Kernel-based Virtual Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kernel-based Virtual Machine
Logo
Screenshot di qemu/kvm che emula NetBSD, OpenSolaris e Kubuntu su un host Arch linux.

Screenshot di qemu/kvm che emula NetBSD, OpenSolaris e Kubuntu su un host Arch linux.
Sviluppatore Open Virtualization Alliance (OVA)
Sistema operativo Linux
Linguaggio C
Genere Emulatore
Licenza GNU General Public License o GNU Lesser General Public License
(Licenza libera)
Sito web www.linux-kvm.org
Kernel-based Virtual Machine è supportad de libvirt.

Kernel-based Virtual Machine (KVM) è un'infrastruttura di virtualizzazione del kernel Linux. KVM attualmente supporta una completa virtualizzazione usando Intel VT o AMD-V. Un supporto limitato per la paravirtualizzazione è anche disponibile per gli ospiti Linux e Windows nella forma di un driver di rete paravirtuale. KVM è ora implementato come un modulo kernel caricabile, sebbene nelle future versioni potrà essere usata un'interfaccia a chiamata di sistema (system call) e sarà integrato direttamente nel kernel.

Virtual Machine Manager supporta la creazione, la modifica, l'avvio e l'arresto di macchine virtuali basate su KVM.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Software libero