Kelly Sotherton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kelly Sotherton
Kelly Sotherton 2.JPG
Dati biografici
Nome Kelly Jade Sotherton
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Altezza 180 cm
Peso 65 kg
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità Prove multiple
Record
200 m 23"39
400 m 52"19
800 m 2'07"34
60 m hs 8"17
100 m hs 13"18
Alto 1,87 m
Lungo 6,79 m
Peso 14,66 m
Giavellotto 40,81 m
Heptathlon 6547 punti
Pentathlon 4771 punti
Società Birchfield Harriers
Carriera
Nazionale
1997
2002
2004-2008
Regno Unito Regno Unito
Palmarès
Giochi Olimpici 0 0 1
Mondiali 0 0 1
Mondiali indoor 0 1 0
Europei indoor 0 3 0
Giochi del Commonwealth 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 2011

Kelly Jade Sotherton (Newport, 13 novembre 1976) è un'atleta britannica, specializzata nelle prove multiple, nel salto in lungo e nei 400 metri, bronzo olimpico ad Atene nel 2004 nell'heptathlon. Fu anche terza ai Mondiali di Osaka del 2007 e vincitrice dei Giochi del Commonwealth del 2006. Nel novembre del 2010 annunciò la sua decisione di ritirarsi definitamente dall'heptathlon, a favore dei 400 metri[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Kelly Sotherton al Keien Meeting del 2007

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

Da ragazza Kelly Sotherton giocava a netball per la squadra di Hampshire, ma vinse anche due Campionati Nazionali Studenteschi nell'heptathlon. Nel 1997 partecipò ai primi Campionati europei under 23 di atletica leggera, classificandosi al decimo posto. In seguito, abbandonato definitivamente il netball, si trasferì dall'Isola di Wight, dove abitava fin dalla nascita, al Midlands, per allenarsi con la campionessa olimpico di Sydney 2000 Denise Lewis. Fece il suo debutto da adulta nella nazionale inglese nel 2002, quando già era un membro della prestigiosa società Birchfield Harriers.

2004[modifica | modifica sorgente]

L'atleta ottenne il riconoscimento internazionale nel 2004, quando inaspettatamente si classificò terza ai Giochi Olimpici di Atene dietro alla vincitrice Carolina Klüft e a Austra Skujytė, totalizzando il punteggio di 6424 punti e finendo avanti a Denise Lewis, che si ritirò per un infortunio senza portare a termine tutte e sette le prove.

2005[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo del 2005 gareggiò ai Campionati europei indoor, dove vinse l'argento sempre dietro a Carolina Klüft. A maggio a Götzis (Austria) fu battuta ancora una volta dalla svedese, ma stabilì il suo record personale con 6547 punti. Ai Campionati Nazionali AAA, a luglio, Kelly Sotherton gareggiò in quattro discipline diverse e si laureò campionessa nazionale per la prima volta, vincendo il salto in lungo con un salto di 6,48 metri. Ai Campionati del Mondo fu in lizza per la medaglia nell'heptathlon fino a una disastrosa performance nel tiro del giavellotto. Nonostante la successiva vittoria negli 800 metri abbassando di 2,5 secondi il proprio record sulla distanza, riducendo lo svantaggio con le avversarie, finì solo al quinto posto.

2006[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo del 2006 Kelly Sotherton gareggiò per l'Inghilterra ai Giochi del Commonwealth, a Melbourne. Vinse l'oro con un punteggio di 6396 punti, davanti all'australiana Kylie Wheeler (argento) e alla sua connazionale Jessica Ennis (bronzo). In agosto prese parte ai Campionati europei. Fu settima, sempre davanti a Jessica Ennis, dopo a una disastrosa prestazione nel giavellotto che la scalzò dal secondo posto.

2007[modifica | modifica sorgente]

Il 2007 vide la Gran Bretagna ospitare i Campionati europei indoor, a Birmingham. Kelly Sotherton prese parte alla al pentathlon, a cui parteciparono anche Carolina Klüft (ritiratasi dopo la prima prova, i 60 metri ostacoli) e Jessica Ennis. Quest'ultima prese la testa della gara con 1,91 m saltati nel salto in alto, a dispetto del personale di 1,88 m stabilito dalla Sotherton per l'occasione.

Progressione[modifica | modifica sorgente]

Eptathlon[modifica | modifica sorgente]

Pentathlon indoor[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Matt Slater, Sotherton eyes 400m after injuries end heptathlon hopes, BBC Sports, 1 novembre 2010. URL consultato il 21 agosto 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]