Kazimierz Bartel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kazimierz Bartel
Kazimierz Bartel con Piłsudski e Mościcki dopo l'elezione presidenziale del 1926

Kazimierz Bartel (Leopoli, 3 marzo 1882Leopoli, 26 luglio 1941) è stato un politico e matematico polacco. Ricoprì la carica di Primo ministro della Polonia dal 1926 al 1930.

Nacque a Lemberg (Lwów, in polacco, Leopoli in italiano) il 3 marzo 1882. Dopo aver completato la scuola superiore, studiò al Politecnico di Leopoli al Dipartimento di Ingegneria meccanica. Si laureò nel 1907 e divenne presto assistente di Geometria descrittiva. Dal 1914 fu professore nell'università in cui si era laureato.

Coscritto nell'esercito austro-ungarico durante la prima guerra mondiale, nel 1918 tornò a Leopoli. Nel 1919, da comandante delle truppe delle ferrovie, combatté nella difesa di Leopoli contro l'assedio dell'Ucraina.

Nominato Ministro delle Ferrovie nel 1919, nel 19221930 fu membro del Sejm polacco (il Parlamento). Dopo il colpo di stato di maggio di Józef Piłsudski, nel 1926, divenne Primo Ministro e mantenne la carica per quattro anni. Nel 1930 rinunciò alla politica e tornò nell'ambiente universitario. Nello stesso anno divenne rettore del Politecnico di Leopoli ed ottenne in seguito un dottorato onorario e la tessera dell'Associazione Matematica Polacca.

In questo periodo pubblicò i suoi scritti più importanti, tra i quali una serie di lezioni sulla prospettiva nella pittura europea attraverso i secoli. Nel 1937 fu nominato senatore della Polonia e mantenne questo titolo fino allo scoppio della guerra.

Dopo l'occupazione sovietica fu autorizzato a continuare a insegnare al Politecnico di Leopoli. Nel 1940 fu trasferito a Mosca e gli fu offerto un seggio al Parlamento sovietico. Bartel però rifiutò e tornò a Leopoli.

Poco dopo l'invasione tedesca dell'URSS, il 30 giugno 1941, la Wehrmacht entrò a Leopoli. Kazimierz Bartel fu arrestato due giorni dopo e imprigionato in una prigione della Gestapo. Gli fu offerta l'opportunità di creare un governo fantoccio polacco, ma egli rifiutò e, per ordine di Heinrich Himmler, fu giustiziato il 26 luglio 1941, poco dopo il massacro di massa dei suoi colleghi. Il luogo di sepoltura è rimasto sconosciuto.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Croce d'Argento dell'Ordine Virtuti Militari - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'Argento dell'Ordine Virtuti Militari
— 1922
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 1932
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Primo ministro della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Wincenty Witos 15 maggio 1926 - 8 giugno 1926 Kazimierz Bartel
Predecessore Primo ministro della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Kazimierz Bartel 27 settembre 1926 - 4 giugno 1926 Kazimierz Bartel
Predecessore Primo ministro della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Kazimierz Bartel 24 settembre 1926 - 30 settembre 1926 Józef Piłsudski
Predecessore Primo ministro della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Józef Piłsudski 27 giugno 1928 - 13 aprile 1929 Kazimierz Świtalski
Predecessore Primo ministro della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Kazimierz Świtalski 29 dicembre 1929 - 15 marzo 1930 Walery Sławek

Controllo di autorità VIAF: 40287611