Kilian Fischhuber

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kilian Fischhuber
Kilian Fischhuber.jpg
Dati biografici
Nazionalità Austria Austria
Altezza 174 cm
Peso 63 kg
Arrampicata Climbing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Boulder
Palmarès
Mondiali boulder 0 2 0
Europei boulder 1 1 1
Coppa del mondo boulder 5 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Kilian Fischhuber (Waidhofen an der Ybbs, 1 agosto 1983) è un arrampicatore austriaco. Pratica le competizioni di difficoltà e di boulder, l'arrampicata in falesia, il bouldering e le vie lunghe.

Dal 2005 ha dominato la Coppa del mondo boulder di arrampicata vincendone cinque edizioni di cui tre consecutive. Per questi successi ha vinto il La Sportiva Competition Award nel 2009.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha scoperto la passione per l'arrampicata nel 1995 in una palestra della sua città per poi passare a scalare anche sulla roccia. Dal 1997 al 1999 ha partecipato alle competizioni giovanili nella specialità lead. Nel 1999, raggiunti i sedici anni, è entrato nella a far parte della squadra nazionale austriaca e ha iniziato a prendere parte alla neo-nata Coppa del mondo boulder di arrampicata. Dopo qualche anno di apprendistato nel 2003 ottiene il suo primo podio (terzo posto a Rovereto) e il 16 aprile 2004 la sua prima vittoria di tappa a Erlangen. È l'inizio di una serie interminabile di successi che lo hanno portato a vincere più di qualunque altro atleta la Coppa del mondo boulder: per cinque volte, nel 2005, 2007[2], 2008[3], 2009[4] e 2011.[5]

Come numero di Coppe vinte è seguito dal francese Jérôme Meyer con tre trofei.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Coppa del mondo[modifica | modifica sorgente]

1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013
Lead 37 27 27 20 22 23 17
Boulder 49 18 11 4 8 2 1 2 1 1 1 2 1 2 5

Campionato del mondo[modifica | modifica sorgente]

2001 2003 2005 2007 2009 2011 2012
Lead 26 50
Boulder 10 5 2 11 5 4 2

Campionato europeo[modifica | modifica sorgente]

2002 2004 2007 2008 2010 2013
Lead 19
Boulder 13 23 2 3 1

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Podi in Coppa del mondo boulder[modifica | modifica sorgente]

Stagione Podi totali
2004 2 1 3
2005 1 2 3
2006 2 2 2 6
2007 2 2 1 5
2008 2 4 6
2009 2 2 4
2010 2 3 5
2011 4 1 5
2012 2 1 1 4
2013 2 1 3
Totale 20 11 13 44

Falesia[modifica | modifica sorgente]

Kilian a Vienna nella seconda prova della Coppa del mondo boulder 2010

Lavorato[modifica | modifica sorgente]

  • 8c+/5.14c:
    • Bumaye - Margalef (ESP) - 2010
    • Dolby Surround - Zillertal (AUT) - 2008[7]
    • Sanjski Par Extension - Misja Pec (SLO) - 2006
    • Alien Carnage - Castillon - 2006
    • Bah Bah Black Sheep - Céüse (FRA) - 2005
    • Za stara kolo... - Misja Pec (SLO) - 2004
    • Biographie - Céüse (FRA) - 2003

Boulder[modifica | modifica sorgente]

Dal 2007 ha scalato 15 boulder di 8B e 4 di 8B+.

Vie lunghe[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chris Sharma e Kilian Fischhuber le leggende di Arco Rock Legends 2009, rockmaster.com. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  2. ^ Fischhuber e Danion vincono la World Cup Boulder 2007, planetmountain.com, 12 novembre 2007. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  3. ^ World Cup Boulder e Speed 2008: vincono Fischhuber, Stöhr, Vaytsekhovsky, Ropek, planetmountain.com, 4 novembre 2008. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  4. ^ Coppa del Mondo Boulder 2009: Fischhuber e Noghuchi al top, Moroni è terzo, planetmountain.com, 16 giugno 2009. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  5. ^ Sheffield: a Fischhuber e Noguchi la tappa della Coppa del Mondo Boulder. Fischhuber vince la sua 5a World Cup Boulder, planetmountain.com, 4 luglio 2011. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  6. ^ Kilian Fischhuber sale Action Direct, planetmountain.com, 3 ottobre 2006. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  7. ^ New routes in Austria's Zillertal by Fischhuber and Verhoeven, planetmountain.com, 2 settembre 2008. URL consultato il 21 dicembre 2011.
  8. ^ Kilian Fischhuber ripete Des Kaisers neue Kleider 8b+, planetmountain.com, 24 novembre 2009. URL consultato il 21 dicembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]