Kelly Bishop

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kelly Bishop, nome d'arte di Carole Bishop, (Colorado Springs, 28 febbraio 1944), è un'attrice teatrale e attrice cinematografica statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice carismatica, Kelly Bishop cresce a Denver, in Colorado. Sin da piccola studia danza classica. A 18 anni si sposta a New York, dove lavora per un anno come ballerina di fila nella compagnia di balletto del Radio City Music Hall.

Continuerà a ballare a Las Vegas, fin quando nel 1967 ottiene il suo primo ruolo a Broadway, nello spettacolo Golden Rainbow. Il suo primo vero successo professionale avviene quando nel 1976 interpreta la sensuale Sheila Bryant nel musical di Broadway, A Chorus Line, per cui vince il Tony Award come Miglior Attrice Non Protagonista. Successivamente sarà molto impegnata in teatro, in spettacoli di successo come Six Degrees of Separation, Proposals di Neil Simon, Halloween Horror, The Last Night of Ballyhoo e Bus Stop.

Debutta nel cinema nel drammatico Una donna tutta sola (An Unmarried Woman, 1977) di Paul Mazursky, e successivamente sullo schermo la si vedrà soprattutto nel ruolo di madre, in film come il celebre Dirty Dancing - Balli proibiti (Dirty Dancing, 1987) di Emile Ardolino, con Patrick Swayze e Jennifer Grey.

La vera celebrità viene però dalla televisione: a partire dal 2000 interpreta il personaggio di Emily Gilmore, la sofisticata quanto invadente madre della protagonista (Lorelai Gilmore, interpretata da Lauren Graham) nella celebre serie televisiva Una mamma per amica (Gilmore Girls). Attualmente è co-protagonista della serie A passo di danza (Bunheads).

Dal 1981 è sposata con il presentatore televisivo Lee Leonard.

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]