King of New York

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
King of New York
KingofNY.png
Una scena del film
Titolo originale King of New York
Paese di produzione USA
Anno 1990
Durata 106 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere thriller, drammatico
Regia Abel Ferrara
Soggetto John P. McIntyre, Chris Andrews
Sceneggiatura Nicholas St. John
Produttore Augusto Caminito, Mary Kane
Produttore esecutivo Jay Julien, Vittorio Squillante
Casa di produzione Reteitalia, Scena International
Distribuzione (Italia) Medusa
Fotografia Bojan Bazelli
Montaggio Anthony Redman
Musiche Joe Delia
Scenografia Alex Tavoularis
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

King of New York è un film del 1990, diretto da Abel Ferrara.

La sceneggiatura è scritta dallo stesso Ferrara con Nicholas St. John, suo abituale collaboratore.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Frank White, un boss della droga, esce di galera deciso a rimettersi nei lucrosi affari. È nato in un quartiere degradato del Bronx e vuole costruire un grande ospedale, che il Municipio non è in grado di realizzare dato che non ha abbastanza fondi, con i proventi previsti dallo spaccio di droga. Ritrova vecchi amici, ma le bande sono cresciute mentre lui era in prigione e Frank comincia ad eliminare i concorrenti, tenendosi a fianco Jenny, la sua ex-avvocatessa che ne è innamorata. Un ostacolo grosso è un altro boss, il losco italo-americano Artie, e l'ex galeotto se ne libera immediatamente. Però la Polizia, che ha sospetti su White, si disinteressa delle sue ambizioni umanitarie ed una notte la banda di Frank viene decimata nell'attacco ad un locale, in cui il boss perde l'amico Jimmy. Per vendicarlo, Frank uccide l'agente Dennis Gilley. Poi si reca a casa del tenente Bishop e lo ammanetta ad una sedia, Bishop riesce a liberarsi, insegue il trafficante su di un convoglio della metropolitana. Nella sparatoria Bishop muore sul pavimento di un vagone, anche Frank viene colpito ma muore dissanguato su un taxi mentre un nugolo di agenti lo circonda.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio di Frank White ispirò anche il rapper The Notorious B.I.G., che per un periodo della sua carriera si fece chiamare per l'appunto Frank White, citandolo anche in molti testi delle sue canzoni, tra cui Runnin' (prodotta dal grande producer newyorkese Easy Mo Bee e remixata da Eminem). Christopher Walken, incuriosito, decise di conoscere il rapper e pensò a lui per "King of New York 2", un'ipotetica storia del nuovo Frank White di colore. Il progetto non venne mai realizzato a causa della prematura scomparsa del rapper.[senza fonte]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) King of New York in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema