Kiri sute gomen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kiri sute gomen (斬り捨て御免 o 切り捨て御免: letteralmente, "autorizzazione a tagliare e abbandonare" (il corpo della vittima) è un'antica espressione giapponese risalente l'era feudale riguardo al diritto di colpire.

I Samurai avevano diritto di colpire chiunque li disonorasse, ma solo se di classe inferiore – i Samurai di rango superiore potevano colpire quelli di rango inferiore.

Il diritto permetteva di attaccare soltanto se l'offesa veniva attuata poco prima e non si poteva attaccare pretestuosamente. Essendo la legge intesa solo come un supplemento all'autodifesa, era vietato uccidere il nemico con un coup de grâce. Non solo: il Samurai che obbediva alla legge doveva poi mostrare di essere nel giusto, altrimenti sarebbe stato severamente punito per il suo gesto: decapitato senza poter applicare il diritto di seppuku, i suoi figli non avrebbero ereditato il casato. Molti commisero seppuku prima di far emanare il verdetto. L'esecuzione erronea di provinciali di altre province era considerato un gesto sconsiderato ed estremamente irrispettoso ed un samurai doveva sempre agire con estrema cautela. Per guadagnarsi dei testimoni, i Samurai si portavano appresso dei servi.

Chi veniva accusato, ma solo tra i Samurai, poteva difendersi con il proprio wakizashi (spada corta) – in particolare durante i conflitti tra Samurai di grado maggiore e samurai di grado minore. Un evento particolare riguarda un certo Samurai che non ricevette scuse da un cittadino qualunque ma si sentì magnanimo e gli concesse il proprio wakizashi per difendersi, ma costui fuggì con il wakizashi, disonorando ulteriormente il Samurai, che perse il rango per colpa della sua ingenuità. Il samurai, comunque, riottenne gli onori dopo aver scoperto chi fosse il suo ingannatore ed uccisogli la famiglia.

L'espressione è usata ancora oggi, intesa come “Mi scuso in anticipo per questo” per via dell'umorismo sotto inteso dalla frase stessa.

Riferimenti culturali[modifica | modifica sorgente]

Nel romanzo su James Bond Si vive solo due volte, nella scena in cui Blofeld chiede a Bond: "Ha mai sentito parlare dell'espressione giapponese kirisute gomen?", per poi essere risposto con: "Mi risparmi la Lafcadio Hearn, Blofeld."

Kirisute Gomen è anche il titolo di un brano musicale americano di genere heavy metal della banda Trivium, presente nel loro album musicale Shogun.

Note[modifica | modifica sorgente]

John Pierre Mertz, "Tokugawa Cultural Chronology", (version 2008.01.30; www4.ncsu.edu/~fljpm), page 2. Retrieved on 2008-08-16.