Kevin-Prince Boateng

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Kevin Prince Boateng)
Kevin-Prince Boateng
Prince Boateng.jpg
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Ghana Ghana (dal 2010)
Altezza 185[1] cm
Peso 86[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Squadra Schalke 04 Schalke 04
Carriera
Giovanili
1994
1994-2004
600px Verde e Bianco.png Reinickendorfer Füchse
Hertha Berlino Hertha Berlino
Squadre di club1
2004-2007 Hertha Berlino II Hertha Berlino II 29 (5)
2005-2007 Hertha Berlino Hertha Berlino 42 (4)
2007-2009 Tottenham Tottenham 14 (0)
2009 Bor. Dortmund Borussia Dortmund 10 (0)
2009 Tottenham Tottenham 0 (0)
2009-2010 Portsmouth Portsmouth 22 (3)
2010 Genoa Genoa 0 (0)
2010-2013 Milan Milan 74 (10)
2013- Schalke 04 Schalke 04 28 (6)
Nazionale
2001-2002
2002-2003
2003-2004
2004-2005
2005-2006
2006-2007
2010-
Germania Germania U-15
Germania Germania U-16
Germania Germania U-17
Germania Germania U-19
Germania Germania U-20
Germania Germania U-21
Ghana Ghana
4 (0)
10 (3)
10 (1)
9 (4)
2 (0)
6 (0)
14 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 giugno 2014

Kevin-Prince Boateng (Berlino Ovest, 6 marzo 1987) è un calciatore tedesco naturalizzato ghanese, centrocampista dello Schalke 04 e della Nazionale ghanese.

È il fratello di Jérôme Boateng, difensore del Bayern Monaco e della Nazionale tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kevin-Prince Boateng è nato a Berlino Ovest da madre tedesca e padre ghanese che aveva lasciato nel 1981 Sunyani, città del Ghana occidentale, per studiare microeconomia aziendale.[2] La madre, Christine Rahn, è nipote del calciatore tedesco Helmut Rahn, mentre il padre, Prince Boateng, è fratello del calciatore ghanese Robert Boateng.[3] Ha una sorella, Avelina, e due fratelli, George[2] e Jérôme, fratello consanguineo di un anno e mezzo più giovane che gioca nella Nazionale tedesca.[4] Quando Kevin-Prince aveva un anno e mezzo, il padre Prince ha lasciato la famiglia e dalla successiva relazione con un'altra donna tedesca, Martina, sono nati Jérôme[2] e Avelina. Kevin-Prince è cresciuto nel quartiere berlinese di Wedding,[5] popolato per circa un terzo da immigrati e nel quale era molto alto il tasso di disoccupazione e di criminalità.[2][6] Come egli stesso ha dichiarato al mensile francese So Foot e in una sessione di chat sul profilo Twitter ufficiale del Milan, conosce 6 lingue: inglese, tedesco, turco, italiano, francese e arabo[7] anche se gli risulta troppo difficile scrivere in quest'ultima lingua.[8]

Il 2 agosto 2007[9] ha sposato Jennifer Michelle (Jenny), tedesca di padre foggiano,[10] che, nell'aprile 2008,[11] lo ha reso padre di un bambino, Jermaine-Prince.[12] Nel 2011 si è separato dalla moglie che è tornata in Germania con il figlio.[13] Successivamente ha iniziato una relazione con Melissa Satta dalla quale ha avuto un figlio, Maddox Prince, nato il 15 aprile 2014.[14]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Centrocampista completo,[15] riesce a coniugare un fisico prorompente[16] con una buona tecnica individuale,[17][18] accompagnata dalla predisposizione per la giocata ad effetto in grado di stupire la platea; lo stesso Boateng ha dichiarato di ammirare Pelé e Rivaldo per la loro capacità di entusiasmare il pubblico con i loro virtuosismi.[19] Col progredire della sua carriera ha sviluppato anche una propensione al sacrificio che gli permette di coniugare quantità e qualità.[19] Nel Milan, l'allenatore Massimiliano Allegri lo ha spesso impiegato come trequartista[20] dietro le due punte, viste le sue potenzialità offensive.[21]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Hertha Berlino[modifica | modifica wikitesto]

Boateng, dopo un breve periodo al Reinickendorfer Füchse,[22] è cresciuto calcisticamente nell'Hertha Berlino, nelle cui giovanili è arrivato nel 1994, all'età di 7 anni.[3] Con le squadre giovanili della società berlinese ha vinto il campionato tedesco B-Junioren nel 2003[3] e la Coppa di Germania Junioren l'anno seguente.[23]

Dopo una stagione in Regionalliga Nord nell'Hertha II, la seconda squadra dell'Hertha Berlino, nel 2005 è stato aggregato alla prima squadra, con cui ha esordito il 13 agosto 2005 nella seconda giornata della Bundesliga 2005-2006 contro l'Eintracht Francoforte (2-0), subentrando nel corso dell'intervallo a Malik Fathi.[24] Nella stessa stagione ha anche debuttato nelle competizioni UEFA per club in Hertha Berlino-Lens del 24 novembre 2005 (0-0),[25] gara valida per la terza giornata del girone C di Coppa UEFA 2005-2006, partita nella quale Boateng ha sostituito Ellery Cairo al 63º minuto.[26]

Ha concluso la prima stagione con all'attivo 27 partite e 2 gol, mentre nella stagione successiva è sceso in campo in 26 occasioni e ha segnato 3 reti.

Tottenham[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alle sue ottime prestazioni, il 31 luglio 2007 è stato acquistato dal Tottenham[27] per una cifra vicina ai 5,4 milioni di sterline.[28]

Con gli Spurs ha esordito in Premier League il 3 novembre 2007 contro il Middlesbrough e nella prima stagione ha vinto la Coppa di Lega inglese. Successivamente, con l'arrivo dell'allenatore spagnolo Juande Ramos, subentrato a Martin Jol, Boateng è stato poco impiegato e relegato nella squadra riserve del Tottenham.[29]

Borussia Dortmund[modifica | modifica wikitesto]

Dato il poco spazio trovato in prima squadra durante la sua prima stagione e mezza in Inghilterra, nel gennaio 2009 Boateng ha deciso di ritornare in Germania, accettando un prestito semestrale al Borussia Dortmund.[22][30]

Con il Borussia Dortmund ha esordito il 28 gennaio 2009 in Coppa di Germania contro il Werder Brema e successivamente ha giocato 10 partite in Bundesliga. È stato costretto a saltare le ultime due giornate di campionato per una squalifica di 4 turni inflittagli dal giudice sportivo della DFB in seguito all'espulsione rimediata per un duro intervento su Makoto Hasebe del Wolfsburg.[31]

Portsmouth[modifica | modifica wikitesto]

Boateng con la maglia del Portsmouth durante la finale della FA Cup 2009-2010

Ritornato al Tottenham allo scadere del prestito, ha disputato una partita in Football League Cup contro il Doncaster prima di essere ceduto a titolo definitivo al Portsmouth per 4 milioni di sterline.[32][33]

Boateng ha esordito con il Portsmouth il 12 settembre 2009 contro il Bolton (2-3), partita nella quale ha anche segnato il gol del momentaneo 2-2.[34] Nel mese di settembre ha ricevuto il premio Portsmouth's Player of the Month (Giocatore del Mese del Portsmouth).[35]

Con il Portsmouth ha raggiunto la finale di FA Cup, persa il 15 maggio 2010 contro il Chelsea. Nel corso della partita Boateng ha sbagliato un calcio di rigore, parato da Petr Čech.[36]

Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva di calciomercato 2010[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 agosto 2010 è stato acquistato a titolo definitivo dal Genoa[37] per 5,7 milioni di euro.[38] Quattro giorni più tardi il Genoa lo ha ceduto al Milan:[39] inizialmente era stato annunciato il trasferimento in prestito con diritto di riscatto dell'intero cartellino,[40] ma il successivo 23 agosto è stato depositato presso la Lega Serie A l'accordo di compartecipazione tra la società ligure e quella milanese.[41] La società rossonera per la metà del cartellino ha corrisposto al Genoa un milione di euro[42][43] più la compartecipazione del Primavera Giacomo Beretta (rimasto in rossonero)[41] e si è accollata l'intero stipendio del giocatore ghanese (1,5 milioni di euro).[42]

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2010-2011[modifica | modifica wikitesto]

Boateng ha debuttato in maglia rossonera il 29 agosto 2010 a San Siro contro il Lecce, in occasione della prima partita di campionato vinta 4-0.[44] Il 15 settembre 2010 ha esordito in Champions League contro l'Auxerre, partita nella quale ha sostituito l'infortunato Ambrosini nel corso del primo tempo e ha realizzato l'assist per il primo dei due gol di Ibrahimović.[45] Il 4 dicembre 2010 ha segnato il primo gol con il Milan al 4º minuto della partita casalinga di campionato contro il Brescia[46] su assist di Ibrahimović.[47][48] Si è poi ripetuto anche nella gara successiva contro il Bologna, realizzando la prima rete del Milan ancora su assist del giocatore svedese.[49][50]

Durante il ritiro invernale a Dubai, Boateng si è infortunato procurandosi un'infiammazione a un adduttore[51][52] che lo ha tenuto lontano dal campo per un paio di mesi. È tornato in campo il 20 febbraio 2011 nella partita contro il Chievo giocata allo Stadio Bentegodi di Verona e vinta 2-1 dai rossoneri, durante la quale è subentrato al 74º minuto di gioco a Merkel.[53] Nella giornata successiva in casa contro il Napoli (3-0) è tornato al gol[54] segnando, su assist di Pato, la seconda rete della gara.[55] Il 7 maggio 2011 ha vinto il suo primo scudetto con i rossoneri a due giornate dal termine del campionato grazie allo 0-0 contro la Roma.[21]

Il 24 maggio 2011 il Milan si è accordato con il Genoa per il riscatto della seconda metà del cartellino di Boateng[56] per 7 milioni di euro.[57][58][59] L'accordo tra le due società è stato formalizzato il 22 giugno seguente.[60][61]

Stagione 2011-2012[modifica | modifica wikitesto]
Boateng durante il riscaldamento prima di una partita amichevole allo Yankee Stadium di New York

Il 6 agosto 2011 ha vinto la Supercoppa italiana col Milan battendo l'Inter a Pechino, gara nella quale ha segnato la rete del 2-1 finale ribattendo in porta un tiro di Pato deviato sul palo dal portiere interista Júlio César.[62]

Il 19 ottobre 2011 ha segnato il suo primo gol in Champions League nella gara valida per la terza giornata della fase a gironi dell'edizione 2011-2012 contro il BATE,[63] realizzando la rete del definitivo 2-0.[64] Quattro giorni più tardi, il 23 ottobre 2011, ha segnato sul campo del Lecce la sua prima tripletta in carriera,[65] grazie alla quale i rossoneri hanno vinto in rimonta per 4-3 contro i salentini.[66]

Nel derby con l'Inter del 15 gennaio 2012 si è infortunato ai flessori della coscia sinistra ed è dovuto rimanere fermo per un mese.[67] È tornato in campo il 15 febbraio seguente in occasione della gara degli ottavi di finale di Champions League contro l'Arsenal, partita vinta per 4-0 dal Milan e nella quale Boateng ha segnato il primo gol dei rossoneri.[68][69] Al termine del match gli è stato riscontrato un risentimento muscolare alla coscia sinistra, precedentemente infortunata, che lo ha costretto ad un altro mese di stop;[70] è tornato disponibile il 24 marzo 2012 per la partita di campionato contro la Roma,[71] nella quale è entrato nel corso della ripresa.[72]

Stagione 2012-2013[modifica | modifica wikitesto]
Kevin-Prince Boateng (A.C. Milan).jpg Kevin-Prince Boateng (A.C. Milan) 3.jpg
Boateng con la maglia numero 10 del Milan

Per la stagione 2012-2013 ha cambiato il suo numero di maglia, ereditando la numero 10 da Clarence Seedorf.[73] Ha segnato la sua prima rete stagionale il 30 novembre 2012, in occasione della partita esterna giocata allo Stadio Angelo Massimino contro il Catania (1-3).[74][75]

Il 3 gennaio 2013, nei primi minuti della partita amichevole contro la Pro Patria, è stato oggetto, insieme ai compagni di squadra Sulley Muntari, Urby Emanuelson e M'Baye Niang, di cori razzisti da parte di un piccolo gruppo di tifosi locali. Boateng, irritato da un simile comportamento, ha preso il pallone con le mani e lo ha calciato contro gli spalti in direzione di coloro che si erano resi protagonisti di tale gesto per poi uscire dal campo rifiutandosi di continuare a giocare, appoggiato con convinzione dalla sua squadra e da quella avversaria. L'intero stadio ha applaudito durante l'uscita dal terreno di gioco dei giocatori, mentre il capitano del Milan Massimo Ambrosini, portatosi a centrocampo, ha chiesto e ottenuto di sospendere la partita al 26º minuto del primo tempo.[76][77]

Il 20 febbraio seguente ha realizzato il suo primo gol nella Champions League 2012-2013, nel corso del match valevole per gli ottavi di finale della competizione vinto per 2-0 in casa contro il Barcellona.[78][79] Il Milan ha chiuso la stagione al 3º posto in campionato, centrando così la qualificazione ai preliminari di Champions League 2013-2014, mentre Boateng ha disputato in totale 37 partite e realizzato 3 gol (oltre a quello in Champions League 2 in campionato).

Stagione 2013-2014[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 agosto 2013 ha segnato le sue prime (e uniche) reti nella stagione 2013-2014 del Milan, realizzando una doppietta (la prima in campo internazionale per lui)[80] nel corso della partita di ritorno dei play-off di Champions League vinta a San Siro per 3-0 contro il PSV Eindhoven, incontro che ha consentito al Milan di accedere alla fase a gironi della competizione.[81][82] Per Boateng questa è stata anche la 100ª e ultima partita in maglia rossonera.[83] In totale, il centrocampista ghanese ha segnato 17 gol con la squadra milanese, vincendo uno scudetto e una Supercoppa italiana nel 2011.[84]

Schalke 04[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 agosto 2013 è stato ceduto ai tedeschi dello Schalke 04,[85] con i quali ha firmato un contratto di tre anni con opzione per il quarto e ha scelto di indossare la maglia numero 9.[86] Il giorno dopo ha esordito con la maglia della società di Gelsenkirchen, in occasione della partita di campionato vinta per 2-0 contro il Bayer Leverkusen.[87] Nella successiva gara di campionato, giocata il 14 settembre 2013, ha realizzato il primo gol personale per lo Schalke 04 segnando la rete che ha determinato la vittoria esterna per 1-0 contro il Magonza.[88]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Boateng, essendo nato in Germania da madre tedesca, ha fatto parte sin da giovanissimo di tutte le Nazionali giovanili tedesche, dall'Under-15 all'Under-21, per un totale di 41 partite[4] e 8 gol. Con la Nazionale tedesca Under-19 ha preso parte all'Europeo di categoria del 2005 in Irlanda del Nord, dove ha disputato 4 partite e segnato 2 reti, una nella fase a gironi contro la Grecia[89] e uno nella semifinale persa contro la Francia.[90] Nel 2005 ha ricevuto la Fritz-Walter-Medaille di bronzo come terzo miglior calciatore tedesco Under-18[91] e nel 2006 ha la Fritz-Walter-Medaille d'oro come miglior calciatore tedesco Under-19.[19][92]

Nel maggio 2010 la FIFA ha dato il via libera a Boateng per giocare nella Nazionale del paese d'origine del padre, il Ghana,[93][94] ed è stato così inserito dal CT Milovan Rajevac nella lista dei 23 convocati ai Mondiali di Sudafrica 2010.[95] Boateng ha esordito nella Nazionale ghanese il 5 giugno 2010 in amichevole contro la Lettonia,[44] prima di partire per il Sudafrica. Durante la fase a gironi del Mondiale 2010 ha affrontato, nella partita contro la Germania, il fratello Jérôme; in quell'occasione per la prima volta due fratelli hanno giocato come avversari nella fase finale di un mondiale di calcio.[96] Il 26 giugno 2010, durante gli ottavi di finale del Mondiale giocati contro gli Stati Uniti, ha segnato al 5º minuto di gioco il suo primo gol con la Nazionale ghanese.[97] In totale ai Mondiali 2010, dove il Ghana è stato eliminato ai quarti di finale dall'Uruguay dopo i rigori, Boateng ha disputato 5 partite, tutte da titolare.[98]

Il 4 novembre 2011 il calciatore, a 24 anni, ha annunciato ufficialmente il suo ritiro dalla Nazionale con una lettera alla federazione calcistica ghanese a causa di problemi fisici legati al doppio impegno con squadra di club e Nazionale.[99][100][101] Nel corso del 2013 Boateng ha deciso di dare nuovamente la propria disponibilità per giocare nella Nazionale ghanese[102][103] e ha ufficializzato tale scelta con una lettera inviata alla federazione ghanese.[104] È così ritornato tra i convocati del Ghana per la partita del 6 settembre 2013 contro lo Zambia, valevole per le qualificazioni per il Mondiale 2014,[105][106] e in campo con la maglia delle Black Stars il 19 novembre seguente a Il Cairo contro l'Egitto (2-1) subentrando nel corso del secondo tempo e segnando nei minuti finali l'unica rete ghanese.[107]

Convocato per i Mondiali 2014 in Brasile, ha giocato due spezzoni di partita nelle prime due gare del Ghana: nell'esordio contro gli Stati Uniti (1-2) è subentrato nel corso del secondo tempo mentre in quella successiva contro la Germania (2-2), dove ha nuovamente affrontato il fratello Jérôme, è stato schierato come titolare e poi sostituito nella ripresa. Il 26 giugno 2014, poco prima dell'ultima partita del girone, è stato sospeso a tempo indeterminato dalla Nazionale ghanese per aver insultato CT Kwesi Appiah durante un allenamento a Maceió.[108] Insieme a lui è stato sospeso anche Sulley Muntari.[109][110]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 30 settembre 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005 Germania Hertha Berlino II RN 18 3 CG 0 0 - - - - - - 18 3
2005-2006 RN 4 1 - - - - - - - - - 4 1
2006-2007 RN 7 1 - - - - - - - - - 7 1
Totale Hertha Berlino II 29 5 0 0 - - - - 29 5
2005-2006 Germania Hertha Berlino BL 21 2 CG 2 0 CU 4 0 - - - 27 2
2006-2007 BL 21 2 CG 3 0 CU 2 1 - - - 26 3
Totale Hertha Berlino 42 4 5 0 6 1 - - 53 5
2007-2008 Inghilterra Tottenham PL 13 0 FACup+CdL 2+3 0 CU 3 0 - - - 21 0
2008-gen. 2009 PL 1 0 FACup+CdL 0+1 0 - - - - - - 2 0
gen.-giu. 2009 Germania Borussia Dortmund BL 10 0 CG 1 0 - - - - - - 11 0
ago. 2009 Inghilterra Tottenham PL 0 0 FACup+CdL 0+1 0 - - - - - - 1 0
Totale Tottenham 14 0 7 0 3 0 - - 24 0
ago. 2009-2010 Inghilterra Portsmouth PL 22 3 FACup+CdL 5+0 2 - - - - - - 27 5
2010-2011 Italia Milan A 26 3 CI 1 0 UCL 7 0 - - - 34 3
2011-2012 A 19 5 CI 0 0 UCL 7 3 SI 1 1 27 9
2012-2013 A 29 2 CI 1 0 UCL 7 1 - - - 37 3
ago. 2013 A 0 0 CI - - UCL 2[111] 2[111] - - - 2 2
Totale Milan 74 10 2 0 23 6 1 1 100 17
ago. 2013-2014 Germania Schalke 04 BL 28 6 CG 1 0 UCL 6 1 - - - 35 7
2014-2015 BL 4 0 CG 1 0 UCL 2 0 - - - 7 0
Totale Schalke 04 32 6 2 0 8 1 - - 42 7
Totale carriera 223 28 22 2 40 8 1 1 286 39

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Ghana Ghana
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-6-2010 Milton Keynes Ghana Ghana 1 – 0 Lettonia Lettonia Amichevole -
13-6-2010 Pretoria Serbia Serbia 0 – 1 Ghana Ghana Mondiali 2010 - 1º turno -
19-6-2010 Rustenburg Ghana Ghana 1 – 1 Australia Australia Mondiali 2010 - 1º turno -
23-6-2010 Johannesburg Ghana Ghana 0 – 1 Germania Germania Mondiali 2010 - 1º turno -
26-6-2010 Rustenburg Stati Uniti Stati Uniti 1 – 2 Ghana Ghana Mondiali 2010 - Ottavi 1
2-7-2010 Johannesburg Uruguay Uruguay 1 – 1 dts
(4-2 dcr)
Ghana Ghana Mondiali 2010 - Quarti -
5-9-2010 Lobamba Swaziland Swaziland 0 – 3 Ghana Ghana Qual. Coppa d'Africa 2012 -
17-11-2010 Dubai Arabia Saudita Arabia Saudita 0 – 0 Ghana Ghana Amichevole -
4-6-2011 Accra Ghana Ghana 3 – 1 Rep. del Congo Rep. del Congo Qual. Coppa d'Africa 2012 -
19-11-2013 Il Cairo Egitto Egitto 2 – 1 Ghana Ghana Qual. Mondiali 2014 1
31-5-2014 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Ghana Ghana Amichevole -
9-6-2014 Miami Gardens Ghana Ghana 4 – 0 Corea del Sud Corea del Sud Amichevole -
16-6-2014 Natal Ghana Ghana 1 – 2 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - 1º turno -
21-6-2014 Fortaleza Germania Germania 2 – 2 Ghana Ghana Mondiali 2014 - 1º turno -
Totale Presenze 14 Reti 2

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato tedesco B-Junioren: 1
Hertha Berlino: 2002-2003
  • Coppa di Germania Junioren: 1
Hertha Berlino: 2003-2004

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Tottenham: 2007-2008
Milan: 2010-2011
Milan: 2011

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2006
  • CAF Africa's Finest XI: 1
2011[112]
Squadra dell'anno: 2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DE) 9 Kevin-Prince Boateng, schalke04.de. URL consultato il 30 agosto 2013.
  2. ^ a b c d (EN) Maik Grossekathöfer (traduzione dal tedesco di Christopher Sultan), The Boateng Brothers' World Cup Duel - Part 2: Different Personalities and Playing Styles, Der Spiegel, 16 aprile 2010. URL consultato il 7 novembre 2011.
  3. ^ a b c (DE) Luiz Breidert, Die Boatengs - Riesentalente mit Rüpel-Image, t-online.de, 25 febbraio 2009. URL consultato il 21 maggio 2011.
  4. ^ a b (EN) Maik Grossekathöfer (traduzione dal tedesco di Christopher Sultan), The Boateng Brothers' World Cup Duel, Der Spiegel, 16 aprile 2010. URL consultato il 7 novembre 2011.
  5. ^ (DE) Steffen Dobbert, Gegen Deutschland und gegen den eigenen Bruder, zeit.de, 21 giugno 2010. URL consultato il 7 novembre 2011.
  6. ^ Paolo Menicucci, Berlino-Milano, il viaggio di Boateng, uefa.com, 26 marzo 2012. URL consultato il 28 marzo 2012.
  7. ^ Alessandro Grandesso, "Ghetto kid" si confessa. Boa fra infanzia e Melissa, La Gazzetta dello Sport, 2 maggio 2012. URL consultato il 2 maggio 2012.
  8. ^ Boa: Hi guys! Twittate con me!, acmilan.com, 11 settembre 2012. URL consultato il 14 dicembre 2012.
  9. ^ (DE) Joachim Schuth, Kevin-Prince Boateng: Bundesliga-Debüt mit 18 Jahren, bvb.de, 11 gennaio 2009. URL consultato il 7 novembre 2011.
  10. ^ Della Valle-Velluzzi, Boateng: calcio, canto e ballo. E un idolo: Michael Jackson, La Gazzetta dello Sport, 6 dicembre 2010. URL consultato il 7 novembre 2011.
  11. ^ (DE) Boateng: Kleiner Prince da, bz-berlin.de, 25 aprile 2008. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  12. ^ (DE) Joachim Schuth, Boateng zurück zu Frau und Kind, Bild, 30 gennaio 2009. URL consultato il 7 novembre 2011.
  13. ^ Lavinia Farnese, Boateng: «Con mia moglie ci siamo detti: "È finita"», Vanity Fair, 22 novembre 2011. URL consultato il 23 novembre 2011.
  14. ^ Boateng e Melissa Satta genitori: è nato Maddox Prince in La Gazzetta dello Sport, 16 aprile 2014. URL consultato il 16 aprile 2014.
  15. ^ Calciomercato/ Milan, Boateng colpo rossonero: scheda tecnica e video, 10 agosto 2010. URL consultato il 3 settembre 2010.
  16. ^ Stefano Boldrini, Milan, è il giorno del bizzoso Boateng, La Gazzetta dello Sport, 9 agosto 2010. URL consultato il 3 settembre 2010.
  17. ^ l Milan ritrova un grande Pato e aspetta Boateng, Tuttosport, 11 agosto 2010. URL consultato il 3 settembre 2010.
  18. ^ Marco Lignana, Boateng, ieri le visite ok il prestito al Milan, la Repubblica, 10 agosto 2010. URL consultato il 3 settembre 2010.
  19. ^ a b c (EN) Accolades for young German talent, fifa.com, 26 luglio 2006. URL consultato il 26 giugno 2010.
  20. ^ Allegri, l'articolo 18 e le "giuste cause" di Berlusconi, Sky Sport, 1º maggio 2012. URL consultato il 29 giugno 2012.
  21. ^ a b Gaetano De Stefano, Milan campione d'Italia. A Roma basta lo 0-0, La Gazzetta dello Sport, 7 maggio 2011. URL consultato l'8 maggio 2011.
  22. ^ a b (DE) Dortmund leiht Kevin Boateng aus, bundesliga.de, 11 gennaio 2009. URL consultato il 21 maggio 2011.
  23. ^ (DE) Daniel Riedmüller, Der Zug ohne Bremsen, spox.com, 7 dicembre 2010. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  24. ^ (DE) Spielbericht Hertha BSC Berlin - Eintracht Frankfurt 2:0 (0:0), fussballdaten.de. URL consultato il 2 settembre 2010.
  25. ^ Kevin-Prince Boateng, uefa.com. URL consultato il 2 settembre 2010.
  26. ^ Hertha 0 - 0 Lens, uefa.com, 24 novembre 2005. URL consultato il 2 settembre 2010.
  27. ^ (EN) Boateng signs for Spurs, tottenhamhotspur.com, 31 luglio 2007. URL consultato il 2 settembre 2010.
  28. ^ (EN) Tottenham sign midfielder Boateng, BBC, 31 luglio 2007. URL consultato il 30 maggio 2010.
  29. ^ (EN) Neil Ashton, Tottenham's shame at the Lane falls mainly on the man from Spain, Daily Mail, 30 settembre 2008. URL consultato il 2 settembre 2010.
  30. ^ Ufficiale: Boateng al Borussia Dortmund, tuttomercatoweb.com, 13 gennaio 2009. URL consultato il 30 maggio 2010.
  31. ^ (DE) Vier Spiele Sperre für Boateng, kicker.de, 13 maggio 2009. URL consultato il 2 settembre 2010.
  32. ^ (EN) Portsmouth wrap up four signings, BBC, 28 agosto 2009. URL consultato il 2 settembre 2010.
  33. ^ (EN) Tottenham offload O'Hara and Boateng to Portsmouth, Mirror Football, 28 agosto 2009. URL consultato il 30 maggio 2010.
  34. ^ (EN) Harry Reekie, Portsmouth 2 - 3 Bolton, BBC, 12 settembre 2009. URL consultato il 2 settembre 2010.
  35. ^ (EN) Neil Weld, Pompey 1 Tottenham 2, portsmouthfc.co.uk. URL consultato il 2 settembre 2010.
  36. ^ (EN) Phil McNulty, Chelsea 1 - 0 Portsmouth, BBC, 15 maggio 2010. URL consultato il 2 settembre 2010.
  37. ^ (EN) Boateng Joins Genoa, portsmouthfc.co.uk. URL consultato il 13 maggio 2011.
  38. ^ La cifra include anche la valutazione di Anthony Vanden Borre, già in prestito dal Genoa al Portsmouth, e ceduto definitivamente alla squadra inglese:
  39. ^ Boateng ufficialmente all'AC Milan, genoacfc.it, 18 agosto 2010. URL consultato il 13 maggio 2011.
  40. ^ Ecco il Principe, acmilan.com, 18 agosto 2010. URL consultato l'8 ottobre 2010.
  41. ^ a b Calciomercato: movimenti rossoneri, milannews.it, 27 agosto 2010. URL consultato il 13 maggio 2011.
  42. ^ a b Boateng-Genoa: sì. Entro domani si chiude col Milan, Tuttosport. URL consultato il 13 maggio 2011.
  43. ^ Massimiliano Cristina, Milan, scudetto quasi a costo zero, Sport Mediaset, 13 maggio 2011. URL consultato il 13 maggio 2011.
  44. ^ a b Kevin Prince Boateng, Rai Sport. URL consultato il 3 settembre 2010.
  45. ^ Paolo Menicucci, Tre minuti di Zlatan bastano al Milan, uefa.com, 15 settembre 2010. URL consultato il 16 settembre 2010.
  46. ^ Anche Boa nella danza del gol, acmilan.com, 4 dicembre 2010. URL consultato il 5 dicembre 2010.
  47. ^ Milan - Brescia 3-0, Rai Sport, 4 dicembre 2010. URL consultato il 5 dicembre 2010.
  48. ^ Al Milan bastano 45' stellari: 3-0, Sport Mediaset, 4 dicembre 2010. URL consultato il 5 dicembre 2010.
  49. ^ Prince, no problem..., acmilan.com, 13 dicembre 2010. URL consultato il 7 marzo 2011.
  50. ^ Gaetano De Stefano, Ancora Boateng-Robinho-Ibra. Il Milan non si ferma più, La Gazzetta dello Sport, 12 dicembre 2010. URL consultato il 7 marzo 2011.
  51. ^ Alessandra Bocci, Emergenza Milan: Boateng k.o., La Gazzetta dello Sport, 31 dicembre 2010. URL consultato il 7 febbraio 2011.
  52. ^ Zambrotta è menisco. Boateng niente pubalgia, Robinho sì a Cagliari, il Giornale, 5 gennaio 2011. URL consultato il 7 febbraio 2011.
  53. ^ Non solo Pato, il Milan riscopre Boateng, La Stampa, 21 febbraio 2011. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  54. ^ Gol Boat, acmilan.com, 2 marzo 2011. URL consultato il 7 marzo 2011.
  55. ^ Gaetano De Stefano, Milan, lezione al Napoli: 3-0. Gol di Ibra, Boateng e Pato, La Gazzetta dello Sport, 28 febbraio 2011. URL consultato il 7 marzo 2011.
  56. ^  Strategia di mercato. acmilan.com, 25 maggio 2011. URL consultato in data 25 maggio 2011.
  57. ^ Federico Gambaro, Galliani: "Boa, Amelia e Paloschi sono felicissimi, Ibra resta, domani vedo Clarence e Bozzo", milannews.it, 24 maggio 2011. URL consultato il 25 maggio 2011.
  58. ^ Mercato: il Milan riscatta Boateng, Sport Mediaset, 24 maggio 2011. URL consultato il 25 maggio 2011.
  59. ^ Andrea Tabacco, Calciomercato - Boateng al Milan per 7 mln di euro, Eurosport, 24 maggio 2011. URL consultato il 25 maggio 2011.
  60. ^ A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 22 giugno 2011. URL consultato il 22 giugno 2011.
  61. ^ Deposito: Boateng Bolzoni Paloschi, genoacfc.it, 22 giugno 2011. URL consultato il 22 giugno 2011.
  62. ^ Gaetano De Stefano, Ibra-Boateng: Inter a terra. Festa Milan in Supercoppa, La Gazzetta dello Sport, 6 agosto 2011. URL consultato il 6 agosto 2011.
  63. ^ Gianluca Busetto, Milan-BATE Borisov 2-0: E' tornata la premiata ditta Ibra-Boateng, la qualificazione è vicina, goal.com, 19 ottobre 2011. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  64. ^ Missione compiuta, acmilan.com, 19 ottobre 2011. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  65. ^ Antonio Vitiello, BOArecord e SuperMario: da incubo ad estasi, milannews.it, 23 ottobre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  66. ^ Gaetano De Stefano, Milan, che rimonta a Lecce! Pazzesco 4-3: ci pensa Boateng, La Gazzetta dello Sport, 23 ottobre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  67. ^ A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 17 gennaio 2012. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  68. ^ Paolo Menicucci, Milan spettacolo, poker all'Arsenal, uefa.com, 15 febbraio 2012. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  69. ^ Gaetano De Stefano, Il Milan è uno spettacolo. Arsenal spazzato via: 4-0, La Gazzetta dello Sport, 15 febbraio 2012. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  70. ^ A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 18 febbraio 2012. URL consultato il 25 marzo 2012.
  71. ^ In 21 per la Roma, acmilan.com, 24 febbraio 2012. URL consultato il 25 marzo 2012.
  72. ^ Gaetano De Stefano, Ibra doppietta, Milan letale. Alla Roma non basta Osvaldo, La Gazzetta dello Sport, 15 febbraio 2012. URL consultato il 16 febbraio 2012.
  73. ^ 8 Noce-9 Pato-10 Boa, acmilan.com, 26 luglio 2012. URL consultato il 26 luglio 2012.
  74. ^ Catania 1 - 3 Milan, legaseriea.it, 30 novembre 2012. URL consultato il 1º dicembre 2012.
  75. ^ Jacopo Gerna, Il Milan faraonico torna grande. Rabbia Catania: 1-1 in fuorigioco, La Gazzetta dello Sport, 30 novembre 2012. URL consultato il 1º dicembre 2012.
  76. ^ Fabiana Della Valle, Pro Patria-Milan, cori razzisti a Boateng. I rossoneri lasciano il campo, La Gazzetta dello Sport, 3 gennaio 2013. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  77. ^ Cori razzisti allo stadio, la ribellione di Boateng, Il Secolo XIX, 3 gennaio 2013. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  78. ^ Lorenzo Zacchetti, Milan da urlo, il Barça si inchina, uefa.com, 20 febbraio 2013. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  79. ^ Gaetano De Stefano, Champions, Milan-Barcellona 2-0: capolavoro Allegri. Gol di Boateng e Muntari, La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 2013. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  80. ^ Pietro Mazzara, Boateng, prima doppietta in maglia Milan per lui, milannews.it, 29 agosto 2013. URL consultato il 31 agosto 2013.
  81. ^ Lorenzo Zacchetti, Boateng rilancia il Milan, uefa.com, 28 agosto 2013. URL consultato il 28 agosto 2013.
  82. ^ Paolo Mandarà, Champions League: Milan-Psv 3-0, rossoneri alla fase a gironi, Sport Mediaset, 28 agosto 2013. URL consultato il 28 agosto 2013.
  83. ^ Kevin Prince Boateng: 100 presenze ufficiali in maglia rossonera, acmilan.com, 29 agosto 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  84. ^ Ciao Boa - Ecco Matri!, acmilan.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 31 agosto 2013.
  85. ^ AC Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 30 agosto 2013.
  86. ^ (DE) S04 verpflichtet Kevin-Prince Boateng, schalke04.de/, 30 agosto 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  87. ^ Calcio Estero Bundesliga, Schalke 04: esordio vincente per Boateng, Corriere dello Sport, 31 agosto 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  88. ^ Germania, il Bayern non sbaglia. Boateng lancia lo Schalke, la Repubblica, 14 settembre 2013. URL consultato il 15 settembre 2013.
  89. ^ Grecia 0 - 3 Germania, fifa.com, 20 luglio 2005. URL consultato il 3 settembre 2010.
  90. ^ La Francia ringrazia Balde, fifa.com, 26 luglio 2005. URL consultato il 3 settembre 2010.
  91. ^ (DE) "Fritz-Walter-Medaillen" an talentierte Junioren-Spieler verliehen, dfb.de, 12 ottobre 2005. URL consultato il 3 settembre 2010.
  92. ^ (EN) Biography: Kevin-Prince Boateng, tottenhamhotspur.com. URL consultato il 27 giugno 2010.
  93. ^ Fifa approves Boateng's Ghana switch, ghanafa.org, 12 maggio 2010. URL consultato il 2 settembre 2010.
  94. ^ (DE) Kevin-Prince Boateng erhält Spielerlaubnis für Ghana, Bild, 12 maggio 2010. URL consultato il 2 settembre 2010.
  95. ^ Boateng handed Ghana spot, fifa.com, 30 maggio 2010. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  96. ^ (EN) Ken Ferris, Boateng brothers oppose each other at finals, Reuters, 23 giugno 2010. URL consultato il 2 settembre 2010.
  97. ^ Sogno Ghana: è nei quarti! Gyan cancella gli Stati Uniti, La Gazzetta dello Sport, 26 giugno 2010. URL consultato il 27 giugno 2010.
  98. ^ (EN) 23 Kevin Prince Boateng (Ghana) - Statistics - Main statistics, fifa.com. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  99. ^ (EN) FA Statement: Kevin Prince Boateng, ghanafa.org, 4 novembre 2011. URL consultato il 4 novembre 2011.
  100. ^ Lettera al Ghana: Kevin Prince Boateng lascia la Nazionale, Sky Sport, 4 novembre 2011. URL consultato il 4 novembre 2011.
  101. ^ Gaetano De Stefano, Boateng lascia la nazionale del Ghana, La Gazzetta dello Sport, 4 novembre 2011. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  102. ^ Enrico Ferrazzi, Ghana, Boateng torna in Nazionale, milannews.it, 14 giugno 2013. URL consultato il 14 agosto 2013.
  103. ^ (EN) GFA President confirms Boateng’s Black Stars return, footy-ghana.com, 13 agosto 2013. URL consultato il 14 agosto 2013.
  104. ^ (EN) Boateng writes to GFA to confirm his Black Stars return, ghanafa.org, 22 agosto 2013. URL consultato il 28 agosto 2013.
  105. ^ (EN) Essien returns for Ghana against Zambia, ghanafa.org, 27 agosto 2013. URL consultato il 28 agosto 2013.
  106. ^ Ghana: convocato Kevin-Prince Boateng per la partita contro Zambia, acmilan.com, 27 agosto 2013. URL consultato il 28 agosto 2013.
  107. ^ (EN) Kevin-Prince scores on Ghana return, ghanafa.org, 19 novembre 2013. URL consultato il 21 novembre 2013.
  108. ^ (EN) Kevin-Prince handed indefinite suspension, ghanafa.org, 26 giugno 2014. URL consultato il 27 giugno 2014.
  109. ^ (EN) Sulley Muntari suspended indefinitely from national team, ghanafa.org, 26 giugno 2014. URL consultato il 27 giugno 2014.
  110. ^ Follia Muntari-Boateng: entrambi espulsi dal Ghana e dal Mondiale, Sport Mediaset, 26 giugno 2014. URL consultato il 27 giugno 2014.
  111. ^ a b Play-off.
  112. ^ (EN) Toure crowned African Player of the Year 2011, cafonline.com, 23 dicembre 2011. URL consultato il 29 dicembre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 257438629