkeley, dove aveva conosciuto Sandy Cohen.

Il giorno del suo 40º compleanno Kirsten scopre di essere incinta e la sera stessa lo comunica al marito, il quale accoglie con gioia la notizia. Alcuni mesi dopo, il terremoto che colpisce Newport Beach mette a repentaglio la vita di quella che si scopre essere una bambina, ma tutto si risolve per il meglio e Sophie Rose Cohen nasce sei mesi dopo, nella vecchia casa di Berkeley, in cui i Cohen si trasferiranno pochi giorni dopo.

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione