Kepler-22

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kepler-22
Posizione di Kepler-22 nella costellazione del Cigno.Posizione di Kepler-22 nella costellazione del Cigno.
Classificazione Nana gialla
Classe spettrale G5[1]
Distanza dal Sole 187 parsec (~610 anni luce)[1]
Costellazione Cigno
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 19h 16m 52,2s [2]
Declinazione +47° 53′ 4,2″[2]
Dati fisici
Raggio medio 0,979 ± 0,020[3] R
Massa
0,970 ± 0,060[3] M
Velocità di rotazione
(all'equatore)
0,6 ± 1,0 m/s[3]
Temperatura
superficiale
5518 ± 44 K[3] (media)
Luminosità
0,79 ± 0,04[3] L
Metallicità –0,29 ± 0,06[3]
Dati osservativi
Magnitudine app. 11,664[3]
Nomenclature alternative
KOI-087,[2] KIC-10593626, 2MASS J19165219+4753040

Kepler-22 è una stella nana gialla visibile nella costellazione del Cigno, ad una distanza di circa 610 anni luce (187 parsec)[1] dal sistema solare. In corrispondenza della sua zona abitabile orbita un pianeta extrasolare. Con una magnitudine apparente di 11,7, Kepler-22 è troppo debole per essere vista ad occhio nudo, ma è indispensabile un telescopio avente un'apertura di almeno 4 pollici (10 cm) per poterla scorgere.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una stella lievemente più piccola del Sole, con una massa ed un raggio approssimativamente pari al 97% degli analoghi parametri riferiti alla nostra stella (M e R) ed una luminosità pari a circa l'80% della luminosità solare.[3] La sua classe spettrale è G5, e anche se non è data a sapere la sua classe di luminosità, i valori di massa e raggio suggeriscono che, come il Sole, si tratta di una stella di sequenza principale. Le proiezioni della velocità di rotazione (v sin i) indicano un valore di 0,6 km/s, che suggerisce che il periodo di rotazione della stella sia piuttosto basso.[3]

Il sistema planetario[modifica | modifica sorgente]

Il sistema di Kepler-22b rapportato al sistema solare.

Il 5 dicembre 2011 la comunità astronomica ha dato l'annuncio della scoperta, in orbita attorno alla stella, di un probabile esopianeta simile alla Terra (Kepler-22 b) in corrispondenza della zona abitabile del sistema.[4] Si tratta della prima scoperta di un pianeta delle dimensioni della Terra (più precisamente si tratta di una super Terra) posta inequivocabilmente nella zona abitabile del proprio sistema planetario.[5]

Prospetto[modifica | modifica sorgente]

Segue un prospetto con i principali dati del pianeta orbitante.

Pianeta Massa Raggio Periodo orb. Sem. maggiore Eccentricità Scoperta
b  ? 2,4 R 289,9 giorni 0,85 UA 2011


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c J. Schneider, Star: Kepler-22, Extrasolar Planets Encyclopaedia, Paris Observatory. URL consultato il 6-12-2011.
  2. ^ a b c Kepler Discoveries, 5-12-2011.
  3. ^ a b c d e f g h i Kepler-22b, NASA Ames Research Center. URL consultato il 6-12-2011.
  4. ^ R. Boyle, Kepler Team Confirms First Earth-like planet in a habitable zone, And Finds 1,094 More Worlds, Popular Science, 5 dicembre 2011. URL consultato il 5-12-2011.
  5. ^ NASA Telescope Confirms Alien Planet in Habitable Zone, Space.com, 5-02-2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni