Khen Lampert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Khen Lampert (Giv'atayim, 1957) è un filosofo israeliano che insegna Filosofia e Storia e si interessa di teorie culturali e di didattica che egli applica quotidianamente nei quartieri poveri della sua città.

La compassione radicale[modifica | modifica wikitesto]

Il suo pensiero attinge a una vasta gamma di tradizioni teoriche che si estendono da Marx[1]. a Paulo Freire, dal buddismo al Cristianesimo moderno, da Herbert Marcuse a Heinz Kohut.

Egli è un difensore radicale dell'attivismo sociale non violento, vigorosamente opposto al neoliberismo (che egli chiama anche 'neocapitalismo')[2], al militarismo, al fondamentalismo e agli attacchi post-moderni contro lo stato sociale, i giovani e i poveri.

Il lavoro di Lampert si concentra sulla 'Teoria della Compassione Radicale', un termine coniato nel 2003[3].

La teoria si ricollega in per certi aspetti alla morale della compassione di Schopenhauer dove il filosofo avversario dell'idealismo, descriveva una morale originata dal "comune soffrire" (cum patior, compassione, soffrire insieme) come via provvisoria per sfuggire alla "Volontà di vivere".

Nella sua teoria della compassione radicale apparsa in Traditions of Compassion: from Religious Duty to Social-Activsm (2006)[4] Lampert identifica la compassione come un caso speciale di empatia, diretto a considerare l'angoscia degli "altri".

La compassione radicale è un tipo specifico di compassione generale, che include l'imperativo interiore di cambiare la realtà, al fine di alleviare il dolore degli altri.

Questo stato d'animo, secondo la teoria di Lampert, è radicato nel profondo della nostra natura umana e non è mediato dalla cultura.[5], è universale e sta alla radice delle rivendicazioni storiche di cambiamento sociale.

(EN)
« I have noted that compassion, especially in its radical form, manifests itself as an impulse. This manifestation stands in stark opposition to the underlying premises of the Darwinist theories, which regard the survival instinct as determining human behavior, as well to the Freudian logic of the Pleasure Principle, which refutes any supposedly natural tendency on the part of human beings to act against their own interests »
(IT)
« Ho notato che la compassione, soprattutto nella sua forma radicale, si manifesta come un impulso. Questa manifestazione è in netto contrasto con le teorie di Darwin, che riguardano l'istinto di sopravvivenza, come determinanti il comportamento umano, e con la teoria freudiana del principio di piacere, che respinge qualsiasi apparentemente naturale tendenza da parte degli esseri umani ad agire contro i propri interessi »
(Traditions of Compassion: From Religious Duty to Social Activism, p. 160)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Compassionate Education: Prolegomena for Radical Schooling (2003)
  • Traditions of Compassion: From Religious Duty to Social Activism (2005)
  • A voice Unheard: A different Insight on Children Distress (2005 in Ebraico)
  • Empathic Education - A Critique of Neocapitalism (2008 in Ebraico)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lampert, K., Compassionate Education: Prolegomena for Radical Schooling, University-Press of Amer., 2003; ISBN 978-0761826415; pp 73-92
  • Lampert K., Traditions of Compassion: From Religious Duty to Social Activism, Palgrave-Macmillan, 2006; ISBN 978-1403985279; pp 150-175

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Empathic Education - A Critique of Neocapitalism - Khen Lampert
  2. ^ Lampert, K., Compassionate Education: Prolegomena for Radical Schooling, University-Press of Amer., 2003; ISBN 978-0761826415; pp 73-92
  3. ^ Ibidem
  4. ^ Lampert K., Traditions of Compassion: From Religious Duty to Social Activism, Palgrave-Macmillan, 2006; ISBN 978-1403985279
  5. ^ Ibidem pp 150-175

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 44582068

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filosofia