Kiki Palmer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kiki Palmer in teatro nella "Donna di nessuno" 1941

Kiki Palmer (pseudonimo di Giulia Fogliata; Milano, 11 luglio 1907Roma, 11 agosto 1949) è stata un'attrice italiana di cinema, teatro.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era nota anche come Palma o Daniela Palmer, studiò con Ida Carloni Talli e con Emilia Varini all'Accademia dei Filodrammatici, ebbe il primo successo in teatro nel 1932 in Scena vuota di Dario Niccodemi. Nello stesso anno formò una propria compagnia sotto la direzione di Ettore Berti e in seguito di Pietro Sharoff e Tatiana Pavlova. La sua recitazione, ritenuta inizialmente spontanea, supportata da un'ottima dizione, maturò a tal punto da raggiungere un carattere di estremamente moderno che raggiunse punte di sofferta intensità e grande drammaticità.

Kiki Palmer nel 1938

Tra le sue interpretazioni più applaudite La famiglia dell'antiquario e Il campiello di Goldoni, La fiaccola sotto il moggio di D'Annunzio, Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare. Nel 1934 e 1935 lavorò anche per il cinema in La marcia nuziale e La luce del mondo. Lavorò con svariati attori tra i quali Luigi Cimara, Antonio Gandusio, Roldano Lupi, Lilla Brignone e molti altri. Costituì assieme a Giulio Stival la celebre compagnia Palmer-Stival.

Morì suicida nel 1949 all'età di 42 anni[1].

Era la madre adottiva dell'attore Renzo Palmer.

Prosa teatrale[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Prosa radiofonica RAI[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il suicidio di Kiki Palmer Archiviolastampa.it