Kim Willoughby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kim Willoughby
Kim Willoughby.JPG
Dati biografici
Nome Kim Marie Willoughby
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 178 cm
Peso 75 kg
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Schiacciatrice
Squadra Orientales Humacao Orientales Humacao
Carriera
Squadre di club
2000-2003 Hawaii at Manoa Hawaii at Manoa
2004-2006 Criollas de Caguas Criollas de Caguas
2006 CAV Murcia 2005 CAV Murcia 2005
2006-2007 Santeramo Sport Santeramo Sport
2007-2008 Chieri Volley Chieri Volley
2008-2009 Sirio Perugia Sirio Perugia
2009 Valencianas Juncos Valencianas Juncos
2010-2011 inattiva
2012 Valencianas Juncos Valencianas Juncos
2013 Pinkin de Corozal Pinkin de Corozal
2013-2014 İqtisadçı Baku İqtisadçı Baku
2014- Orientales Humacao Orientales Humacao
Nazionale
2008 Stati Uniti Stati Uniti
Palmarès
Transparent.png Olimpiadi
Argento Pechino 2008
Statistiche aggiornate al 24 gennaio 2014

Kim Marie Willoughby (Houma, 7 novembre 1980) è una pallavolista statunitense.

Gioca nel ruolo di schiacciatrice nelle Orientales de Humacao.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Kim Willoughby inizia nel 2000, tra le file della University of Hawaii. Terminata l'università, va a giocare nel campionato portoricano, nelle Criollas de Caguas, con cui vince il campionato nel 2005.

Nel 2006 va a giocare nel CAV Murcia, con cui si aggiudica la Supercoppa spagnola, ma a metà stagione cambia squadra, andando a giocare in Italia nel Santeramo Sport. Durante il mese di aprile, dopo una rissa con la compagna di squadra Yoraxi Melean, che ha causato il ricovero in ospedale di una incolpevole Martina Mataloni, viene tagliata dalla società pugliese[1].

Nella stagione 2007-08 viene ingaggiata dal Chieri Volley. Dopo una buona stagione col club piemontese riceve le prime convocazioni in nazionale, con cui vince la medaglia d'argento olimpica a Pechino 2008.

La stagione successiva viene ingaggiata dalla Sirio Perugia, con cui ottiene il terzo posto Champions League 2008-09 e dopo la final four, ospitata proprio dal suo club, riceve il premio di miglior ricevitrice. Poco giorni dopo l'eliminazionale ai play-off del suo club, chiede un permesso per recarsi a casa, che le viene concesso; invece di tornare a casa, però va a giocare a Porto Rico nelle Valencianas de Juncos. Così la Sirio Perugia ne denuncia la condotta scorretta, dichiarando anche la sua scarsa attenzione alla salute alimentare, il rifiuto a svolgere analisi e controlli periodici a cui erano sottoposte le atlete e il ritrovamento di decine di multe scadute e non pagate[2].

Qualche giorno più tardi, giunge la notizia della sua positività ad un controllo antidoping: risulta positiva al norandrotestosterone[3]. Subito dopo è scattata la squalifica di due anni per doping[4]. Durante il mese di giugno del 2009, viene anche condannata a cinque anni di libertà vigilata e al risarcimento di 2000 dollari per aver aggredito fuori da un bar una ragazza, il 16 dicembre 2006, procurandole una frattura nasale e problemi ad un occhio[5].

Nella stagione 2012, scontata la squalifica, ritorna a giocare nelle Valencianas de Juncos; la stagione successiva gioca nelle Pinkin de Corozal. Nel campionato 2013-14 viene ingaggiata nella Superliqa azera dall'İqtisadçı Voleybol Klubu, ma nel mese di gennaio lascia il club per giocare la Liga Superior portoricana 2014, questa volta per le Orientales de Humacao.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

2005
2006

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kim Willoughby rilasciata da Santeramo. URL consultato il 05-07-2010.
  2. ^ Perugia denuncia Kim Willoughby per comportamento scorretto. URL consultato il 05-07-2010.
  3. ^ Il caso Willoughby. Tra fughe e doping. URL consultato il 05-07-2010.
  4. ^ Kim Willoughby squalificata per due anni. URL consultato il 05-07-2010.
  5. ^ Kim Willoughby condannata per aggressione a cinque anni di libertà vigilata. URL consultato il 05-07-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]