Kings of Convenience

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kings of Convenience
Kings of Convenience in concerto, da sinistra: Erlend Øye e Eirik Glambæk Bøe
Kings of Convenience in concerto, da sinistra: Erlend Øye e Eirik Glambæk Bøe
Paese d'origine Norvegia Norvegia
Genere Indie pop
Indie rock
Folk
Periodo di attività 1999 – in attività
Etichetta EMI
Album pubblicati 5
Studio 4
Live 0
Raccolte 1

I Kings of Convenience sono un duo indie pop formato da Erlend Øye e Eirik Glambæk Bøe, provenienti da Bergen, una città della Norvegia. La loro musica è caratterizzata da sonorità delicate, rigorosamente acustiche, voci rilassanti, e da complesse e fantasiose evoluzioni melodiche con la chitarra. Entrambi i componenti del gruppo scrivono e cantano le loro canzoni.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Erlend Øye e Eirik Glambæk Bøe sono nati entrambi a Bergen nel 1975. A differenza di quanto da loro dichiarato, ossia che si erano conosciuti all’età di 11 anni durante la finale scolastica di una gara di geografia, si sono conosciuti a 16 anni andando alle scuole superiori insieme. Nel 1992 formarono il loro primo gruppo, chiamato Skog (che in norvegese significa "foresta") con due loro amici, e hanno pubblicato sotto questo nome l'EP Tom Tids Tale. Terminate le scuole superiori, questo progetto fu però abbandonato dopo qualche anno a causa dello scioglimento del gruppo. Rimasero solo loro due che nell'estate del 1998 decisero di tornare insieme col nome di Kings of Convenience, "Re di comodo", questo perché trovandosi a Londra per dei festival musicali e non avendo ancora deciso un nome per il duo pensarono a questo perché avevano con sé solo due chitarre acustiche.

Durante l’estate del 1998 quindi, in seguito a delle apparizioni in alcuni festival europei, il duo trovò un contratto con la casa discografica americana Kindercore. Dopo un breve periodo di lavoro a Londra con l'allora produttore artistico dei Coldplay Ken Nelson, nel 2000 pubblicano il loro primo album, Kings of Convenience, diretto al solo mercato statunitense e canadese. Il loro debutto su scala mondiale avviene invece l’anno successivo, con Quiet Is the New Loud: l’album riprende molte delle tracce già presenti in Kings of Convenience, con l’aggiunta di alcune nuove canzoni. Con quest’album il gruppo raggiunge già un forte successo, tanto che diede il nome a un piccolo movimento di gruppi musicali, chiamato new acoustic movement (tra i quali si segnalano i Turin Brakes), che prendeva ispirazione dallo stile di Simon & Garfunkel incentrando il loro lavoro su melodie intricate e sofisticate.

Tale è il successo del loro album che nel 2001 viene pubblicato Versus, un album di remix delle tracce di Quiet Is the New Loud. In seguito il gruppo si è preso una pausa di 3 anni, durante la quale Eirik ha terminato gli studi di psicologia ed Erlend ha preso parte a vari progetti come DJ pubblicando gli album Dj Kicks nel 2002 e Unrest nel 2003.

Il secondo album di inediti è dunque stato pubblicato nel 2004. Riot on an Empty Street suscitando un successo di pubblico ancora maggiore del primo, mostrando anche una forte evoluzione: mentre le sonorità complesse e delicate rimangono, viene utilizzata una maggiore varietà di strumenti, con un forte apporto di pianoforti e di archi accanto alle irrinunciabili chitarre. Il primo singolo Misread raggiunge anche l’Italia e diviene una delle canzoni più popolari dell’estate 2004. Anche il secondo singolo, I’d Rather Dance with You, accompagnato da un videoclip molto ironico che gioca sull’aspetto “da secchione” di Øye, viene trasmesso frequentemente dalle televisioni musicali arrivando fino a vincere gli Mtv Music Awards del 2004 nella categoria miglior video. L’album del 2004 vede anche la collaborazione della cantautrice canadese Leslie Feist in due canzoni: (Know-how e The Build-up).

Dal 2005 il gruppo è rimasto pressoché inattivo, dando adito ad alcune voci riguardanti un possibile scioglimento. Durante il periodo di inattività come Kings of Convenience entrambi hanno avuto un altro gruppo parallelo: Erlend dopo essersi trasferito a Berlino nel 2004 ha fondato il gruppo dei The Whitest Boy Alive, mentre Eirik con gli ex componenti degli Skog ha dato vita ai Kommode, ha intrapreso gli studi di architettura ed è diventato padre.

Il 7 marzo 2007 sono tornati a calcare un palco, grazie a due concerti tenutisi a Città del Messico: in quell'occasione hanno annunciato l'inizio dei lavori per il loro nuovo album che, almeno nella fase iniziale, si sono svolti a Puerto Vallarta in Messico. Successivamente sono state fatte al Grieghallen's Studio di Bergen e nell'appartamento di Erlend. Nel giugno del 2008 infine sono stati all'Esagono Studio di Rubiera, in provincia di Reggio Emilia, città del loro produttore artistico Davide Bertolini, per completare le registrazioni dell'album.

Il 25 settembre 2009, cinque anni dopo il precedente, esce l'album: Declaration of Dependence. I singoli trainanti dell'album sono "Mrs. Cold" e "Boat Behind", quest'ultima scritta durante il concerto di Bari nel 2004.

Il 22 febbraio 2010 è uscito un loro EP intitolato Kings of Convenience’s Live Acoustic Sessions - Milan 2009 registrato l'anno prima alla Fnac di Milano. L'EP comprende 4 tracce: 24-25 (Acoustic Session), Winning a Battle, Losing the War (Acoustic Session), Boat Behind (Acoustic Session) e Love Is No Big Truth (Acoustic Session).

Formazione[modifica | modifica sorgente]

I membri sono:

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

  • 2000 - Magic in The Air
  • 2001 - Playing Live in a Room
  • 2010 - Kings of Convenience’s Live Acoustic Sessions - Milan 2009

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]