Kepler-69

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kepler-69
Classificazione Nana gialla
Classe spettrale G4V[1]
Distanza dal Sole 2700 anni luce
Costellazione Cigno
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 19h 33m 02,625s
Declinazione +44° 52′ 08,03″
Lat. galattica 077,4823
Long. galattica +11,9941
Sistema planetario
Dati fisici
Raggio medio 0,93[2] R
Massa
0,81[2] M
Temperatura
superficiale
5638 K[2] (media)
Luminosità
0,80[2] L
Metallicità 51% rispetto al Sole[2]
Dati osservativi
Magnitudine app. 12,23 (Banda K)

Kepler-69 è una stella di dodicesima magnitudine situata nella costellazione del Cigno, a circa 2700 anni luce dal sistema solare. Si tratta di una stella di tipo solare, attorno alla quale, tra il 2011 e il 2013, sono stati scoperti due pianeti extrasolari. Le scoperte sono avvenute mediante il metodo del transito nell'ambito della missione Kepler.

Inizialmente conosciuta con il suo numero di catalogo KOI-172, il 18 aprile 2013 la stella e il suo sistema sono stati inclusi nel catalogo delle scoperte Kepler, rendendolo così il 69° sistema confermato dalla missione.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

Kepler-69 è una nana gialla un po' più piccola del Sole, ed ha una massa e una luminosità attorno all'80% della nostra stella[2]. La temperatura superficiale è leggermente più bassa, attorno ai 5638 K, mentre l'abbondanza di elementi più pesanti dell'elio, nota come metallicità, è circa la metà di quella del Sole[2].

Sistema planetario[modifica | modifica sorgente]

Il primo pianeta scoperto, Kepler-69 b, orbita piuttosto vicino alla stella madre, a circa 0,1 UA con un periodo orbitale di 13,7 giorni. Il suo raggio è oltre il doppio di quello della Terra, mentre per la determinazione della massa serviranno ulteriori osservazioni con le velocità radiali. Il secondo pianeta, Kepler-69 c, annunciato nel gennaio 2013 come KOI-172.02, orbita a circa 0,64 UA dalla stella, nella zona abitabile del sistema, ed ha un raggio una volta e mezzo quello terrestre. Per queste sue caratteristiche il pianeta ha riscosso subito molto interesse da parte del pubblico, in quanto primo vero pianeta di massa terrestre e non superterrestre ad orbitare nella zona abitabile di una stella di tipo solare. Come per il pianeta più interno serviranno successive osservazioni per la determinazione della massa e quindi della sua densità. Da questa si può infatti dedurre la composizione del pianeta, se prevalentemente rocciosa, metallica o la presenza di un grande oceano globale.

Il prospetto del sistema di Kepler-69 è il seguente:

Pianeta Tipo Raggio Periodo orb. Sem. maggiore Eccentricità Incl. orbita Scoperta
Kepler-69 b Super Terra 2,24 R 13,722 giorni 0,094 UA 0,16 89,62° 2011
Kepler-69 c Super Terra 1,71 R 242,4613 giorni 0,64 UA 0,14 85,85° 2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Spettri stimati sulla base della sola temperatura, come esposto in A Modern Mean Stellar Color and Effective Temperatures (Teff)#Sequence for O9V-Y0V Dwarf Stars, sito di E. Mamajek
  2. ^ a b c d e f g Thomas Barclay et al., A super-Earth-sized planet orbiting in or near the habitable zone around Sun-like star, 17 aprile 2013.arΧiv:1304.4941v1

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni