Khanda (sikhismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Khanda

Il Khanda (punjabi: ਖੰਡਾ, khaṇḍā) è il simbolo del Sikhismo, formato da due scimitarre, un pugnale a due tagli e un disco, e rappresenta il potere creativo universale. Per la sua importanza può essere paragonato alla Croce, simbolo del Cristianesimo, e alla Stella di David, simbolo dell'Ebraismo[1]. È anche l'emblema della Nishan Sahib, bandiera sacra del Sikhismo.

Il nome del simbolo deriva dalla spada a doppio taglio che appare al centro del logo, chiamata anch'essa Khanda, la quale rappresenta il potere onnipotente del Creatore. Il cerchio posto al centro, chiamato Chakar (o Chakkar), è senza inizio né fine e simboleggia l'infinito e la perfezione di Dio, mentre le due lame all'esterno, dette Kirpans, sono una metafora dell'equilibrio spirituale e temporale dell'universo. Per un Sikh, infatti, gli aneliti spirituali e gli obblighi per la società devono avere la stessa importanza[1][2].

Il Khanda viene identificato con il codice U+262C (☬), appartenente al sistema di codifica Unicode.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chi sono i Sikh?, iltessitore.it, 5 febbraio 2015
  2. ^ Geoff Teece, Sikhism, Black Rabbit Books, p. 18, ISBN 1583404694.